Descrizione

La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi” - Honorè de Balzac -

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano !" - Isaac Newton -

Contra factum non valet argumentum”

venerdì 9 febbraio 2018

L’usura, per Ezra Pound, e non solo per lui, ha mosso guerra al mondo dal 1694, quando nacque la Banca d’Inghilterra

La Piovra dell'Usura e del Malaffare ...
Le parole giuste per iniziare questo articolo sono :
"Ricordatevi bene: abbiamo spaventato il mondo dei grandi affaristi e dei grandi speculatori. Essi non hanno voluto che ci fosse data la possibilità di vivere. Se le vicende di questa guerra fossero state favorevoli all’Asse, io avrei proposto al Führer, a vittoria ottenuta, la socializzazione mondiale. Lavorerò anche in Valtellina. Cercherò che il mondo sappia la verità assoluta e non smentibile di come si sono svolti gli avvenimenti di questi cinque anni. La verità è una". - Benito Mussolini -
E finirono tutti appesi a testa in giù in un rito massonico ...

Foto segnaletica di Ezra Pound 

alla sua cattura (1945)
Ezra Pound invece è stato arrestato nel 1945 dai partigiani e consegnato alle forze americane in Italia, venne accusato di collaborazionismo e tradimento, reati per cui rischiava la pena di morte o l'ergastolo. Ha trascorso mesi di detenzione in un campo militare statunitense a Pisa, di cui tre settimane in una gabbia d'acciaio all'aperto di 1,8 m. per 1,8 m, era una delle "celle della morte" del campo, una serie di gabbie d'acciaio all'aperto di sei piedi illuminate di notte dai proiettori; gli ingegneri hanno rinforzato la sua gabbia con acciaio più pesante per paura che i fascisti cercassero di liberarlo. 

Celle di sicurezza nel campo
di Arena Metato dove venne
rinchiuso Pound nel 1945
Pound ha trascorso tre settimane in isolamento sotto il sole, dormendo sul calcestruzzo, senza servizi igienici e possibilità di ripararsi dal freddo e dal caldo (la "gabbia da gorilla", disse lui), subì un tracollo fisico e mentale, gli fu negato l'esercizio fisico e le comunicazioni, fatta eccezione per le conversazioni con il cappellano.

Il 15 novembre 1945 venne trasferito negli Stati Uniti. L'impressione di un ufficiale di scorta era che
"fosse un intellettuale picchiattello che immaginava di correggere tutti i mali economici del mondo e che risentiva del fatto che i mortali ordinari non erano sufficientemente intelligenti per comprendere i suoi scopi e motivi"  (come lo capisco NdR).
St. Elizabeths Hospital di
Washington
È stato ammesso all'ospedale psichiatrico di St. Elizabeth (manicomio criminale federale), e nel giugno dell'anno successivo Dorothy è stato dichiarato il suo tutore legale. È stato trattenuto per un certo periodo nel reparto della prigione dell'ospedale Howard's Hall, noto come "il buco dell'inferno", un edificio senza finestre, in una stanza con una spessa porta d'acciaio e nove spioncini per permettere agli psichiatri di osservarlo mentre provavano a mettersi d'accordo su una diagnosi.

I visitatori sono stati ammessi solo per 15 minuti alla volta, mentre i pazienti vagavano intorno continuando a urlare e schiumare dalla bocca. L'avvocato di Pound, Julien Cornell, i cui sforzi per farlo dichiarare folle sono accreditati per averlo salvato dalla prigionia a vita, ha chiesto la sua liberazione ad un'audizione di riserva nel gennaio 1947. Il sovrintendente dell'ospedale, Winfred Overholser, ha accettato invece di trasferirlo nel contesto più piacevole del Castagneto, vicino ai quartieri privati di Overholser, dove ha passato i seguenti 12 anni. Allo storico Stanley Kutler è stato concesso, negli anni Ottanta, l'accesso ai rapporti dell'intelligence militare e ad altri documenti governativi di Pound, inclusi i suoi documenti ospedalieri, e ha scritto che gli psichiatri credevano che Pound avesse una personalità narcisistica, ma lo consideravano sano. Kutler crede che Overholser abbia protetto Pound dal sistema giudiziario penale perché era affascinato da lui.


False Flag - Sotto Falsa Bandier
Strategia della tensione
e terrorismo di stato
Tutto questo per :
Durante il 1940 Ezra Pound, tornato in Italia, iniziò a trasmettere, dalle frequenze dell'EIAR, il programma radio in lingua inglese "Europe calling", Ezra Pound nel programma difendeva il fascismo e accusava gli angloamericani e la finanza internazionale di aver provocato la guerra contro i Paesi che si erano ribellati al giogo dell'usura. In tutto tenne circa 600 discorsi, invitando gli americani alla disobbedienza e a rispettare la Costituzione, a suo parere violata da Roosevelt ; rimase sempre fedele, anche se non iscritto, alla linea politica del Partito Nazionale Fascista, prima della deposizione di Mussolini il 25 luglio, in seguito alla quale Pound aderì alla Repubblica Sociale Italiana.

Pound aderì alla RSI (ottobre 1943 - aprile 1945) come cittadino straniero residente e si trasferì a Milano per continuare le sue trasmissioni radio e tentare di convincere ancora il governo fascista ad applicare le sue teorie economiche, rimanendo comunque soddisfatto della socializzazione dell'economia, progettata dal Partito Fascista Repubblicano; Pound affermerà che, per molti «uomini onesti», era impossibile stare con la corruzione e «il lerciume di Badoglio», motivando così la scelta di stare con un governo collaborazionista con i nazisti. In questo periodo intensificò gli attacchi verbali alla finanza internazionale, colpevole a suo dire di aver complottato per trascinare gli Stati Uniti nella guerra, e si fece portavoce di campagne antisemite, identificando gli ebrei come i banchieri usurai. Tuttavia dichiarò in seguito di non essere razzista:
«Non sono un antisemita. Non confondo l'usuraio ebreo e l'ebreo che si guadagna onestamente da vivere di giorno in giorno».
I suoi strali si indirizzavano invece contro chi, a suo avviso, non vedeva l'ombra dei "prestatori di denaro" dietro l'entrata in guerra degli Alleati.

La vendetta degli usurai, c'è chi ha fatto una fine ben peggiore, Carlo I, i Romanov, Mussolini, Ceausescu, Gheddafi, Saddam Hussein, per fare solo qualche esempio limitatissimo.

Nel periodo di detenzione nel manicomio criminale conobbe e divenne amico di Eustace Mullins a cui affidò una indagine che sfociò nel libro I SEGRETI DELLA FEDERAL RESERVE - SECRETS OF THE FEDERAL RESERVE By Eustace Mullins, dove si svela l'ulteriore passaggio dopo la fondazione della Bank of England, e così anche lui passò i suoi guai La mia Lotta contro gli Ebrei - My Struggle against the Jews, by Eustace Mullins..

In questo articolo I Padroni e gli Schiavi della Moneta. Dalle Compagnie delle Indie Orientali alla Globalizzazione troviamo buona parte della storia e vediamo anche che il rappresentante del congresso Lindemberg, padre del famoso aviatore, da subito denunciò anche con un libro i crimini e i problemi derivanti dalla crezione del Federal Reserve System. Le conseguenze attuali :   Perchè il Debito Pubblico è Illegittimo, Quindi DetestabileNon posso credere che TU permetta questo - Sistema monetario e Codice Penale. Avv. Alfonso Luigi Marra.
"Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui"Ezra Loomis Pound -
direi che è rimasto coerente, questa frase mi segue da un pò ...

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it 

Dirimere, arrivare a questa conclusione al di fuori della propaganda usuraia e imperialista è abbastanza semplice quanto imbarazzante, imbarazzante per chi le nega o meglio la occulta per evidenti interessi personali, semplice come sapere che la II Guerra Mondiale non è iniziata nel 1939 per colpa di Adolf Hitler ma bensì il 24 marzo 1933, tre mesi dopo la sua ascesa al potere e quasi un decennio prima delle sanzioni tedesche contro i giudei quando l'internazionale giudaica dichiarò guerra alla Germania tramite il boicottaggio e le sanzioni economiche :

Internazionale giudaica dichiara guerra alla Germania. 24 marzo 1933
   semplice anche scoprire le origini del problema :
“Il tuo Dio, l’Eterno, ti benedirà come t’ha promesso, e tu farai dei prestiti a molte nazioni, e non prenderai nulla in prestito; dominerai su molte nazioni, ed esse non domineranno su te”.
- Deuteronomio 15:6 - Bibbia, Antico testamento
(L'Usuraio è padrone, il Debitore è schiavo ... CHIARO O NO ??)

“Il ricco domina sui poveri, e chi prende in prestito è schiavo di chi presta”. - Proverbi 6 -
 semplice anche scoprire come è proseguito :
«La nostra politica deve essere quella di fomentare le guerre, per sprofondare sempre di più le nazioni nel loro debito, e di dirigere le Conferenze di Pace».
La “DOTTRINA DEL TERRORE”, i 25 punti di Amschel Mayer Rothschild. 1773, ma al riguardo disse anche :
«come la Rivoluzione Inglese (1640-90) fosse stata organizzata e mise in risalto gli errori che erano stati commessi: il periodo rivoluzionario era stato troppo lungo, l’eliminazione dei reazionari non era stata eseguita con sufficiente rapidità e spietatezza e il programmato “regno del terrore”, col quale si doveva ottenere la rapida sottomissione delle masse, non era stato messo in pratica in modo efficace. Malgrado questi errori, i banchieri, che avevano istigato la rivoluzione, avevano stabilito il loro controllo sull’economia e sul debito pubblico inglese».

Infatti proprio in conseguenza della rivoluzione inglese nacque la Bank of England, in verità è proprio con la rivoluzione che l'usura ha iniziato la guerra al mondo, anche i cristiani ortodossi inglesi sono del medesimo parere L'impero anti-cristiano e il movimento di resistenza - Il genocidio anticattolico di Cromwell finanziato dagli ebrei - Il Globalismo.
«Un prestito è un attestato emesso dal governo, che lo impegna a pagare una percentuale della somma totale del denaro preso in prestito. Se un prestito è al 5%, in 20 anni il governo avrà inutilmente pagato una somma pari a quella ricevuta, per coprire gli interessi. In 40 anni avrà pagato il doppio, e in 60 il triplo della somma, senza comunque estinguere il debito»
- Protocolli dei Savi Anziani di Sion p. 77 - 1910

Qualcun altro si era accorto che c'era qualcosa di strano John F. Kennedy. Discorso Il presidente e la stampa. La Dichiarazione di una Guerra Segreta:- Speech The President and the Press. The Declaration of a Secret War e anche :
"L’individuo viene handicappato dal trovarsi faccia a faccia con una cospirazione talmente mostruosa da rendergli impossibile ammetterne l’esistenza". 
Edgar Hoover - Capo FBI - 1956
NWO - Nuovo Ordine Mondiale - Nessun Complotto - Tutto fin troppo alla luce del sole ...dal medesimo articolo una confessione :
“L’attività bancaria fu fecondata con l’ingiustizia e nacque nel peccato. I banchieri posseggono il mondo. Se glielo toglierete via lasciando loro il potere di creare denaro, con un colpo di penna creeranno abbastanza depositi per ricomprarselo. Toglieteglielo via in qualunque modo e tutti i grandi patrimoni come il mio scompariranno, ed è necessario che scompaiano affinché questo diventi un mondo migliore in cui vivere. Ma se preferite restare schiavi dei banchieri e pagare voi stessi il costo della vostra stessa schiavitù, lasciate che continuino a creare denaro”.
- Sir Josiah Stamp - Direttore della Banca d’Inghilterra negli anni venti, considerato a quel tempo il secondo uomo più ricco di tutta l’Inghilterra.

Bene, dopo questa "brevissima"☺introduzione possiamo vedere il punto di vista del Poeta, credo che la mia posizione sia evidente.
In linea di massima gli step di questa guerra contro l'umanità sono stati una lunga serie di bagni di sangue :
- Rivoluzione Inglese e fondazione Bank of England e nascita delle "imposte", 900.000 morti,
- Guerre di religione del 1700 tra protestanti e cattolici,
- Tratta degli schiavi, genocidio Nero e Rosso,
- Guerre dell'Oppio in Cina e varie conseguenze tra cui in India,
- Colonizzazione in Africa, guerre e rivoluzioni,
- Rivoluzione Francese e un precursore : le Guerre Napoleoniche per portare la "Democrazia" in giro per il mondo, incalcolabili le vittime,
- Guerra d'Indipendenza, Guerra Civile o di Secessione Americane,
- Guerra Mippo - Sovietica del 1095 per indebolire la Russia e arrivare alla Rivoluzione d'Ottobre,
- Crisi economica del 1907 per arrivare alla ...
- Fondazione del Federal Reserve System e nascita delle tasse sul reddito,
- I Guerra Mondiale, la sue cause studiate a tavolino e le sue conseguenze, la Conferenza di Versailles, la Repubblica di Weimar, 30 milioni di morti,
- Rivoluzione d'Ottobre nel 1917 in Russia e 85 milioni di morti,
- Influenza Spagnola 1918 / 1919 50 milioni di morti,
- Crisi economica del 1929 per arrivare alla ...
- II Guerra Mondiale, tutte le sue cause e le conseguenze delle menzogne allegate di cui paghiamo il conto ancora adesso, 60 milioni di morti.
- Patti di Bretton Woods
- Genocidio Palestinese e Guerre in Medio Oriente dagli anni '60
- Guerra Fredda,. Strategia della Tensione in Europa, Droga, Terrorismo, False Flags,
- Guerre e Rivoluzioni in Centro e Sud America, Nicaragua, Dittatura Argentina e desparesidos, Rivoluzione Cilena e assassinio Salvador Allende 11 settembre 1973, Crisi Argentina 2001 e altre,
- Guerra in Jugoslavia e relativo genocidio, colpo di stato straniero in Romania assassinio di Ceausescu e moglie,
- 11 settembre 2001
Per chi segue questo blog e non è un caso che lo segua, non stiamo dicendo nulla di nuovo, quì andiamo a condensare quanto contenuto in tutti gli altri articoli, questa è l'unica verità per quanto scomoda di tutti i drammi, le tragedie, i problemi di questo mondo, la fame, le guerre, la povertà, l'inquinamento, le crisi, le ingiustizie, eliminando l'usura e i suoi protagonisti tutto andremo a risolvere ma quanto anche noi ne siamo complici ? Questo è il vero dilemma da risolvere anticipatamente e definitivamente, i nostri atteggiamenti, opportunismi e convenienze ....


L’usura, per Ezra Pound, ha mosso guerra al mondo dal 1694, quando nacque la Banca d’Inghilterra. 

di Francesco Lamendola 
Il Corriere delle regioni
29/07/2015

Ezra Pound
Ezra Pound era un poeta: e i poeti, qualche volta (non sempre) vedono più lontano degli specialisti e dei “tecnici”, siano essi specialisti e “tecnici” della politica, dell’economia, della finanza, e perfino della scienza.

Quel che Pound aveva visto con folgorante chiarezza, pur nella modestia della sua cultura economica e finanziaria, era una cosa fondamentale, che, strano a dirsi, continua a sfuggire a molti economisti e a molti esperti del mondo finanziario; a meno che non sfugga loro intenzionalmente: ma allora ci troveremmo in presenza non di specialisti e di “tecnici” che, per un eccesso di specialismo, tecnicismo e riduzionismo, hanno perso di vista l’insieme, ma, molto più semplicemente e banalmente, di corrotti e traditori, che hanno venduto l’interesse generale in cambio di vantaggi personali. In breve, Pound si era reso conto che l’intera storia del mondo moderno è la storia di una lotta continua, incessante, senza quartiere, fra l’usura e il lavoro; guerra combattuta talvolta con le armi, più spesso con i tassi d’interesse sui prestiti che le banche concedono ai privati e perfino agli Stati sovrani, i quali ultimi, in cambio, cedono gradualmente quote della loro sovranità, indebitandosi sempre di più e accumulando un peso debitorio che, alla fine, li mette completamente alla mercé dei creditori.

L'incredibile Menzogna
Thierry Meyssan
Oggi la cosa è divenuta talmente palese, che anche l’uomo della strada ha finito per rendersene conto, o quanto meno, per averne una certa qual consapevolezza, e sia pure incompleta e superficiale, sia pure priva di adeguati riscontri e conoscenze puntuali; negli anni Trenta del XX secolo ciò poteva anche non essere altrettanto evidente, specialmente per un poeta. Quel che aprì gli occhi a Pound non fu la crisi del 1929 in se stessa, ma la “scoperta” degli antichi statuti del Monte dei Paschi di Siena: di una banca, cioè, sorta proprio allo scopo di concedere prestiti a interesse moderato, e mirante non all’arricchimento sfrenato mediante il nodo scorsoio dell’usura nei confronti del debitore, ma avente lo scopo preciso di sostenere il piccolo commercio e la piccola impresa, di sostenere i singoli e le famiglie in difficoltà, in modo da promuovere, o contribuire a promuovere, il benessere e l’attività produttiva dell’intero corpo sociale.
(Poi arrivò il Partito Delinquenti e anche il Monte dei Paschi di Siena finì nello sputtanamento e fallimento generale, grazie moralisti ... "Morte dei Paschi" NdR)


Monte dei Paschi di Siena
Nella loro saggezza, i fondatori del Monte dei Paschi di Siena, nel tardo XV secolo, avevano visto e compreso che nessun privato e nessun gruppo sociale possono progredire e avvantaggiarsi, quando l’intera popolazione soffre nelle strette dell’indigenza; che la povertà sempre crescente dei molti non può finanziare, all’infinito, l’accumulo di ricchezza di pochi, o di pochissimi, pena il corto circuito dell’intera struttura sociale e l’insorgere di violenze, carestie, rivolte, guerre, le quali, comunque, ben difficilmente varranno a ripristinare l’armonia del corpo sociale, fin tanto che non si deciderà di agire sui meccanismi perversi della finanza, oggi diremmo: dell’economia virtuale e speculativa, tendenti a distorcere il sano ed equilibrato rapporto fra lavoro, risparmio individuale e benessere collettivo.

Il vero conflitto, dunque, non è, come vorrebbe il marxismo, fra capitale e lavoro, perché il capitale e il lavoro sono i due termini di una sana e necessaria dialettica economico-sociale; il vero conflitto, conflitto malefico e puramente distruttivo, è quello fra lavoro ed usura, intesa, quest’ultima, nel senso più ampio del termine: ossia tutto ciò che vive, parassitariamente, a spese del lavoro, e non incrementa la produzione, anzi, la frena e la scoraggia, né favorisce il risparmio, bensì lo distrugge, perché sottrae capitali a chi produce e li fa crescere a vantaggio di chi non produce, non lavora, non risparmia (nel senso intelligente del termine), ma vuole accumulare una ricchezza sterile e mostruosa, tendenzialmente illimitata, la quale, come una piovra maligna, assorbe e divora, una dopo l’altra, tutte le parti sane della società, fino a togliere ogni speranza, non solo di lavoro, ma di un futuro qualsiasi, alle giovani generazioni.

San Bernardino da Siena
San Bernardino da Siena, che tanto si era impegnato sul fronte della questione sociale, e tanto si era adoperato per il prestito a basso tasso d’interesse, scagliandosi contro usurai ed Ebrei, muore nel 1444; il Monte dei Paschi di Siena viene fondato nel 1472, con la precisa finalità di soccorrere il lavoro e di favorire il piccolo risparmio, vale a dire come un vero e proprio monte di pietà, con la missione di soccorrere le classi e le persone disagiate. (In questo ambito andremo ad approfondire "Vix Pervenit: sull'usura e sull'altro profitto disonesto"  un'enciclica, promulgata da Papa Benedetto XIV il 1° novembre 1745 e che fine ha fatto NdR) Le due date non sono lontane, le finalità sono pressoché identiche, come pure il luogo: tutte queste sono delle mere coincidenze? Ed è forse una coincidenza il fatto che si sia messo il silenziatore sull’aspetto sociale ed economico dell’apostolato di San Bernardino, così come si è scagliato l’anatema, o si è fatto cadere il velo dell’oblio, sulla dimensione sociale ed economica degli scritti di Pound e dei discorsi da lui pronunciati alla radio italiana durante la Seconda guerra mondiale, nei quali denunciava l’affarismo delle grandi banche e la volontà del governo americano di scendere in guerra, apparentemente per la difesa della libertà e della democrazia, ma in effetti per ripristinare il sistema mondiale della speculazione finanziaria e dell’usura, messo in crisi dal sorgere del modello alternativo rappresentato dal fascismo ?

Ha scritto Walter Mariotti nel suo articolo «Pound e l’MPS, banca contro l’usura» (sul mensile «Communitas», Milano, febbraio 2007, pp. 27-35) :
«Un mondo nuovo. Dove il denaro è fondato sull’abbondanza della natura per tutti e non sulle speculazioni finanziarie di pochi. Dove il tasso di interesse è controllato e umano, dove l’orario di lavoro è ridotto per assistere le famiglie e gli anziani, dove la base dell’economia non è l’usura ma la natura. Non sono le teorie di un economista visionario ma di un poeta, l’americano Ezra Pound, che davanti agli Statuti del Monte dei Paschi di Siena, scoperti grazie all’ospitalità del conte Guido Chigi Saracini, capì tutto. Capì che la sua Musa non poteva più fare a meno di occuparsi dell’economia. Capì che le Magistrature repubblicane, che nel 1472 (Cristoforo Colombo non aveva ancora scoperto le Americhe) avevano fondato la prima banca del mondo, erano nel giusto. Una folgorazione. Quello era il modello per il mondo che si doveva costruire, a costo di seguire l’assurdo Benito Mussolini e la sua crociata contro la demoplutocrazia anglosassone, che ispirata dalla Banca d’Inghilterra stava distruggendo l’Europa e l’America in nome dell’usura. Per Pound, quegli statuti senesi erano una possibile risposta al nodo da sciogliere: quello fra interessi finanziari ed etica dello Stato. Il suo avvertimento era rivolto agli uomini del nostro tempo: le lotte, le grandi lotte che viviamo in maniera sempre più drammatica (dall’epilogo della Seconda guerra mondiale, in poi) sono, in realtà, la proiezione della lotta mortale fra l’usura, apolide e piratesca, e gli interessi di uno Stato ideale, che, rifiutandosi di asservirsi alle logiche finanziarie finalizzate al puro profitto, indebitandosi, dovrebbe difendere le ragioni vitali dei popoli […]".
La pulizia del Tempio, Gesù caccia i mercanti di sacrifici animali, i cambia valuta ...
Non è cambiato nulla ...
Da allora, l’elaborazione di un sistema politico ed economico efficace contro l’usura, diventerà il cuore delle riflessione di Pound, che nei suoi interventi intensifica la polemica contro le manovre politiche internazionali e l’anno seguente (1933), nell’”Abc dell’economia”, scrive:
“La guerra è parte dell’antica lotta tra l’usuraio e il resto dell’umanità: tra l’usuraio e il contadino, tra l’usuraio e il produttore e, infine, tra l’usuraio e il mercante, tra l’usucrocrazia e il sistema mercantilista”.
E sarà ancora l’usura la molla che lo spingerà all’ammirazione definitiva del fascismo e di Mussolini, incontrato proprio sul finire del 1933:
“L’usura è il cancro del mondo che solo il bisturi del fascismo può asportare dalla vita delle nazioni”,
disse, dichiarando
"la necessità di disciplinare le forze dell’economia e adeguarle alla necessità della nazione. […]"
[A Radio Roma, tra il 1941 e il 1943] attacca la guerra, l’interventismo di Roosevelt, la filosofia degli Alleati. L’alleanza tra il governo statunitense, la finanza inglese e il bolscevismo sovietico è contraria alla vera tradizione americana :
“Non c’è nessun motivo per l’intervento degli Stati Uniti, perché il luogo dove difendere l’identità americana è il continente americano”.
Ancora una volta è l’usura la causa della guerra e saranno
“l’usura, l’oro, il debito, il monopolio, l’interesse di classe e l’indifferenza verso l’umanità a vincere davvero il conflitto”. 
Qualcuno legge in quei discorsi “rare perle di saggezza”, ma per le autorità americane sono “un miscuglio confuso di apologetica fascista, teorie economiche, antisemitismo e giudizi letterari”, che alla fine di luglio spingeranno per una sentenza di tradimento contro lo “pseudo americano Pound”. […]

Vendere la Guerra
[In due lettere private scritte al conte Chigi, nel gennaio e nel febbraio 1944] ha ancora la forza di criticare la stampa traditrice, l’usurocrazia che muove il mondo e gli scempi degli Alleati, che bombardando l’Italia e distruggendo i suoi monumenti hanno distrutto i simboli dell’umanità occidentale. Chiarisce, infine, in tre lucide righe, il suo rapporto con il fascismo:
“Io volevo una riforma moderata. Dico Riforma, perché in essenza il ripristino della sanità già dimostrata dai fondatori del Monte dei Paschi in un mondo impazzito dai seguaci dei guastatori, stile San Giorgio”.
 Banca d’Inghilterra Londra
E conclude ancora una volta con l’idea elaborata proprio a Siena dodici anni prima:
Questa guerra non s’iniziò nel 1939 ma nel 1694 a Londra (data di fondazione della Banca d’Inghilterra, ndr) facendo parte della guerra tra usurai, ovvero usuroni, e chiunque produce, chiunque fa crescere il grano”. […]
PopAds.net - The Best Popunder Adnetwork

A trentacinque anni dalla morte di Ezra Pound (1972) il problema su cui ha passato l’intera vita rimane ancora sul tappeto: la perdita di sovranità dello Stato di qualsiasi nazione indebitata a favore di quella illimitata del potere finanziario creditore, che all’epoca in cui Pound scriveva poteva sembrare un’oscura e catastrofica previsione è, oggi, una realtà incontestabile. Quasi tutti i Paesi del mondo, senza esclusione, sono o si avviano a diventare debitori di potenze finanziarie globali, super e trans nazionali (Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale, in primo luogo). Così come, a livello individuale, viviamo nell’epoca del credito al consumo dei bilanci familiari in default (fenomeno che Pound nemmeno immaginava). Forse bisognerebbe ripartire dagli statuti delle magistrature repubblicane senesi del 1472, e provare a uscire dal malinteso poundiano: ciò che è del popolo resti al popolo e alle sue forme di auto-organizzazione, lo Stato ideale non c’è e lo Stato, se c’è, favorisca l’auto-organizzazione del popolo».

L'inganno quotidiano
Al di là dei giudizi specifici su Mussolini e della personale conclusione dell’Autore del brano sopra riportato, secondo la quale lo Stato non può o non sa opporsi allo strapotere delle grandi banche e, pertanto, dovrebbe limitarsi a favorire una non meglio precisata auto-organizzazione popolare, ci sembra che in questa sintesi della posizione di Pound sulle questioni economico-finanziarie ci sia praticamente tutto; e va dato atto che, di questi tempi, è raro trovare un giornalista o uno studioso che sappia dire pane al pane e vino al vino, con altrettanta franchezza.

Ecco perché il pensiero di Ezra Pound sulle questioni del lavoro, della produzione, del risparmio e dell’usura, anche se non è il pensiero di uno specialista e di un “tecnico”, ma di un dilettante, e, per giunta, di un dilettante che è soprattutto un poeta, che vede le cose, economia compresa, con l’occhio del poeta e nella prospettiva del poeta, non ha perso nulla della sua attualità; anzi, le vicende degli ultimi decenni sono state tali da evidenziare quanto egli sia stato lucido, e addirittura profetico, nel denunciar e il male dell’usura e nel richiamare i popoli dell’Europa alla loro vera tradizione, alla loro vera identità. Tradizione e identità che sono entrate definitivamente in crisi in quell’anno e in quel luogo, il 1694 a Londra, allorché venne fondata la prima grande banca di Stato, la Banca d’Inghilterra: la prima di quelle centrali del potere finanziario, che emettono moneta e prelevano il frutto del lavoro, in cambio di denaro virtuale, falso, immaginario, creando il meccanismo del debito e strangolando, poco alla volta, l’economia reale, fatta di persone, di famiglie, di imprese, di commerci, i quali, a un certo punto, soccombono per asfissia, affinché, nel deserto universale creato dall’usura, rimanga, trionfante e necrofila, una sola vincitrice: la borsa.

Azzannate le Iene. Lobby di
Banchieri, tecnici della
politica e media manipolati
stanno divorando l'Italiae
 il mondo intero...
Francesco Amodeo
Resta solo da aggiungere che, dai tempi di Pound, i meccanismi dell’usura mondiale si sono enormemente perfezionati e ulteriormente ramificati, per esempio con la creazione delle agenzie di “rating”, vere e proprie centrali di potere finanziario “terroristico”, dai cui verdetti dipende la sorte di immense somme di denaro, spostate a vantaggio o a svantaggio non solo di singole imprese e società, ma di intere nazioni sovrane (o che s’illudono di essere ancora sovrane); e che il suo appello, pertanto, non ha perso nulla della sua drammatica urgenza, al contrario, è divenuto questione di vita o di morte…


Tasse, indipendenza e laicità: la lezione di Thomas Jefferson - La terra appartiene ai viventi



La storia vera della fine di Ceausescu e della dittatura in Romania. Altro che rivoluzione ... colpo di stato straniero ...

I tre motivi perchè è stato ucciso Gheddafi

Iraq, Libia, Dominique Strauss-Kahn. E se non avessimo capito nulla ?

Cannabis connection di Marcello Pamio - Il perchè del proibizionismo americano anni '20 e dell'inquinamento globale