Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

martedì 9 febbraio 2016

Kerry alla conferenza dei donatori: “Ma che cosa volete? Volete che io faccia la guerra con i russi ?!” Gaffe Reuters Aleppo stà per cadere invece di stà per essere liberata ... !?

US Secretary of State John Kerry answers a question during a joint press briefing with Canadian Foreign Minister John Baird following their meeting at the State Department in Washington on February 8, 2013. tHE US is "evaluating" what steps to take next to try and end the killing in Syria, Kerry said.   AFP PHOTO/Jewel Samad        (Photo credit should read JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images)

Kerry, esasperato, alla conferenza dei donatori a Londra: “Ma che cosa volete? Volete che io faccia la guerra con i russi ?!”

Quando si fà il gioco delle tre carte o sei un "napoletano" ma di quelli bravi o prima o poi qualcuno si inciampa, era già successo quando Netanyahu disse che Hitler non voleva sterminare gli ebrei o quando si ritrovarono un presunto "terrorista globale", non molto tempo fà, lavorava per loro ovvio, alle trattative ONU per la pace in Yemen passandosi poi la colpa uno con l'altro.
Oramai lo sanno anche i sassi che l'ISIS ed anche tutti i possibili terroristi, aggiungo io, sono forze "Usraeliane" e lo specialista incontrastato delle false flag sia il Mossad, poi anche lì dopo un pò che leggi le loro performances scappa anche da ridere, con tutti gli errori fatti sembrano bambini che fanno disastri, peccato che di mezzo ci siano un numero infinito di vittime, però ufficialmente non sarebbe così i terroristi sono brutti e cattivi e NOI dobbiamo avventurarci in uno scontro di civiltà perchè "ci vogliono invadere", già, ricordarsi che si stà facendo il gioco delle tre carte, è facile, è sempre il contrario di quello che vogliono far passare.
Quanto segue è quasi ridicolo (NdR):

Interessante. Un articolo su ‘Zero Hedge’ : 

02/07/2016
‘An Exasperated John Kerry Throws In Towel On Syria: “What Do You Want Me To Do, Go To War With The Russians’?!  
Cita prima un pezzo della Reuters di oggi che dice:
“Le forze russe e siriane hanno intensificato la loro campagna sulle aree controllate dai ribelli intorno Aleppo dove vivono circa 350.000 persone e gli operatori umanitari hanno detto che la città, la più grande della Siria. Potrebbe presto cadere
Proseguendo, l’editorialista ‘Tyler Durden’, domanda al lettore:
Riesci a individuare cosa c’è di sbagliato in quella citazione, presa da un pezzo di Reuters di oggi? Ecco il problema: “potrebbe presto cadere”, ciò implica che Aleppo è sul punto di soccombere alle forze nemiche.

Non lo è. E ‘già nelle mani del nemico e lo è stata da parecchio tempo. Cosa Reuters avrebbe dovuto dire è invece esattamente questo: “… (Aleppo ) potrebbe essere presto liberata.

Infatti: “Mentre noi saremmo i primi ad ammettere che Bashar al-Assad non è esattamente il miglio leader della storia nell’arte del governo, si può scommettere che la maggior parte dei siriani oggi vogrrebbero che questa guerra non fosse mai iniziata e se si dovesse chiedere a coloro che sono bloccati in Aleppo com’è la loro qualità di vita ora, rispetto a come era prima del 2009, siamo abbastanza certi che scoprireste che i residenti non sono particolarmente innamorati della vita sotto la miriade di ribelli che oggi controllano la città”.

”In realtà quello che sta succedendo – dice Tyler Durden – è che la Russia e l’Iran hanno circondato Aleppo e una volta che “cadrà” (per citare Reuters) cadrà praticamente l’opposizione. O almeno l’opposizione “moderata”. E i sauditi e i turchi ”lo sanno”.

Proseguendo l’articolo Tyler Durden considera che benchè John Kerry, stia cercando disperatamente di riavviare i negoziati di pace in fase di stallo a Ginevra, il problema per il suoi alleati regionali è semplice: ”se la Russia e l’Iran spazzano via l’opposizione sul campo di battaglia, non c’è alcuna necessità di colloqui di pace”. Il governo di Assad sarà ripristinato ed ora è certo che salvo avvenimenti imponderabli, sarà così. ISIS non preoccupa (per questo gli attacchi dei russi si concentrano soprattutto contro i ribelli jadisti” “ISIS sarà ancora operativo ad Est del paese ma questo sarà un problema che Mosca e Teheran risolveranno in breve tempo mentre i principali centri urbani del paese sono in sicurezza”.

In definitiva: ” Riyadh e Ankara sono estremamente preoccupati che cinque anni di sforzi per cacciare Assad si stanno vanificando” . Questa consapevolezza rende restie Turchia ed Arabia Saudita a sedersi ad un tavolo negoziale senza un cessate il fuoco”. 

Da parte loro , i russi e gli iraniani hanno manifestato la loro disponibilità a discutere di un cessate il fuoco”, ma il problema è che l’opposizione ha posto pre-condizioni inaccettabili.
Insomma alla fine esasperato Kerry ha detto agli operatori umanitari a margine della conferenza dei donatori Siria svoltasi questa settimana a Londra : 
”Non prendetevela con me, andate a incolpare la vostra opposizione”.
La diplomazia americana ha anche detto che il paese si dovrebbe aspettare altri tre mesi di bombardamenti a termine dei quali l’opposizione verrà decimatasecondo il ”Midde Est Eye” Kerry ha lasciato gli operatori umanitari con “la netta impressione” che gli Stati Uniti stanno abbandonando gli sforzi per sostenere i combattenti ribelli.
In altre parole, Washington sa perfettamente che c’è un solo modo per uscire da questa situazione. 
Le opzioni a disposizione sono: andare in guerra con la Russia e l’Iran o ammettere che questo il fallimento per cambiare il regime in Siria non è recuperabile tramite i mezzi messi in campo.


Kerry alla fine ha considerato (parlando ad un operatore umanitario presente alla conferenza dei donatori a Londra) che la colpa del fallimento dei negoziati è dell’opposizione
“che non voleva negoziare e non voleva un cessate il fuoco, e se ne è andata”.
Ed ha aggiunto
”Che cosa vuoi che io faccia ? Andare in guerra con la Russia ? È questo che vuoi ?”
Gli Stati Uniti hanno completamente abbandonato l’idea che Assad debba dimettersi. 
Ora, a quanto pare, Washington vuole solo che Assad smetta di usare le ‘barrel bomb” così che gli Stati Uniti possono rendere la cosa accettabile all’opinione pubblica” (da loro stessi formata ndr).
‘Zero Hedge’ non lo dice, ma la richiesta americana suona subdola perchè l’argomento proposto come ‘condizione’ è stato negato sempre dal governo siriano più volte e comunque non si conosce l’entità reale del problema. Il governo siriano sicuramente ha colpe di aver gestito male l’aggressione ma rimane il fatto che di aggressione comunque si tratta.


Naturalmente Kerry non sarà in grado di “vendere” questa storia ai sauditi, turchi e qatarioti e perciò resta l’incognita di come reagiranno. Perchè è sicuro che loro non accettano ”il crollo dell’opposizione degli Stati Uniti, meglio conosciuta come Free Syrian Army”.

E infatti, così conclude l’articolo di Zero Hedge:

“O questa guerra per procura si trasforma in una vera e propria guerra mondiale nelle prossime due settimane, o Aleppo “cade” per mano di Assad e questo segna una sconfitta davvero umiliante per la politica estera degli Stati Uniti e, cosa più importante, è un autogol dei sauditi che vedono fallito il tentativo di stabilire l’egemonia sunnita nella penisola arabica .”L’unica altra opzione per John Kerry , è affrontare i russi in battaglia. Ma come è evidente dalle fonti sopra citate, Washington chiaramente non ha nessuna intenzione di farlo”.
 
Fonte vietatoparlare

Articoli correlati