Descrizione

La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi” - Honorè de Balzac -

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano !" - Isaac Newton -

Contra factum non valet argumentum”

venerdì 29 giugno 2018

Gli scienziati di Oxford hanno dato a 1.400 bambini sudafricani un nuovo vaccino contro la tubercolosi nonostante abbia ucciso cinque scimmie su sei durante i test

Un macaco del laboratorio di sperimentazione animale dell'Università di Oxford da un documentario del 2006
Questo giusto per evidenziare in quali mani di criminali siamo, non mi pare che il British Medical Journal e il Daily Mail possano essere accusati di fake news, almeno per quanto riguarda i parametri del potere, non certo i nostri che sono agli opposti, ma per vicende inverse.

Credo che ogni lavoro, ma anche gioco debba essere fatto con responsabilità e coscienza, ma alcuni a maggior ragione, medici, scienziati, avvocati, magistrati, politici, forze di polizia, per fare degli esempi, perchè hanno la vita di altre persone nelle mani e invece spesso vincono gli interessi personali, l'opportunismo se non la superficialità, è il risultato de Ildelirio Materialista.


Nello specifico, sempre personalmente, credo che non si possa giocare con la vita altrui, poi di bambini, la sicurezza deve essere oltre ogni ragionevole dubbio, tanto c'è sempre l'imponderabile con cui già bisogna fare i conti e questi rispondono che "era immorale non provarci", immorale per chi ? Per le loro tasche, bramosie e psicopatologie varie. Un farmaco è pericoloso ne provi un altro, tanto ... e comunque finisce pappa e ciccia, non che questa volta per fortuna è andata bene, ma la prossima ? Questi sono personaggi pericolosi e di assai dubbia etica e moralità, anzi sprovvisti totalmente, anche solo per la risposta e questo vaccino oltre che pericoloso, per di più non serviva a niente !! E viene fuori quasi 10 anni dopo ...

Ancora una volta si evidenzia che per un motivo o per l'altro, sempre gli stessi, la società, noi, non abbiamo prodotto gli anticorpi per difendersi e si vorrebbe trovarli tramite siringhe ... !?
Il fatto la dice lunga su tutto l'argomento pericolosità dei vaccini e impunità varie, evitando l'argomento più delicato e discusso della volontarietà, ma questa è un'altra storia.

Per puro caso, articolo introduttivo per altri due che ho in preparazione, ma molto più complicati da fare, la storia della nascita dell'AIDS, che me lo ricorda molto e un altro sulla questione vaccini appunto e farmaci più in generale, dipanata tra scienza, interessi, menzogne e pericolosità da un addetto ai lavori, anche scienziato di una incredibile onestà intellettuale che abbiamo già incontrato, interessantissimi e se devo dire assai sconvolgenti se c'è ancora qualcosa che possa stupire, non credo ... appena riesco.
Tutto si intreccia ...

Detergenti Naturali


Gli scienziati di Oxford hanno dato a 1.400 bambini sudafricani un nuovo vaccino contro la tubercolosi nonostante abbia ucciso cinque scimmie su sei durante i test


10 gennaio 2018
  • Quasi 1.400 hanno ricevuto il vaccino nonostante cinque dei sei primati fossero morti durante le prove mediche
  • Le informazioni fornite ai genitori dei bambini hanno rivelato che il vaccino era efficace
  • I bambini non sono stati danneggiati dal vaccino, ma non li ha protetti contro la tubercolosi
Gli accademici dell'Università di Oxford hanno dato ai bambini africani un nuovo vaccino contro la tubercolosi legato alla morte delle scimmie nei test.

Quasi 1.400 bambini sono stati sottoposti al colpo sperimentale anche se cinque dei sei primati coinvolti in un processo sono morti.

Una scheda informativa fornita ai genitori dei bambini nel 2009 ha dichiarato che il vaccino è stato testato su animali ed è stato "dimostrato di essere sicuro ed efficace". Ma non ha menzionato che il processo per scimmie era fallito.

I dettagli, pubblicati la scorsa notte dopo un'indagine del "British Medical Journal", hanno spinto a chiedere un inasprimento delle norme che regolano il modo in cui viene riportata la ricerca sugli animali. I ricercatori di Oxford sono stati accusati di "cherry picking"  per le loro prove scientifiche.

(La frase in lingua inglese "cherry picking" indica una fallacia logica (evidenza soppressa) che si esplica nel selezionare le sole prove a sostegno della propria tesi ignorando le prove che la smentiscono. Il cherry picking può essere attuato sia in modo conscio che inconscio, e il più comune esempio di cherry picking è il bias di conferma. NdR)

SPEDIRE WEB

I bambini, del Sud Africa, non sono stati danneggiati dal vaccino - chiamato MVA85A - ma non ha fatto nulla per proteggerli contro la tubercolosi.

Oxford, che poi abbandonò il vaccino, insiste nel dire che ha fornito i risultati dello studio sulle scimmie alle autorità di regolamentazione del Regno Unito, Stati Uniti e Sud Africa prima dell'inizio del processo infantile. Non aveva mostrato problemi di sicurezza in altri quattro studi sugli animali - nei topi, nelle cavie e in altre scimmie.

Ed era anche stato testato in 14 studi sugli esseri umani, che coinvolgevano 400 adulti, ragazzi e bambini nel Regno Unito, Gambia e in Sud Africa prima di essere somministrato ai bambini. I ricercatori di Oxford dicono che le scimmie morirono in uno studio particolare perché avevano usato una versione più forte della tubercolosi.

Gli animali erano diventati "molto malati" e dovevano essere abbattuti. Ma gli esperti sostengono che non avrebbe dovuto impedire a Oxford di rendere noti i risultati ai genitori sudafricani e ha accusato gli scienziati di utilizzare un approccio "pick and mix"  (scegliere e combinare a piacimento NdR) per i loro risultati.


Il professor Malcolm Macleod, dell'Università di Edimburgo, ha dichiarato:
"Abbiamo bisogno di sviluppare modi migliori e più sistematici per stabilire quando un farmaco è pronto per gli studi clinici negli esseri umani - e, soprattutto, quando non lo è".
"Fino a quando le nostre istituzioni non riconosceranno che il loro scopo principale è quello di produrre una ricerca di valore per la società, rischiano un lento declino della loro reputazione e probabilmente un'erosione più rapida e più seria della fiducia del pubblico nella scienza".
Jonathan Kimmelman, della McGill University in Canada, ha detto che il caso di Oxford non è stato isolato.
"È ampiamente riconosciuto che gli studi sugli animali intesi a sostenere lo sviluppo di farmaci sono spesso crivellati di difetti nella progettazione e nella segnalazione", ha affermato.
"Sfortunatamente, ci sono stati altri casi in cui nuovi test sono stati sottoposti a test sull'uomo su prove animali che erano prevedibilmente errate, incomplete o addirittura negative".

Oxford ha detto che sarebbe stato in realtà immorale non procedere con il baby trial, dato che il vaccino si era dimostrato promettente in tanti test precedenti. Una serie di accuse si dice siano state fatte sul processo da un ex dipendente, il professor Peter Beverley, contro lo scienziato che ha sviluppato il vaccino, la professoressa Helen McShane.

Tre indagini separate dell'università le hanno chiarito ogni errore. Il professor Ewan McKendrick, cancelliere dell'università, ha dichiarato:
"Il terzo panel nel 2016 non solo ha chiarito la professoressa McShane di qualsiasi cattiva condotta accademica, ma è arrivato al punto di aggiungere quello sulla base della comprovata sicurezza del vaccino negli esseri umani e della fase 1 positiva e prove di fase 2A, sarebbe stato immorale non procedere con le sperimentazioni di fase 2 nei bambini".
"È giunto il momento di interrompere il ripetuto riconfezionamento delle critiche e delle accuse che l'analisi indipendente di esperti ha dimostrato essere priva di fondamento".
Il professor Mike Turner del Wellcome Trust, che ha finanziato lo studio, ha affermato che le sperimentazioni cliniche sono state condotte
"secondo i più alti standard". "La decisione di testare questo vaccino candidato era corretta e basata su dati solidi e positivi provenienti da studi più piccoli condotti su esseri umani che dimostravano che il vaccino candidato era sicuro e che poteva essere efficace", ha aggiunto.
"Le sperimentazioni sugli esseri umani non sempre generano gli stessi risultati dei test sugli animali, motivo per cui i risultati nei modelli animali sono in genere solo una serie di considerazioni per determinare se spostare la ricerca in avanti".
Fonte   dailymail   wikipedia

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/unmondoimpossibile
Twitter @UImpossibile


Sei libero: di condividere, di copiare, distribuire e trasmettere quest'opera sotto le seguenti condizioni.
Logo NaturPlus
Articoli correlati


Bias di conferma - Trappole cognitive e mentali



Langhe