Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

mercoledì 10 febbraio 2016

Pertini e il golpe, 1985, quello che gli Italiani non sanno


CROLLO DI UN TOTEM: Pertini e il golpe, quello che gli italioti non devono sapere !!

Che fosse il peggior efferato e sanguinario assassino già si sapeva, detto dai suoi "amici", gli altri purtroppo non possono più dire nulla, assassinati, che fosse stato premiato nel 1984 con il "Premio Kalergi" nel contesto del noto "Piano Kalergi" ibridazione delle popolazioni europee con popolazioni asiatiche  ed africane per far perdere l'identità e creare popoli più facilmente manipolabili, si sapeva, che poi te la raccontino diversamente è ovvio.
Questo chiude il cerchio se ce ne fosse stato bisogno, chiaro che no, criminale, assassino e traditore, ma da quella gente che ti vuoi aspettare ... ?? (NdR)


di R.Carpentieri
28 agosto 2013

Nel 1985 s'è consumato ai danni del popolo italiano un vero e proprio golpe istituzionale che nessuno tra i pretesi guardiani della democrazia si é mai sognato di denunciare.

Il 12 dicembre 1977 nelle stanze sorde e grigie dei commissari della Comunitá Europea veniva emanata una direttiva (la n. 77/780) che, al fine di favorire condizioni di concorrenza degli istituti di credito nel territorio comunitario, stabiliva una sorta di liberalizzazione dell'attivitá bancaria. In Italia si diede attuazione a questa direttiva attraverso successivi provvedimenti legislativi, l'ultimo dei quali (il d.p.r. 350 del 1985 Firmato: PERTINI !!??) così stabiliva:
L'ATTIVITÀ DI RACCOLTA DEL RISPARMIO FRA IL PUBBLICO SOTTO OGNI FORMA E DI ESERCIZIO DEL CREDITO HA CARATTERE D'IMPRESA, INDIPENDENTEMENTE DALLA NATURA PUBBLICA O PRIVATA DEGLI ENTI CHE LA ESERCITANO.L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DI TALE ATTIVITÀ È RILASCIATA DALLA BANCA D'ITALIA .
Poche parole ma sufficienti a creare i presupposti d'una vera e propria sovversione istituzionale. Infatti la natura dell'attivitá bancaria era stata fino a quel momento regolamentata dalle riforme del 1936 e dalla legge 141 del 1938 che così stabiliva:
LA RACCOLTA DEL RISPARMIO FRA IL PUBBLICO SOTTO OGNI FORMA E L'ESERCIZIO DEL CREDITO SONO FUNZIONI DI INTERESSE PUBBLICO REGOLATE DALLE NORME DELLA PRESENTE LEGGE. TALI FUNZIONI SONO ESERCITATE DA ISTITUTI DI CREDITO DI DIRITTO PUBBLICO, DA BANCHE DI INTERESSE NAZIONALE; DA CASSE DI RISPARMIO E DA ISTITUTI, BANCHE, ENTI ED IMPRESE PRIVATE A TALE FINE AUTORIZZATI. TUTTE LE AZIENDE CHE RACCOLGONO IL RISPARMIO TRA IL PUBBLICO ED ESERCITANO IL CREDITO, SIANO DI DIRITTO PUBBLICO CHE DI DIRITTO PRIVATO, SONO SOTTOPOSTE AL CONTROLLO DI UN ORGANO DELLO STATO CHE VIENE A TAL FINE COSTITUITO E CHE È DENOMINATO "ISPETTORATO PER LA DIFESA DEL RISPARMIO E PER L'ESERCIZIO DEL CREDITO".
La legge del 1985 cessava di qualificare come attività di "INTERESSE PUBBLICO" la raccolta del risparmio e l'erogazione del credito che così assumevano semplicemente "CARATTERE D'IMPRESA"; inoltre, dal controllo dello Stato si passava al controllo della Banca d'Italia, le cui quote, come pochi sanno, sono detenute dalle stesse banche private le cui quote azionarie sono a loro volta possedute da SPA.
E tutto ció in palese violazione dell'articolo 47 della carta costituzionale che impone il controllo dello Stato sul credito e sul risparmio.
Negli anni immediatamente successivi è scattata la competizione a comprare tutto quanto di pubblico era presente in Italia. BANCHE, ASSICURAZIONI, ENEL, ENI, ecc. con il risultato che oggi è sotto gli occhi di tutti.
PERTINI sapeva ciò che faceva quando firmava quel decreto ?
Bella domanda che trova la risposta negli atti del "Britannia".
Si, lo sapeva eccome e il silenzio dell' MI6 gli consentiva di conservare il terribile segreto della sua vita!!

Decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1985, n. 350
Gazzetta Ufficiale del 15 luglio 1985, n. 165
Attuazione della direttiva, in data 12 dicembre 1977, del Consiglio delle Comunità europee n. 77/780 in materia creditizia, in applicazione della legge 5 marzo 1985, n. 74

Da allora la giurisprudenza dei tribunali penali inizió a statuire che il precedente quadro normativo che stabiliva la natura pubblica dell'attivitá bancaria e, conseguentemente, qualificava come incaricato di pubblico servizio il banchiere, (anche di banca privata) quando operava come collettore del risparmio e come erogatore del credito e, dunque, puniva come malversazione o corruzione o concussione od abuso d'ufficio i comportamenti illegali che venivano tenuti in quell'ambito,
NON poteva più avere vigore.

Insomma, se chi erogava credito fuori dalle condizioni previste dalla legge o dai regolamenti interni o commetteva abusi nella gestione del risparmio era passibile di pesanti sanzioni penali, da allora in poi sarebbe ricaduto nella disciplina dei reati comuni ; assai difficilmente comportamenti abusivi dei banchieri - tranne casi limite di volgari sottrazioni di danaro - avrebbero potuto essere penalmente puniti. Pensiamo al caso Parmalat e ai fidi stratosferici concessi all'azienda, giá ampiamente decotta, di Tanzi e ai tanti crediti allegri concessi dai banchieri agli amici degli amici. Pensiamo alla gestione dei risparmi di tanti italiani, andata in fumo per la criminale propensione delle banche a contrabbandare come rendite sicure titoli ad alto rischio e destinati al macero.Pensiamo a Fiorani........
Da una situazione di tutela dell'aspetto sociale del credito e del risparmio si passava così ad una situazione di totale deregolamentazione. Non solo dal punto di vista del controllo penale sulle condotte ma, soprattutto, dal punto di vista sociale ed economico. L'attivitá bancaria, giá considerata MEZZO per l'ordinata crescita dell'economia diviene SCOPO ossia l'arricchimento di caste di speculatori al di fuori d'ogni controllo da parte dello Stato.
Per quanto sopra e con il supporto di una pur modesta intelligenza è facile comprendere come sia una emerita stronzata ogni iniziativa di ripubblicizzazione di merci e servizi – un tempo pubblici - che stia a valle di un sistema monetario privato!
O lo Stato si riprende la Banca (ex) d'Italia o è tutto tempo perduto !
QUESTO E' IL VERO PROBLEMA REFERENDARIO in Italia !!!!

E' stato Pertini a sottrarre il controllo delle Banche allo Stato !!!


I tutori dell'Italia.
Il D.P.R. n° 350 del 27 giugno 1985 mise le banche fuori dal controllo dello Stato..........
Chi fu il Presidente della Repubblica che lo firmò ?
Indovinello............................
Un demente ?
Un colluso ?

Macchè, ironia della sorte ... il presidente più amato dagli italoidioti !

Chi fu che ai tempi mise le banche sotto il controllo dello stato?
Indovinello............................
Un santo ?
Uno statista ?

Macchè, ironia della sorte ... un Tiranno, il Duce, Benito Mussolini che Sandro Pertini fece assassinare, l'ordine arrivò da Roosevelt poi Churchill e .... fecero a cambio il famoso "Carteggio Churchill - Mussolini" per "l'Oro di Dongo" il Tesoro della Banca d'Italia, dell'Italia, chiunque se ne interessò nel dopo guerra ... KAPUT, combinazione.
Come si chiudono i cerchi eh ????? (NdR)
Il D.P.R. è stato firmato da Pertini che si è "dimesso" anticipatamente tre giorni dopo la firma............e il 3 luglio è subentrato Cossiga.
Pertini, l' "UTILE IDIOTA" dei banksters della Commissione Europea, non serviva più !
Visto che sorpresa..............!!
Gli italioti "amano" sempre i sodomizzatori del popolo !! Che razza di deficienti.................Il "potere" potrebbe fotterli (gli italioti) in ogni momento, per fortuna non è così crudele.
E nel 1982, proprio mentre lo stesso PERTINI riceveva la nazionale di calcio ("traditio" tipicamente italiana, rinnovatasi nel recente 2011 con il "migliorista" Napolitano, osannato e ricevuto dagli USA dal 4 al 19 aprile del 1978, a fronte di un Aldo Moro rapito e poi trucidato . Perchè Moro sì, lui voleva ri-stampare la "banconota" di proprietà del popolo.....) la "triade" che allora mise in ginocchio l'Italia con la guerra in Libano si componeva di Lelio Lagorio (ministro della difesa, socialista e Cavaliere di Gran Croce dell'Impero Britannico), Beniamino Andreatta (ministro del tesoro che riformò "economicamente" lo Stato maggiore Militare su ordine della NATO) e Giovanni Spadolini (presidente del consiglio, già redattore de "La difesa della Razza, successivamente passato nei ranghi dei fedelissimi di Israele):basta ciò a comprendere il potere dei sovrasistemi di governo?
Questi tre tipetti erano ben noti a Paolo Borsellino che, segretamente, raccoglieva prove sulla morte di Falcone e sul "PATTO BRITANNIA" del 2 giugno 1992...........ecco perchè i "TRE PORCI" ne ordinarono la morte !!!

Napolitano ci svende per il Nuovo Ordine Mondiale, Pertini ci privatizza la Banca d'Italia !!!

"Lo dice proprio lui (Napolitano) nel 2008, quando gli italiani ancora non sapevano di che cosa si stesse parlando.............NWO (NUOVO ORDINE MONDIALE) !!
Il "primo comunista italiano" ricevuto negli USA dal 4 al 19 aprile del 1978 (sic!). Fu un viaggio storico, sia perché fu il primo di un dirigente del Pci negli Usa, sia perché avvenne in un momento drammatico della storia del nostro Paese. Erano, infatti, i giorni del rapimento di Aldo Moro: l'Italia della solidarietà nazionale era sconvolta dai comunicati delle Brigate Rosse, dai morti, era lacerata tra la sofferta linea della fermezza e quella della scelta umanitaria.........Ma gli USA volevano dal capo dei "MIGLIORISTI" (finanziati da Marcello dell'Utri, vedi "IL MODERNO) la GARANZIA che Moro sarebbe "finito male" !
Per quale ragione ? Perchè Moro voleva ri-stampare la "banconota" di proprietà del popolo.....
Ebbene, questa è la NAPOLITANO STORY !!
Troppi Italiani hanno la memoria "corta" e vengono da anni di disinformazione...........A me sembra che le ipotesi "complottiste" (TOTALMENTE DIMOSTRABILI) non tengano conto di chi è stato culturalmente, direi quasi cognitivamente, Giorgio Napolitano.
O, meglio ancora: non spiegano a sufficienza che cosa è stata nel Pci la corrente migliorista, di cui Napolitano era il massimo rappresentante nazionale mentre quel povero uomo di PIO LA TORRE ne era la "vittima" sacrificale! (MORTE "UTILISSIMA" LA SUA A DIMOSTRARE CHE I COMUNISTI ERANO CONTRO LA MAFIA !!)
Eppure non è difficile: basterebbe risfogliare i giornali degli anni Ottanta per farsi riportare alla mente quanto i miglioristi fossero tiepidi con il sistema di potere dell'epoca -- quello del Caf, di cui Berlusconi era l'editore incaricato -- al quale non contrapponevano alcuna ipotesi di alternativa culturale e politica ma del quale bramavano solo qualche fetta di potere e di affari. A fronte della sobria moralità di Berlinguer (!!??) e delle utopistiche teorizzazioni di Ingrao, i miglioristi rispondevano coltivando i rapporti con le aziende e con i "poteri forti", all'epoca assai più forti di adesso.
Un connubio che ebbe la sua punta di diamante a Milano, dove il Pci (dominato dai miglioristi, appunto) lungi dal denunciare politicamente la greppia craxiana - quella che poi prese il nome di Tangentopoli -- ambivano solo a farne parte: con la collaborazione alle giunte socialiste, con la spartizione dei posti chiave alla Rai e nel resto del sottopotere, attraverso gli ottimi rapporti con i potentati economici della città.
L'incarnazione plastica di questa impostazione era un mensile che si chiamava il Moderno, espressione dei miglioristi, che già nel nome rivendicava l'abbraccio con i valori dominanti della Milano da bere: dalla Borsa alla rucola, fino alla "modernità" -- appunto -- di quel dinamico broadcaster milanese che riempiva di pubblicità le pagine del mensile in questione: Silvio Berlusconi....E tuttavia, l'ignoranza degli Italiani è devastante: chi disconosce Napolitano come Presidente, gli contrappone Sandro PERTINI .E' un'icona Pertini ? Cosa ha fatto per essere il "presidente più amato dagli Italiani"?
Il capo dell' (ex)stato italiano nel 2011 ha ricevuto la nazionale di calcio..grandi titoli sui giornai e servizi TV !!
Nel 1982, un altro "cerebralmente bollito", ricoprendo la stessa carica, ricevette la nazionale di calcio.Che cosa lega i due fatti ?
Oggi siamo definitivamente una colonia (di ben ridotto peso politico) della Goldman Sachs e la nazionale di calcio aiuta la propaganda del nuovo "salvatore" Mario Monti.....con i soliti titoli distraenti e i soliti proclami alla "NAZIONE".
Nel 1982, proprio mentre PERTINI riceveva la nazionale, usciva questo comunicato stampa:
"per la prima volta dalla fine della Seconda Guerra Mondiale i militari italiani si trovano ad operare al di fuori dei confini nazionali. Grazie agli uomini di Italcon l'opinione pubblica e la classe politica riscoprono l'esistenza delle Forze Armate e comprendono la necessità di dotare il Paese di uno strumento in grado, oltre che di difendere i confini nazionali, anche di essere dispiegato all'estero a fianco degli altri Paesi occidentali."
Dieci giorni dopo, quando ancora tutto il popolo era distratto dalla " grandiosa impresa" (della nazionale di calcio e delle truppe in Libano!! Nota 1), venivano poste le basi del futuro DPR 350, firmato dal "cerebralmente bollito" PERTINI !
Cos'è il DPR 350 ?
Vedi Nota 2.
Un decreto del presidente della repubblica che sottrae il controllo delle banche italiane allo stato !
Dopo di allora......la "TRAGEDIA" !!!
E gli Italiani che fanno ? Osannano Pertini ??!!"
Nota 1. .La "triade" che mise l'Italia in guerra si componeva di Lelio Lagorio (ministro della difesa,socialista e Cavaliere di Gran Croce dell'Impero Britannico), Beniamino Andreatta (ministro del tesoro che riformò "economicamente" lo Stato maggiore Militare su ordine della NATO) e Giovanni Spadolini (presidente del consiglio, già redattore de "La difesa della Razza,successivamente passato nei ranghi dei fedelissimi di Israele):basta a comprendere il potere dei sovrasistemi di governo?
Nota 2. Con il Regio decreto-legge 12 marzo 1936, n. 375 Articolo 20, si stabiliva: "La Banca d'Italia, creata con Legge 10 agosto 1893, n. 449, è dichiarata Istituto di diritto pubblico" ! Con la "gran porcata" firmata da Pertini, veniva affidato il controllo e la nomina dei controllori alla Banca d'Italia che da lì a poco diventava "privata" perchè di proprietà di banche privatizzate!


Articoli correlati