Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

sabato 13 febbraio 2016

Israele chiede Censura mondiale di Internet

Il detto dice:
"Chi nasce rotondo non può morir quadrato"
certamente non sono nati rotondi ma storti, avariati e psicopatici e difficilmente moriranno dritti, sani e normali.
Come sempre quanto è dichiarato è solo una copertura per le motivazioni reali, partono con l'istigazione alla violenza palestinese nei social media, proseguono con l'antisemitismo e si finirà appunto alla censura del web, era cosa ovvia, se si ha buona dimestichezza della rete e sopratutto di queste tematiche ci si rende conto che è come una valanga dirompente, qualsiasi notizia, false flag, manipolazione, menzogna, disinformazione viene scoperta, analizzata, sezionata, scompattata e divulgata in tempo zero in tutto il mondo, ormai tutto quello che gli psicopatici fanno è diventata una barzelletta, addirittura c'è chi prevede in anticipo le mosse e non sbaglia. I social poi sono proprio i più diretti, ben più di un miliardo di persone collegate in tutto il mondo, vuoi o non vuoi le notizie ti passano davanti, poi stà al singolo approfondire o meno, dei mezzi fatti per controllare che però inevitabilmente sfuggono di mano, la questione è ben sintetizzata in questa frase che mi piace troppo:
"Internet è la prima invenzione dell'uomo che l'uomo non capisce, il più grande esperimento di anarchia mai visto". Eric E. Schmidt. Chairman e CEO di Google .
quindi lì stà il problema è fin troppo chiaro, bloccare i social ancor di più e non è la prima volta che cercano di imporre la censura al web, ricordo.
Si sa anche che i capofila della degenerazione sono gli israeliani che si sono comperati tutti gli altri "in un modo o nell'altro", corruzione, denaro, minacce, ricatti, omicidi e questo lo dicono dei loro correligionari, per fortuna non si può fare di tutta l'erba un fascio. Bisogna mettergli una pezza, come fare ? Certo non si smentiscono, come per l'olocausto che come questione non stà più in piedi facciamo una bella legge per omologare la storia, non si studia più a scuola o all'università ma nei tribunali, gli dai due soldi o gli mandi l'ADL a minacciarli e belle fatta la sentenza e la storia, quì è lo stesso la verità fà paura ... censuriamo e come da programma millenario giudaico pagamento di sanzioni per le aziende che non rispetteranno la legislazione, nemmeno si parla di chi pubblica certe cose che comunque sono già ampiamente regolamentate e spesso non condivisibili. (NdR)
La questione:
25 gennaio 2016 

Il ministro della Pubblica sicurezza israeliano Gilad Erdan ha svelato i piani per censurare le piattaforme dei social media di Internet in tutto il mondo con la costruzione di una "coalizione internazionale" per contrastare le critiche di Israele.


Secondo un articolo del Times of Israel, il piano di Erdan chiede 
"lo sviluppo di una legislazione in collaborazione con i paesi europei," la maggior parte delle quali "sono molto interessati a questa idea."
La legislazione dovrebbe avere caratteristiche comuni, come ad esempio la definizione di ciò che costituisce l'incitamento e quali sono le responsabilità delle reti sociali che lo riguardano, un portavoce del ministro ha detto al quotidiano base israeliano.
"Le aziende che non rispettano si troveranno trascinate in tribunale, e al pagamento di una sanzione", ha aggiunto.
 

Secondo il piano, i paesi partecipanti sarebbero stati parte di una
"coalizione che avrebbe mantenuto un occhio sui contenuti e dove vengono pubblicati, e membri della coalizione servirebbero per chiedere alle piattaforme di rimuovere il contenuto che è stato pubblicato in qualsiasi dei loro paesi su richiesta dei membri".
"Questo è un progetto perfettamente logico e giusto", ha detto il portavoce di Erdan. "Se un hotel è stato utilizzato come sede di un gruppo di odio, vorremmo chiedere all'hotel di rompere il suo contratto, e vorremmo chiedere ad altri hotel di astenersi da ospitarli, in modo che il gruppo di odio non sarebbe in grado di tenere il suo evento. Questo non è diverso. "


Anche se gli israeliani stanno tentando di nascondere il progetto come contro la pubblicazione palestinese della "promozione della violenza materiale" su Internet, è chiaro che l'estensione di questa "coalizione" ha una portata molto più ampia.

Un grafico anatomico postato su Facebook
da Gaza Zahran Barbah l'8 ottobre, che
mostra quali parti del corpo mirare
quando si accoltella la vittima.
(Per gentile concessione di MEMRI)
Per giustificare il piano, l'ufficio di Erdan ha utilizzato un esempio di un palestinese che avrebbe pubblicato un grafico che mostra il corpo con i posti migliori per accoltellare qualcuno fatalmente, a quanto pare un riferimento alla recente ondata di attacchi con il coltello contro gli ebrei in Israele.

Come se ci volesse un grafico per sapere dove colpire per ammazzare qualcuno, scappa da ridere, sia per chi lo ha messo e sia per chi se ne preoccupa MA ovviamente è usato come scusa (NdR) 

Il numero di messaggi di tale natura sono, tuttavia, molto pochi in confronto al volume del materiale che c'è su Internet, e ci sono già più metodi sufficienti in atto per affrontare tali incidenti e farli rimuovere.

Tuttavia, il portavoce di Erdan ha detto che la "coalizione" avrebbe

"forza trainante nei giganti dei media sociali di tutto il mondo per evitare che le loro piattaforme siano abusati per spacciare l'incitamento al terrorismo".
I mezzi di comunicazione sociale giganti 
"fanno milioni, ma sostengono che non sono responsabili per i contenuti, e che essi forniscono solo una piattaforma,"
un portavoce Erdan ha detto al Times of Israel .
"Questo non sta andando a risolvere. Stiamo progettando di mettere fine a questa irresponsabilità, e ci accingiamo a farlo come parte di una coalizione internazionale che ne ha avuto abbastanza di questo comportamento".
Questo articolo è solo un riassunto commentato per cui sono andato a vedere l'originale inserisco quello che manca poi commento:

Israel eyes world coalition to force social media platforms to block incitement
La proposta di Erdan è arrivata settimane dopo che il figlio di un uomo di Gerusalemme ucciso in un attacco terroristico ha esortato i legislatori a fare di più per reprimere incitamento sociale sui media.
Caricatura Anti-Israele sulla pagina di Facebook di Fatah
Nel corso di un'udienza alla Knesset nel mese di novembre, Avni ha sostenuto che le piattaforme di social media come Facebook, YouTube e Twitter, sono praticamente abitate da milioni di persone ogni giorno, devono essere considerate come paesi o continenti. Bisognerebbe, ha detto, che è necessario regolamentare i social media nello stesso modo in cui le nazioni regolano altri settori come la finanza, trasporti, comunicazione, trasmissione, l'assistenza sanitaria, e il cibo.

Gli avvocati rispondono

Reazione alla proposta Erdan da avvocati che hanno parlato a The Times of Israel era mista. Un avvocato coinvolto nelle più alte sfere del business di Internet in Israele ha chiesto di mantenere l'anonimato a causa della sensibilità della sua posizione. Ha detto che i termini di servizio delle piattaforme dei social media li proteggono dai processi.
"Il punto delle piattaforme dei social media è quello di fornire un forum per gli utenti per esprimere se stessi", ha detto l'avvocato. "Non vogliamo microgestire ogni bit di dati che loro abbiano posto, e probabilmente non vogliamo che gli amministratori a Facebook e Twitter leggano o guardino tutte le immagini che pubblichiamo", ha aggiunto.
"Inoltre, questo sarebbe quasi impossibile da fare tecnologicamente", ha continuato l'avvocato. "Come farebbe il sito a sapere quando è stato caricato qualcosa di negativo? E anche se una tale legge fosse approvata, la piattaforma potrebbe decidere che non vale la pena di fare affari nel paese in cui sono stati loro ascritti - come Israele - e semplicemente spegnere l'accesso alla loro piattaforma del tutto. E 'questo ciò che vogliamo davvero?"
Un cartone animato antisemita e anti-Israele, condiviso
da un gruppo filo-palestinese austriaco su Facebook
Procuratore Nitsana Darshan-Leitner della Israel Law Center non è d'accordo, però. In realtà, ha detto,
"questo è esattamente il motivo per cui Erdan è alla ricerca di una coalizione".
Si scopre che Israele ha già in atto la legislazione necessaria per perseguire Facebook e altri siti di social media per il contenuto antisemita; una legge che permette ad Israele di perseguire antisemiti che minacciano l'esistenza o il benessere del popolo ebraico è sui libri per decenni. Tale legge, ha detto, potrebbe essere utilizzata per perseguire i social media network che non fanno abbastanza per prevenire sentimenti anti-Israele o di incitamento anti-ebraico.
"Ma se Israele va da solo, allora si potrebbe decidere di tagliare i legami con noi", ha detto Darshan-Leitner. "Ecco perché Erdan sta cercando di costruire questa coalizione internazionale. Non c'è sicurezza nei numeri;se Facebook etc. sanno che stanno per affrontare la musica in una dozzina di paesi, saranno molto più suscettibili di essere proattivi su questo punto che se stessero contendendo solo con Israele".
Darshan-Leitner ha detto che pensa che l'idea di Erdan avrà successo.
"Anche se siamo forse i più grandi malati di istigazione araba, non siamo gli unici. Gli europei, dopo tutto, hanno negli ultimi anni hanno avuto effetti devastanti di ciò che l'istigazione può portare negli attacchi terroristici a Marsiglia, Parigi, Tolosa; nel flusso di musulmani in Svezia identificarsi con IS, e molti altri incidenti e attacchi, grandi e piccoli.
"Non si tratta di libertà di parola", ha detto Darshan-Leitner. "E 'da tempo stabilito che urlare' fuoco 'in una sala cinematografica è un reato perseguibile. Siete liberi di dire ciò che si vuole, ma quando quello che dici porta a danni - e tanto meno un omicidio - che è una storia completamente diversa".
Twitter e YouTube non è stato possibile raggiungerli per un commento per questo pezzo. In un comunicato, Facebook ha detto che 
"regolarmente lavoriamo con le organizzazioni di sicurezza e responsabili politici di tutto il mondo al fine di garantire che le persone sappiano come mantenere sicurezza quando si usa Facebook. Non c'è posto per i contenuti che incoraggiano la violenza, minacce dirette, il terrorismo o espressioni di odio sulla nostra piattaforma.
"Questa è una comunità di oltre 1,5 miliardi di persone, tra cui più di 4 milioni di persone in Israele, con regole chiare. Abbiamo una serie di norme comunitarie per aiutare le persone a capire ciò che è consentito su Facebook, ed esortiamo le persone a utilizzare i nostri strumenti di reporting se trovano contenuti che credono che violi questi standard, in modo che possiamo indagare e agire rapidamente. Non vediamo l'ora di continuare il dialogo con il governo su questi temi", ha aggiunto il comunicato.
O si è completamente stupidi altrimenti è tutto chiarissimo, alla fine si finisce di essere ripetitivi ma loro perseverano e noi ribadiremo fino alla morte, il problema non sono loro che effettuano da decenni un genocidio di un popolo a casa sua prima con attentati ed attacchi terroristici poi con cannoni, carri armati, missili, fosforo bianco, uccidendo anche migliaia di bambini, destabilizzando tutto il medio oriente e non basta facendo ingerenze in tutti i governi delle nazioni che possono, no il problema sono quei poveracci che si difendono a "coltellate" magari bambini. Nulla hanno a che pretendere dalla terra di Palestina, il 90% sono ebrei askenaziti discendenti del popolo Khazaro tribù violenta adoratrice del "fallo" e di "satana" turco asiatica e detto da un rettore ebreo di cattedra all'Università di Tel Aviv gli unici discendenti degli ebrei biblici sono .... i palestinesi perchè lì rimasti e poi convertiti da chi è arrivato dopo. Quindi l'antisemitismo è caso mai contro i semiti, i palestinesi non i turchi vissuti poi per secoli in Europa. Nella loro psicopatologia come tutti i criminali pensano di aver ragione è che l'umanità dovrebbe avere nel DNA gli strumenti atti alla sopravvivenza e non farsi sopraffare da dei pazzi assassini.
Tornando all'articolo devono chiudere la bocca al mondo per farsi gli affaracci propri, ditemi voi se c'è bisogno di un social network per difendere la propria pelle, è una palese scusa se tu fai vedere i bombardamenti contro i palestinesi alimenti l'anti-israele e ci mancherebbe....
Si sono fatti beccare nei decenni più volte a fare false flag ed a usare arabi corrotti o manipolati per fare attentati o screditare questa o quella nazione, basta leggere, fatti beccare, immaginatevi quante altre volte non li hanno pescati la statistica criminale dice che il 10% viene scoperto, fate voi e quì veniamo a quello che dice sopra il Procuratore Nitsana Darshan-Leitner della Israel Law Center
"Gli europei, dopo tutto, hanno negli ultimi anni hanno avuto effetti devastanti di ciò che l'istigazione può portare negli attacchi terroristici a Marsiglia, Parigi, Tolosa; nel flusso di musulmani in Svezia identificarsi con IS, e molti altri incidenti e attacchi, grandi e piccoli".
è evidente che ci vogliono coinvolgere per fare i cazzi loro per chiamare le cose come vanno chiamate, o meglio vogliono creare uno scontro di civiltà tra i "loro nemici" "cristiani" e "mussulmani" per poi spartirsi la torta come recita il talmud, storia vecchia, vecchissima, LA CENSURA E' A LORO INDISPENSABILE

Traduzione Arturo Navone

Articoli correlati