Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

Memorie che illustrano la storia del giacobinismo. Abbé Augustin Barruel. 1797. Teoria del complotto - Mémoires versare servir à l'Histoire du Jacobinisme

In Lavorazione
Cover art
Premessa Da Wikipedia

Il giacobinismo è sopravvissuto a lungo alla sua fine storica, che viene canonicamente fissata al 1800. La diffusione del comunismo su scala europea, tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, alimentò le ipotesi di una sua discendenza dal giacobinismo. Karl Marx e Friedrich Engels, nel 1848, lo scrissero esplicitamente:
“Il giacobino del 1793 è diventato il comunista dei giorni nostri”.
Lenin affermò con convinzione la filiazione del bolscevismo dal giacobinismo:
esso rappresentava, sostenne, la rivoluzione intransigente in opposizione alla tendenza al compromesso e all’opportunismo dei girondini, identificati con i menscevichi.
Nel 1920 Albert Mathiez, con due articoli fondamentali, "Le bolchévisme et le jacobinisme" e "Lénine et Robespierre", rilanciò questa tesi, analizzando i parallelismi tra la Francia dell’antico regime e la Russia zarista, tra il modello politico dei giacobini – che assunsero il potere senza elezioni – e quello dei bolscevichi, contrari al suffragio universale. Entrambi avrebbero tentato di instaurare, nei rispettivi paesi, una democrazia sociale opposta ai regimi capitalisti.

Introduzione Da Wikipedia


Abbé Augustin Barruel
Abbé Augustin Barruel (2 ottobre 1741 - 5 ottobre 1820) è stato un pubblicista francese e sacerdote gesuita. Ora è conosciuto soprattutto per aver indicando la teoria della cospirazione che coinvolge gli Illuminati di Baviera e i giacobini nel suo libro "Memorie che illustrano la storia del giacobinismo" titolo originale, "Mémoires versare servir à l'Histoire du Jacobinisme", pubblicato nel 1797. In breve, Barruel scrisse che la rivoluzione francese è stata pianificata ed eseguita da società segrete.

Biografia

Augustin Barruel è nato a Villeneuve de Berg (Ardèche). Entrò nella Compagnia di Gesù, comunemente nota come i gesuiti nel 1756, ed ha insegnato grammatica a Tolosa nel 1762. La tempesta contro i gesuiti in Francia lo cacciò dal suo paese ed è stato occupato nel lavoro di college in Moravia e la Boemia fino alla soppressione di l'ordine nel 1773. Rientrato in Francia la sua prima opera letteraria è comparsa nel 1774: "Ode sur le glorieux avènement de Louis Auguste au Trone", "Ode all'avvento gloriosa al trono di Louis Auguste". Nello stesso anno divenne un collaboratore del littéraire Année, a cura di Fréron. Il suo primo lavoro importante è stato Les Helveiennes, ou Lettres Provinciales philosophiques, (Il Helveiennes o Lettere Provinciali filosofiche) pubblicato nel 1781.

Nel frattempo, gli affari nazionali in Francia stavano crescendo sempre in modo più turbolento, ma Barruel ha continuato la sua attività letteraria, che d'ora in poi  si é occupata specialmente di questioni pubbliche. Nel 1789 è apparso Lettres sur le Divorzio, una confutazione di un libro di Hennet. Dal 1788-1792 ha curato la famosa ufficiale ecclésiastique fondata da Joseph Dinouart nel 1760. In questa rivista è stata pubblicata di Barruel La Conduite du. S. Siège envers la France, una vigorosa difesa di Papa Pio VI. Ha anche scritto un certo numero di opuscoli contro il giuramento civile richiesto da ecclesiastici e contro la nuova costituzione civile durante il 1790 e il 1791. Ha in seguito raccolti in una collezione Ecclésiastique tutte le opere relative al clero e costituzione civile.


La Rivoluzione francese e la teoria del complotto

La tempesta della Rivoluzione francese aveva nel frattempo costretto Barruel a cercare rifugio in Inghilterra, dove divenne elemosiniere di rifugiato Principe di Conti. Qui scrisse nel 1793 il ciondolo Histoire du Clergé la Révolution Française ("Storia del Clero durante la Rivoluzione francese"). Ha dedicato il lavoro alla nazione inglese in riconoscimento dell'ospitalità che aveva mostrato verso gli ecclesiastici francesi sfortunati. E 'stato tradotto in tedesco, italiano, spagnolo, polacco e inglese. La versione inglese ha attraversato diverse edizioni e ha fatto molto per rafforzare la nazione britannica nella sua opposizione ai principi rivoluzionari francesi. Mentre a Londra, Barruel pubblicato un lavoro inglese, una tesi sulla giurisdizione ecclesiastica nella Chiesa cattolica. Ma nessuna delle sue opere ha attirato così tanta attenzione come le sue "Memorie che illustrano la storia del giacobinismo".

La sua idea di base era quella di una cospirazione con l'obiettivo di rovesciare il cristianesimo o più al punto, ogni e tutte le forme di organizzazione politica e sociale sulla base della conformità agli insegnamenti morali della Chiesa Cattolica Romana.

Ha ispirato John Robison, che aveva lavorato in modo indipendente sulla propria teoria del complotto, a estendere il suo libro "Prove di una cospirazione" contro tutte le religioni e i governi d'Europa e includere diverse citazioni da Barruel.
Negli ultimi anni

Alla caduta della directory nel 1802, Barruel poté tornare in Francia. Ha pienamente accettato e convinse molti altri sacerdoti ad accettare il nuovo ordine politico delle cose nel suo paese natale e ha scritto diversi libri per difendere le sue opinioni. Quando il Concordato è stato fatto nel 1801 tra Pio VII e Napoleone, Barruel scrisse:. Du Pape et de ses Droits Religieux sua ultima polemica importante è stata la sua difesa della Santa Sede nella sua deposizione dei francesi vescovi, che a suo dire era stato reso necessario dal nuovo ordine di cose in Francia stabiliti dal Concordato del 1801 il suo libro è apparso anche in inglese:.. Il potere papale, o un saggio storico sul potere temporale del Papa Molti hanno attaccato il lavoro, ma come al solito, l'autore non ha lasciato un antagonista senza risposta. Il suo nuovo lavoro lo ha coinvolto in una polemica molto estesa, il suo lavoro è stato tradotto in tutte le principali lingue europee. I suoi amici e nemici sono diventati simili coinvolti in una guerra parlata. Blanchard ha pubblicato a Londra non meno di tre confutazioni. Aveva promesso di comporre due opere che non sono mai apparse: Historie des Sociétés Secrètes au Moyen-Age e Dissertation sur la Croisade contre les Albigeois. Per quanto riguarda quest'ultimo lavoro, Barruel ha dichiarato il suo scopo sarebbe quello di difendere la Chiesa contro il rimprovero di avere re deposto e aver liberato i loro sudditi dal giuramento di fedeltà. Egli sosteneva che le obiezioni su questo punto sono sorti solo da un ignoranza della storia. Al momento della sua morte, Barruel era impegnato in una confutazione del sistema filosofico di Immanuel Kant, ma non ha mai completato il suo lavoro.Morì a Parigi nel 1820.

Memorie che illustrano la storia del giacobinismo

Memorie che illustrano la storia di Jacobinism.jpg
Memorie che illustrano la
storia del giacobinismo
Memorie che illustrano la storia del giacobinismo (francese: Mémoires versare servir à l'histoire du Jacobinisme) è un libro di Abbé Augustin Barruel, un francese, prete Gesuita. E 'stato scritto e pubblicato in francese nel 1797-98, e tradotto in inglese nel 1799.

Nel libro, Barruel sostiene che la Rivoluzione francese fu il risultato di una cospirazione intenzionale o un complotto per rovesciare il trono, altare e società aristocratica in Europa. La trama sarebbe stato covato da una coalizione di philosophes, massoni. I congiurati hanno creato un sistema che è stato ereditato dai giacobini che hanno operato al suo massimo potenziale. Il Memoirs pretende di esporre la rivoluzione come il culmine di una lunga storia di sovversione. Barruel non è stato il primo a fare queste accuse, ma è stato il primo a presentarle in un contesto storico completamente sviluppato e la sua prova è stata una dimensione del tutto inedita. Barruel scrisse ciascuno dei primi tre volumi del libro come discussioni separate di coloro che hanno contribuito alla congiura. Il quarto volume è un tentativo di unire tutti in una descrizione dei giacobini nella Rivoluzione francese. Memorie che illustrano la storia del giacobinismo è una rappresentativa della critica dell'Illuminismo che si diffuse in tutta Europa durante il periodo rivoluzionario.

Memorie di Barruel è considerato uno dei documenti fondanti l'interpretazione destra della Rivoluzione francese. E 'diventato popolare subito dopo la sua pubblicazione ed è stato letto e commentato dalla maggior parte degli importanti riviste letterarie e politiche del tempo. I quattro volumi del testo sono state pubblicati in diverse lingue e hanno creato un dibattito sul ruolo dei philosophes, le loro idee, e l'Illuminismo nella Rivoluzione francese. Rimasero in stampa anche nel 20° secolo e hanno contribuito alla interpretazione storica del tardo 18° secolo in Francia. Il successo del lavoro di Barruel è la testimonianza del discorso anti-filosofico, che si diffuse in seguito alla rivoluzione. Barruel ha lasciato alle spalle una costruzione del secolo dei Lumi che era destinata ad influenzare le successive interpretazioni. Ha strettamente avvolto accuse intorno ai suoi nemici e li legò in posizioni da cui non potevano sfuggire.  Il testo ha creato un collegamento tra l'Illuminismo e la Rivoluzione e questa connessione rimane un argomento di dibattito storiografico.

Background

Abbé Augustin Barruel (1741-1820) divenne un gesuita nel 1756, ma da 1762 il pensiero anti-gesuita in Francia era diventato così forte che l'ha lasciata ed ha viaggiato per molti anni, tornando solo nel 1773. Gli avvenimenti della Rivoluzione francese nel 1792 lo hanno fatto partire di nuovo e si rifugiò in Inghilterra. La sua avversione e ostilità verso i philosophes era molto conosciuta e ben sviluppata prima del 1789 come lo era stato sulla redazione del popolare anti-philosophe rivista letteraria Année Littéraire decenni prima della Rivoluzione. Nel 1797, quando viveva in esilio a Londra , scrisse le Memorie. È stato pubblicato in francese dalla casa editrice francese al 128 Wardour Street, Oxford Street, a Londra. Una edizione inglese è stato rilasciata nello stesso anno, e il lavoro è diventato rapidamente un successo commerciale. L'opera in più volumi ha attraversato quattro edizioni francesi rivedute da 1799 ed è stato tradotto in inglese, tedesco, italiano, spagnolo, svedese, russo e come le edizioni sono state pubblicate a Londra, Amburgo, Augusta, Lussemburgo, San Pietroburgo, Dublino, Napoli e Roma prima della caduta di Napoleone.

Sinossi

Schema del lavoro

Nel suo "Discorso preliminare", Barruel definisce le tre forme di cospirazione come la "cospirazione dell'empietà" contro Dio e il cristianesimo, la "cospirazione di ribellione" contro re e monarchi, e "la cospirazione di anarchia" contro la società in generale. Egli vede la fine del 18° secolo come "una catena continua di astuzia, l'arte, e seduzione", destinata a realizzare la "rovesciamento dell'altare, la rovina del trono, e la dissoluzione di tutta la società civile".

Il primo volume esamina la cospirazione anti-cristiano che è stata iniziata da Voltaire nel 1728, quando Barruel ha sostenuto che Voltaire ha «consacrato la sua vita alla distruzione del cristianesimo"Barruel ha restituito ai principali testi dell'Illuminismo le ragioni per trovare le vicinanze ed ha trovato collegamenti tra il filosofismo del tempo e campagne anti-cristiane della Rivoluzione. Qui ha scoperto che i philosophes avevano creato un'epoca di filosofia di finzione, che hanno usato nella loro battaglia con il cristianesimo. Il loro impegno per la libertà e l'uguaglianza erano davvero gli impegni di "orgoglio e rivolta". Barruel ha sostenuto che i sostenitori dell'Illuminismo hanno portato la gente nell'ìllusione e nell'errore e si riferisce ai philosophes come "Scrittori di questa specie, così lontani dall'illuminare le persone, contribuiscono solo a condurli in un percorso di errore". Egli asseriva che Voltaire, Jean le Rond d'Alembert, Denis Diderot, e Federico II, il re di Prussia, avevano programmato il corso degli eventi che portarono alla Rivoluzione francese. Hanno iniziato con un attacco alla Chiesa, dove una "guerra sotterranea di illusione, errore, e il buio condotta dalla setta" ha tentato di distruggere il cristianesimo. L'influenza dei philosophes non poteva essere sottovalutato secondo Barruel. Hanno creato il quadro intellettuale che ha messo in moto la cospirazione e controllato l'ideologia delle società segrete. Barruel sembra avesse letto il lavoro dei philosophes e le sue citazioni dirette ed estese mostrano una profonda conoscenza delle loro credenze. Questo è insolito tra i nemici del secolo dei Lumi, che raramente si sono distratti dalla lettura delle opere e gli autori che stavano attaccando. Barruel credeva che i philosophes erano importanti come i cattivi originali che sedotta la popolazione e reso Illuminismo, e successivamente il pensiero rivoluzionario, ideali favorevoli.

Il secondo volume si concentra sulla cospirazione anti-monarchica, che è stata condotto da Jean Jacques Rousseau e barone di Montesquieu. Questi cospiratori cercarono di distruggere le monarchie stabilite con il pretesto di "Indipendenza e libertà". Barruel analizza e critica Montesquieu. Lo spirito delle leggi e di Rousseau. Il contratto sociale perché l'applicazione delle idee espresse in questi libri aveva "dato vita a quello spirito inquieto che ha combattuto per indagare i diritti di sovranità, la portata della loro autorità, i diritti pretesi dell' uomo libero, e senza il quale ogni soggetto viene bollato come uno schiavo - e ogni re un despota". Egli credeva che l'influenza di questi due scrittori era un elemento necessario per l'entrata in vigore della Rivoluzione francese. Era d'accordo con i rivoluzionari come loro stessi hanno collocati i resti di Voltaire e Rousseau nel Pantheon per rendere omaggio ai "padri della rivoluzione". Barruel credeva che i philosophes avevano creato un'influenza duratura come il loro spirito è sopravvissuto attraverso i loro scritti e ha continuato a promuovere sentimenti anti-monarchici nei giacobini e rivoluzionari. La distruzione delle monarchie in Europa ha portato al trionfo dei giacobini come calpestati "sotto i piedi degli altari e dei troni in nome dell'uguaglianza e quella libertà che evocano i popoli ai disastri della rivoluzione e gli orrori di anarchia". 
Barruel ha equiparato il rifiuto della monarchia con un rifiuto di ogni tipo di ordine e di governo. Di conseguenza, i principi di uguaglianza e di libertà ed i loro attacchi contro la monarchia erano attacchi contro tutti i governi e la società civile. Ha presentato una scelta ai suoi lettori tra monarchia e il "regno di anarchia e assoluta indipendenza".

Nel terzo volume Barruel affronta la cospirazione antisociale che era l'obiettivo della massoneria e l'Ordine della Illuminati. I philosophes ed i loro attacchi contro la Chiesa e il trono ha aperto la strada per la cospirazione che è stato condotta da queste società segrete. Questi gruppi si credeva avessero costituito una unica setta che contava più di 300.000 membri che erano "zelanti per la Rivoluzione, e tutti pronti a salire al primo segnale e per impartire la scossa a tutte le altri classi del popolo". Barruel ha esaminato la storia della Massoneria e sosteneva che i suoi misteri più alti erano sempre stati di ateismo e una forma repubblicana. Egli ha creduto che la massoneria ha mantenuto la sua parola e obiettivo segreto per molti anni, ma il 12 agosto 1792, due giorni dopo la caduta della monarchia francese, corsero per le strade annunciando apertamente i loro segreti. Le parole segrete erano "Libertà, Uguaglianza e Fraternità", e lo scopo segreto è stato il rovesciamento della monarchia francese e la costituzione della repubblica. Barruel ha affermato che li udiva parlare queste parole in Francia, ma che in altri paesi i muratori ancora mantenevano i loro segreti. Una divisione del gruppo in numerosi alberghi ha assicurato che, se fossero stati scoperti i segreti di una lodge, il resto sarebbe rimasto nascosto.Egli credeva che era il suo lavoro mettere in guardia tutti i governi e le persone dagli obiettivi dei massoni. Barruel ha descritto in dettaglio come questo sistema ha funzionato nel caso degli Illuminati. Anche dopo che Johann Adam Weishaupt, il leader della setta, è stato scoperto e provato in tribunale, il procedimento non poteva scoprire l'influenza universale degli Illuminati e sono state intraprese iniziative contro il gruppo. La maggior parte delle società segrete potrebbero sempre sopravvivere e svolgere le loro attività per l'organizzazione del gruppo. Gli Illuminati, nel suo complesso, hanno funzionato a radicalizzare il movimento contro il trono e l'altare e influenzato molti membri della popolazione di aderire ai loro principi nascosti, hanno raffinato la struttura segreta che era stata fornita dai massoni del quadro di base.

Per Barruel, i disegni finali della coalizione dei philosophes, la massoneria e gli Illuminati sono stati raggiunti dai giacobini. Questi club sono formati da "gli adepti dell'empietà, gli adepti di ribellione, e gli adepti di anarchia" che lavorano insieme per attuare il loro programma radicale. La loro filosofia e le azioni di guida sono stati il culmine della cospirazione in quanto direttamente volevano porre fine alla monarchia ed alla chiesa. Barruel credeva che l'unica differenza tra i giacobini e dei loro precursori era stato che i giacobini realmente hanno buttato giù la chiesa ed il trono e sono stati in grado di istituire le convinzioni e gli obiettivi, mentre i loro precursori desideravano solo fare queste cose senza molto successo di base.