Descrizione

La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi” - Honorè de Balzac -

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano !" - Isaac Newton -

Contra factum non valet argumentum”

Sconti fino all'80% con le migliori offerte su HotelsCombined, il principale sito comparatore di prezzi di hotel del mondo

venerdì 26 febbraio 2016

L'impero anti-cristiano e il movimento di resistenza - Il genocidio anticattolico di Cromwell finanziato dagli ebrei - Il Globalismo

"Mammona" ritratto da Collin de Plancy per il Dizionario infernale

Come già il documento"Attacco contro la chiesa" portato al "Concilio Vaticano II" nel 1962 da un gruppo di frati messicani questo documento dei Cristiano Ortodossi in Inghilterra è cristiano centrico, parlano del "Nuovo DisOrdine Mondiale" e lo chiamano "l'impero anti-cristiano", non hanno ben compreso che l'attacco è portato verso l'umanità tutta, in effetti però l'obiettivo principale è la razza bianca quindi i cristiani, hanno però forse ragione per motivi che ora mi sfuggono che:
"Finché vi sarà un impero cristiano, anche allo stato embrionale, gli anti-cristiani non potranno intronizzare il loro imperatore a Gerusalemme".
La cosa non credo che finisca a Gerusalemme, si sono già costruiti Astana, comunque ora che lo rileggo mi rendo conto che ci vanno giù pesante, per nulla politically correct, anzi per fortuna e ci vedono bene ...

Questo documento come sempre "nulla succede per caso", capita a proposito perchè si incrocia con un altro e conferma eventi e meccanismi sostenuti da tutt'altra provenienza la cui somma mi fà finalmente e probabilmente capire tutta quanta la questione, il "Nuovo Ordine Mondiale", responsabilità e meccanismi che sono un pò contorti e quindi erano difficile da definire. 


Forse ce l'ho fatta ... 
Certamente ce l'avevo fatta ... updating 6 febbraio 2018


Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. (Mt 10,16)
Oliver Cromwell
Introduzione: il caso della Gran Bretagna

Dopo l'invasione normanna del 1066 e il conseguente genocidio (150.000 morti) e la degenerazione nazionale nel cattolicesimo romano, ha avuto luogo l'ulteriore degenerazione nel protestantesimo sotto i tiranni Enrico VIII ed Elisabetta I (150.000 morti). Poi, quasi 400 anni fa, ha avuto luogo in queste isole il genocidio di Cromwell. Finanziato dagli ebrei, ha lasciato quasi 900.000 morti prevalentemente cattolici romani. Da allora e fino a circa cinquant'anni fa, le terre del Regno Unito sono ulteriormente degenerate nel giudeo-protestantesimo (la cosiddetta cultura 'giudaico-cristiana', ma in realtà giudaico-protestante).

Oggi, come risultato di secoli di degenerazione giudaico-protestante nel suo intrinseco e sempre più profondo culto di Mammona in un impero commerciale mondiale, il Regno Unito è diventato un paese anti-cristiano. Di questo non può nemmeno essere accusata l'UE, per la quale David Cameron ha fatto recentemente alcuni ritocchi da vetrina – un po' come riorganizzare le sedie a sdraio sul Titanic. Il fatto è che, a prescindere dagli atei dell'Unione Europea, il Regno Unito ha abbastanza ateismo in casa propria, e non è certo che abbandonare l'UE (presumendo che l'elettorato sia tanto lungimirante da farlo) ci possa salvare.

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it 

L'impero mondiale

L'élite dell'Establishment britannico prende liberamente parte al millenario progetto mondiale anti-cristiano, un tempo segreto, ora apertamente chiamato il 'Nuovo Ordine Mondiale'. Questo progetto anti-cristiano coinvolge non solo il Regno Unito e tutti gli ex paesi giudeo-protestanti, nell'anglosfera, in Scandinavia e altrove. Fin dall'ultimo capitolo dell'apostasia del cattolicesimo romano al Concilio Vaticano II, il progetto ha coinvolto anche gli ex paesi cattolici romani. In altre parole, è irrilevante se la cultura precedente sia stata giudaico-protestante o giudaico-cattolica, l'intera élite occidentale è arrivata a formare un impero anti-cristiano.

La sua élite, oggi con sede negli Stati Uniti e chiamata neocon, ha cercato per generazioni di controllare l'Europa, e attraverso di essa il mondo intero. Lo ha fatto distruggendo gli stati-nazione europei, deformandoli in unioni internazionali artificiali come il Regno Unito, la Francia, la Germania, l'Italia, cosa che inevitabilmente ha portato a guerre a livello europeo divenute guerre mondiali, e quindi creando l'Unione Europea. Così ha costruito il suo impero anti-cristiano sulle rovine delle nazioni. L'ideologia messianica di questo impero anti-cristiano è chiamata oggi globalismo, diffuso in tutto il mondo, soprattutto nelle ultime due generazioni.

Dopo lo scioglimento del suo principale avversario, l'impero sovietico, una generazione fa, l'impero anti-cristiano ha immediatamente distrutto il superstite residuo di stile sovietico nella piccola Serbia e ha cominciato a distruggere il suo altro avversario – il mondo islamico. Là l'impero anti-cristiano nel corso dell'ultima generazione ha causato il caos e la rovina, come possiamo vedere oggi dall'Himalaya alla Nigeria, passando per la Siria, in modo da dividere e dominare gran parte del mondo islamico. In questo modo, dopo aver creato artificialmente il caos e la guerra, spera di creare una richiesta popolare di un governo mondiale per portare ordine e pace.

PopAds.net - The Best Popunder Adnetwork

La resistenza della Rus' (1)
San Massimo, Vescovo di Torino
Dopo aver ucciso milioni di persone, trasformato milioni di altre persone in rifugiati e creato il caos e la distruzione in una moltitudine di paesi islamici, anche se ancora non li ha conquistati, l'impero anti-cristiano deve ora affrontare una resistenza inaspettata. Questa resistenza viene da ciò che sta rinascendo organicamente al posto del vecchio impero sovietico – il sacro impero cristiano della Rus'. L'impero laicista anti-cristiano teme questo impero cristiano più di tutti. Uno dei suoi principali ideologi, Zbigniew Brzezinski, ha anche definito il suo 'più grande nemico' la Chiesa ortodossa russa, che è al cuore di questo impero cristiano in fase di rinascita.

L'impero anti-cristiano teme fortemente anche l'attuale modesta rinascita dell'impero cristiano. Tanto che i suoi canali di propaganda (i 'media') in realtà cercano di far notare che la Chiesa non sta davvero rinascendo, oppure che è solo uno strumento dei leader politici della Russia, che, a quanto dicono, la manovrano come desiderano . Naturalmente, in realtà, avviene l'esatto contrario: non sono questi leader politici a modellare la Chiesa, è la Chiesa a modellare loro, attraverso la sua cultura millenaria. Come i romani pagani di un tempo, l'impero anti-cristiano è felice per qualsiasi falsa religione, solo non il cristianesimo.

Questo perché solo il cristianesimo può modellare leader politici che possono sfidare l'impero anti-cristiano. Solo il cristianesimo è basato sull'incarnazione, cioè, non su una mera pratica privata, ma su un insegnamento che trasfigura anche la vita sociale, politica ed economica. L'impero anti-cristiano ha paura della rinascita di questo impero cristiano, sia all'interno che all'esterno degli antichi confini della Rus', perché i secolaristi non temono altro che il sacro. Ha anche paura che l'impero cristiano possa trovare alleati, nel mondo musulmano tradizionale, per esempio in Iran, o in Cina e in India, e anche tra i cattolici romani che sono ancora liberi della degenerazione giudaico-cattolica degli ultimi tempi.


Alleati della Rus' e tentazioni

L'impero cristiano trova alleati in America Latina, in Africa e nelle Filippine. In Europa orientale trova alleati tra i cattolici tradizionali nel gruppo Vyshegrad di Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia. In Europa occidentale trova alleati tra i sostenitori della sovranità, i movimenti di resistenza nazionali sia a sinistra che a destra. Promuovendo o la giustizia sociale della sinistra o i valori tradizionali della destra, questi movimenti nazionali sono attivi in ​​Francia, Germania, Regno Unito, Danimarca, Italia, Spagna, Austria, Grecia e altrove. Tutti si oppongono alla dittatura dell'impero anti-cristiano.

Dopo aver distrutto l'impero sovietico e poi indebolito il mondo islamico, nei primi anni 2000 l'impero anti-cristiano si è visto sul punto del trionfo, un trionfo che gli è stato improvvisamente strappato, provocando la sua furia. Dal giorno del fallito attacco alla Russia dalla Georgia nel 2008, l'impero cristiano in rinascita ha iniziato a resistere, vanificando gli anti-cristiani. Finché vi sarà un impero cristiano, anche allo stato embrionale, gli anti-cristiani non potranno intronizzare il loro imperatore a Gerusalemme. L'impero cristiano è l'ultima barriera contro il loro trionfo.

Questo è il motivo per cui sono intenti a calunniarlo e a distruggerlo, perché la sua tradizione sacrale è per loro mortale. Da qui l'attacco alla Ucraina, il rovesciamento del governo legittimo a favore di una giunta genocida e la creazione del caos. La calunnia e anche la distruzione possono venire anche in altri due modi. Il primo è l'infiltrazione nell'Impero cristiano rinato attraverso il modernismo, che è ciò che certi individui hanno cercato di fare negli ultimi anni e soprattutto ora con i progetti di documenti divisivi alla riunione di vescovi ortodossi selezionati a Creta nel prossimo giugno. Il secondo modo è una protesta contro tali documenti inaccettabili in un modo divisivo e anche scismatico, esattamente come il metropolita Onufrij di Kiev e altri avevano predetto.

Conclusione: non cadere nella trappola dell'impero anti-cristiano

Tali proteste hanno già avuto inizio in Moldova con alcuni sacerdoti dalla testa calda che non commemorano più i loro vescovi. Altri individui li stanno seguendo. Secondo noi questo è un errore, per quanto comprensibile. Il metodo di protesta di gran lunga migliore, come abbiamo suggerito, è che i monasteri e le parrocchie presentino semplicemente una petizione ai loro vescovi diocesani affermando che non accettano le bozze dei documenti e che, se tali documenti saranno accettati a Creta, li strapperanno, rifiutando di riceverli. In ogni caso, dobbiamo anche sapere che diversi vescovi di Grecia e Cipro, così come tutta la Chiesa georgiana, hanno già rifiutato di accettare tali progetti di documenti.

È nostra convinzione che cadere nella tentazione di non commemorare i propri vescovi è un errore semplicistico di proporzioni scismatiche. È l'errore di coloro che non riescono a vedere la foresta a causa degli alberi, che perdono il quadro generale, perché sono eccessivamente attenti ai dettagli. L'impero anti-cristiano vuole che l'impero cristiano in rinascita sia diviso dalle reazione alle espressioni moderniste che ha infiltrato nelle bozze dei documenti: chi si rifiuta di commemorare i propri vescovi è quindi effettivamente caduto nella trappola tesa da parte dell'impero anti-cristiano. La nostra opposizione deve assumere una forma organica che rispetti l'istituzione episcopale. La nostra riscossa canonica contro le infiltrazioni moderniste è appena iniziata.

Nota (1) Rus' (in russo: Русь?, /rusʲ/, Русичи, Русы, "uomini che remano" negli antichi dialetti scandinavi) è un termine introdotto durante l'Alto Medioevo per indicare le popolazioni scandinave che vivevano nelle regioni che attualmente fanno parte di Ucraina, Bielorussia e Russia occidentale.
Pare proprio che siano tra gli antenati dei russi bianchi, i Rus' di Kiev combinazione distrussero intorno all'anno 1000 dC il Kanato giudaico dei Khazari, la Russia sappiamo poi essere stata devastata dai giudei dal 1917 e da quanto quì scrivono sembra che vogliano la rivincita ... corsi e ricorsi storici ... NdR
.
Fonte   blog del sito Orthodox England    ortodossiatorino
ContanteLibero.it