Descrizione

La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi” - Honorè de Balzac -

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano !" - Isaac Newton -

Contra factum non valet argumentum”

Sconti fino all'80% con le migliori offerte su HotelsCombined, il principale sito comparatore di prezzi di hotel del mondo

sabato 3 febbraio 2018

Tutti gli attentati e la strana morte di Hugo Chavez. È stato assassinato? Un'intervista con Eva Golinger


Questa è una di quelle volte che ci scommetterei, tranquillamente, sicuro di vincere, gli attributi, come per Arafat e Israele, questo era stato ampiamente previsto come si può vedere dal link Assassinii Provocati con Infarto e Cancro & co. - Assassinations By Induced Heart Attack And Cancer & co., dell'argomento ne parla infatti anche nell'intervista; pare che "stranamente"ci fosse un'epidemia di tumori tra i presidenti sud americani.


Se devo essere sincero mi stupisco come possano esserci ancora persone che credano ai "complotti" e ai "complottisti", è tutto così semplice e normale ... ah ma forse non è che gli conviene ... ?
Certo che si ... !!
CounterPunch 22 aprile 2016
"Hugo Chavez ha sfidato gli interessi più potenti, e si è rifiutato di inchinarsi ... Credo che ci sia una possibilità molto forte che il presidente Chavez sia stato assassinato". - Eva Golinger -
MW - Pensi che Hugo Chavez sia stato assassinato e, in tal caso, chi pensi potrebbe essere stato coinvolto?

Eva Golinger - Credo che ci sia una possibilità molto forte che il presidente Chavez sia stato assassinato. Ci sono stati noti e documentati tentativi di assassinio contro di lui durante la sua presidenza. Il più notevole è stato il colpo di stato dell'aprile del 2002, durante il quale fu rapito e destinato ad essere assassinato se non fosse stato per l'insurrezione senza precedenti del popolo venezuelano e delle leale forze militari che lo salvarono e lo riportarono al potere entro 48 ore. . Sono stato in grado di trovare prove inconfutabili usando il Freedom of Information Act degli Stati Uniti (FOIA), secondo cui la CIA e altre agenzie statunitensi erano dietro quel colpo di stato e sostenevano, finanziariamente, militarmente e politicamente, le persone coinvolte. Più tardi, ci furono altri tentativi contro Chavez e il suo governo,

C'era un altro complotto meno noto contro Chavez scoperto a New York durante la sua visita all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2006. Secondo le informazioni fornite dai suoi servizi di sicurezza, durante la ricognizione di sicurezza standard di un evento pubblico in cui Chavez avrebbe affrontato gli Stati Uniti, in una rinomata università locale, sono stati rilevati alti livelli di radiazioni sulla sedia dove si sarebbe seduto. La radiazione è stata scoperta da un rilevatore Geiger, un dispositivo di rilevamento della radiazione palmare, che la sicurezza presidenziale utilizzava per garantire che il Presidente non fosse in pericolo di esposizione a raggi nocivi. In questo caso, la sedia è stata rimossa e i test successivi hanno dimostrato che emanava quantità insolite di radiazioni che avrebbero potuto causare danni significativi a Chavez se non fosse stato scoperto. (Secondo i resoconti della sicurezza presidenziale sull’evento, uno statunitense addetto al supporto logistico della manifestazione e che aveva portato la sedia, si scoprì essere un agente dell’intelligence degli Stati Uniti. ndt Alessandro Lattanzio)

Ci sono stati numerosi altri tentativi sulla sua vita che sono stati sventati dalle agenzie di intelligence venezuelane e in particolare dall'unità di controspionaggio della guardia presidenziale, incaricata di scoprire e impedire tali minacce. Un altro tentativo ben noto è stato nel luglio 2010 quando Francisco Chavez Abarca (nessun parente), un criminale che lavorava con il terrorista nato a Cuba, Luis Posada Carriles, responsabile di aver bombardato un aereo di linea cubano nel 1976 e aver ucciso tutti i 73 passeggeri a bordo, è stato arrestato in Venezuela e successivamente confessò che era stato mandato per assassinare Chavez. Solo cinque mesi prima, nel febbraio 2010, quando il presidente Chavez era in un evento vicino al confine colombiano, le sue forze di sicurezza hanno scoperto un cecchino situato a poco più di un quarto di miglio dalla sua posizione, che è stato successivamente neutralizzato. (La combinazione vuole che Carriles, come qui provato, lavorasse per l'FBI e Bush padre☺per non farsi mancare nulla, gli assassini sono sempre gli stessi, sopratutto nel XX secolo USA, FBI, CIA, Droga e Terrorismo Internazionale, soggetti imprescindibilmente collegati …I cinque cubani, l'ossessione di George Bush e il terrorismo internazionale. NdR)

I manifestanti chiedono l'estradizione di Carriles in Venezuela. | Foto: EFE
Mentre questi racconti possono sembrare finzione, sono ampiamente documentati e molto reali. Hugo Chavez sfidò gli interessi più potenti e si rifiutò di inchinarsi. Come capo di Stato della nazione dalle maggiori riserve di petrolio del pianeta, che apertamente e direttamente sfidava gli Stati Uniti e il dominio occidentale, Chavez era considerato un nemico di Washington e dei suoi alleati.

Quindi, chi avrebbe potuto essere coinvolto nell'assassinio di Chavez, se fosse stato assassinato ? Certamente non ci vuole molto per immaginare che il governo degli Stati Uniti fosse coinvolto nell'assassinio politico di un nemico che dichiaratamente ed apertamente voleva fuori dal campo. Nel 2006, il governo degli Stati Uniti ha formato uno speciale Mission Manager per Venezuela e Cuba sotto la direzione dell'intelligence nazionale. Questa unità d'élite d'intelligence è stata incaricata di espandere le operazioni segrete contro Chavez e ha guidato missioni clandestine da un centro di fusione dell'intelligence (CIA-DEA-DIA) in Colombia. Alcuni dei pezzi che sono stati riuniti comprendono la scoperta di numerosi assistenti a Chavez che hanno avuto accesso privato e senza ostacoli a lui per periodi prolungati, che sono fuggiti dal paese dopo la sua morte e stanno collaborando con il governo degli Stati Uniti.

MW - Chi è Leamsy Salazar e com’è collegato alle agenzie d’intelligence statunitensi?

Leamsy Salazar
Eva Golinger - Leamsy Salazar fu uno dei più stretti collaboratori di Chavez per quasi sette anni. Era un tenente colonnello della Marina venezuelana e divenne noto a Chavez dopo aver sventolato la bandiera venezuelana dal tetto della caserma della guardia presidenziale nel palazzo presidenziale durante il colpo di stato del 2002, mentre il salvataggio di Chavez era in corso. Divenne un simbolo delle leali forze armate che aiutarono a sconfiggere il colpo di Stato e Chavez lo ricompensò facendone uno dei suoi assistenti. Salazar era sia un guardiano del corpo che un aiutante di Chavez, che gli portava caffè e i pasti, stava al suo fianco, viaggiava con lui in tutto il mondo e lo proteggeva durante gli eventi pubblici. Lo conoscevo e interagivo con lui molte volte. Era uno dei volti familiari che proteggeva Chavez per molti anni. Era un membro chiave dell'elite di sicurezza interna di Chavez,

Dopo che Chavez è morto nel marzo 2013, a causa del suo esteso servizio e lealtà, Leamsy è stato trasferito al servizio di sicurezza di Diosdado Cabello, che era allora presidente dell'Assemblea nazionale del Venezuela e considerato una delle figure politiche e militari più potenti del paese. Cabello era uno dei più stretti alleati di Chavez. Va notato che Leamsy è rimasto con Chavez per gran parte della sua malattia fino alla sua morte e ha avuto accesso privilegiato a lui che pochi avevano, anche dalla sua squadra di sicurezza.


Incredibilmente, nel dicembre 2014, le notizie hanno rivelato che Leamsy era stato segretamente trasferito negli Stati Uniti dalla Spagna, dove era presumibilmente in vacanza con la sua famiglia. Si dice che l'aereo che lo trasportava fosse della DEA. È stato posto sotto protezione dei testimoni e le notizie hanno dichiarato che sta fornendo informazioni al governo degli Stati Uniti sui funzionari venezuelani coinvolti in un giro di alto livello del traffico di droga. I media di proprietà dell'opposizione in Venezuela affermano di aver fornito dettagli che accusano Diosdado Cabello di essere un boss della droga, ma nessuna di queste informazioni è stata verificata in modo indipendente, né sono stati rilasciati documenti o accuse di tribunali, se esistono.

Un'altra spiegazione per il suo ingresso nel programma di protezione dei testimoni negli Stati Uniti potrebbe includere il suo coinvolgimento nell'assassinio di Chavez, possibilmente fatto come parte di un'operazione occulta della CIA, o forse anche fatto sotto gli auspici della CIA ma portato avanti da elementi corrotti all'interno del Governo venezuelano. Prima che i Panama Papers (Lo scoop pilotato dei Panama Papers dai Gatekeepers di The International Consortium of Investigative Journalists finanziati dagli USA, Soros e Rockefeller è un enorme ricatto NdR) venissero rilasciati, avevo scoperto per caso e stavo indagando su un pericoloso individuo corrotto di alto livello all'interno del governo, che Chavez aveva precedentemente licenziato, ma che tornò dopo la sua morte e fu posto in una posizione ancora più influente e potente. Anche questo individuo sembra collaborare con il governo degli Stati Uniti. Persone come loro, che lasciano che l'avidità oscuri la loro coscienza e che siano coinvolte in attività criminali redditizie, potrebbero aver avuto un ruolo nella sua morte.

Ad esempio, i Panama Papers hanno esposto un altro ex aiutante di Chavez, il capitano dell'esercito Adrian Velasquez, che era responsabile della sicurezza del figlio di Chavez, Hugo. La moglie del capitano Velasquez, ex ufficiale della Marina, Claudia Patricia Diaz Guillen, è stata l'infermiera di Chavez per diversi anni e ha avuto accesso privato e senza supervisione a lui. Inoltre, Claudia ha somministrato a Chavez medicine, pillole e altri materiali relativi alla salute e all'alimentazione per parecchi anni. Appena un mese prima che la sua malattia mortale venisse scoperta nel 2011, Chavez nominò Claudia Tesoriere del Venezuela, assegnandole la responsabilità del denaro del paese. Non è ancora chiaro il motivo per cui è stata nominata in questa importante posizione, considerando che in precedenza era stata la sua infermiera e non aveva avuto esperienze simili. Fu espulsa dalla posizione subito dopo la morte di Chavez. Sia il capitano Velasquez che Claudia apparvero nei Panama Papers come proprietari di una società di comodo con milioni di dollari. Possiedono anche proprietà in una zona d'élite della Repubblica Dominicana, Punta Cana, dove le proprietà costano milioni e vi risiedono da almeno giugno 2015. I documenti mostrano che subito dopo che Chavez è morto e Nicolas Maduro è stato eletto presidente in Aprile 2013, il Capitano Velasquez ha aperto una società off-shore il 18 aprile 2013 attraverso la società panamense Mossack Fonesca, denominata Bleckner Associates Limited. Una società di investimenti finanziari svizzera, V3 Capital Partners LLC, ha affermato di gestire i fondi del capitano Velasquez, il cui numero è in milioni. È impossibile per un capitano dell'esercito guadagnare quella somma di denaro con mezzi legittimi. Né lui né sua moglie, Claudia,
Il capitano Velasquez era particolarmente vicino a Leamsy Salazar.
Bleckner Associates Limited.,V3 Capital Partners LLC - Clicca per vedere l'immagine più grande
MW - Puoi spiegare le circostanze sospette in cui Salazar è stato trasportato fuori dalla Spagna per la sicurezza degli Stati Uniti su un aereo appartenente alla Drug Enforcement Administration (DEA)? Non ti sembra un po 'strano? Per lo meno, questo suggerisce che Salazar agisse come agente per un paese apertamente ostile nei confronti del Venezuela? Questo lo rende un collaboratore o un traditore. Sei d'accordo?

Eva Golinger - Ovviamente era molto sospettoso che Salazar fosse stato portato fuori dalla Spagna, dove sarebbe stato in vacanza con la sua famiglia, e portato negli Stati Uniti su un aereo della DEA. Non c'è dubbio che stava collaborando con il governo degli Stati Uniti e ha tradito il suo paese. Ciò che resta da vedere è quale fosse il suo ruolo esatto. Ha somministrato il veleno omicida a Chavez, o era uno dei suoi partner, come il capitano Velasquez o l'infermiera / tesoriere Claudia?

Mentre tutto questo può sembrare una teoria della cospirazione, questi sono fatti che possono essere verificati indipendentemente. È anche vero, secondo documenti statunitensi segreti declassificati, che l'esercito USA stava sviluppando un'arma di radiazione iniettabile da utilizzare per assassini politici di nemici selezionati fin dal 1948. Le udienze della Commissione Church sull'assassinio di Kennedy hanno anche scoperto l'esistenza di un arma di assassinio sviluppata dalla CIA per indurre infarto e tumori dei tessuti molli. Chavez è morto per un tumore del tessuto molle aggressivo. Nel momento in cui è stato rilevato era troppo tardi. Ci sono altre informazioni là fuori che documentano lo sviluppo di un "virus del cancro" che sarebbe stato creato e presumibilmente usato per uccidere Fidel Castro negli anni '60. So che la maggior parte di questo sembra fantascienza, ma fai le tue ricerche e vedi cosa esiste realmente. Non credo neanche a tutto quello che ho letto. Come avvocato e giornalista investigativo, ho bisogno di prove concrete e di fonti multiple verificabili. Anche se andiamo sul documento ufficiale dell'esercito americano del 1948, è un dato di fatto che il governo degli Stati Uniti stava sviluppando un'arma di radiazione per assassini politici. Più di 60 anni dopo possiamo solo immaginare quali siano le capacità tecnologiche esistenti.


MW - Puoi spiegare perché la DEA è stata coinvolta in questa operazione e non nella CIA come molti si aspetterebbero?

Eva Golinger - Penso che la CIA sia stata coinvolta. Lavorano insieme su casi politici di alto profilo e stanno lavorando insieme al Centro di Intelligence Fusion in Colombia. Perché è stata la DEA e non la CIA a portare Leamsy Salazar negli Stati Uniti non è ancora stato rivelato, ma non credo che ciò significhi che la CIA non è stata coinvolta nell'intera operazione.

MW - Una nota personale, Hugo Chavez era un gigante tra gli uomini e un vero eroe. Vorresti dirci cosa ha significato per te la sua perdita e come la sua morte ha colpito il popolo del Venezuela?

Eva Golinger - La perdita di Hugo Chavez è stata devastante. Era mio amico e ho trascorso quasi dieci anni come consigliere. Il vuoto che ha lasciato è impossibile da sostituire. Nonostante i suoi difetti umani, aveva un cuore enorme e sinceramente si è dedicato a costruire un paese migliore per il suo popolo e un mondo migliore per l'umanità. Si preoccupava profondamente di tutte le persone, ma soprattutto dei poveri, trascurati ed emarginati.

C'è una foto di Chavez fatta da un passante, quando era stato ad un evento nel centro di Caracas e stava camminando attraverso una grande piazza che era stata sgomberata dalla sicurezza. All'improvviso vide un uomo giovane, arruffato e apparentemente drogato, a malapena in grado di tenersi in piedi, con indosso abiti laceri. Con orrore delle sue guardie di sicurezza, Chavez si avvicinò a lui e amorevolmente lo circondò con un braccio e gli offrì una tazza di caffè. Non giudica il povero ragazzo o lo rimprovera, o mostra disgusto. Lo trattava come un essere umano che meritava di essere visto con dignità. Rimase lì con lui per un pò, raccontando storie e chiacchierando come vecchi amici. Quando dovette andare, disse a una delle sue guardie di offrire all'uomo tutto l'aiuto di cui aveva bisogno.

Non c'erano telecamere lì, niente TV, niente pubblico. Non era una trovata pubblicitaria. Era sincera, sincera cura e preoccupazione per un altro umano bisognoso. Nonostante sia stato presidente e un potente capo di stato, Chavez si è sempre visto uguale a tutte le persone.

La sua morte inaspettata ha avuto un tragico tributo sul Venezuela. Purtroppo, quelli che ha lasciato in carica non sono stati in grado di gestire il paese in questi tempi difficili. Una combinazione di corruzione e sabotaggio esterno da parte delle forze di opposizione (con sostegno straniero) ha paralizzato l'economia. La cattiva gestione è stata diffusa e distruttiva. Le agenzie statunitensi e i loro alleati in Venezuela hanno colto l'opportunità di destabilizzare ulteriormente e distruggere tutti i rimanenti residui di chavismo. Ora stanno cercando di infangare e cancellare l'eredità di Chavez, ma credo che questo sia un compito impossibile. Anche se l'attuale governo non sopravvive agli attacchi viziosi contro di esso, la memoria di Chavez nei milioni di persone che ha influenzato e migliorato la vita, sopravviverà alla tempesta. "Chavismo" è diventato un'ideologia fondata su principi di giustizia sociale e dignità umana. Ma alle persone manca terribilmente?
Sì.
Una donna venezuelana piange la morte di Hugo Chavez. | Foto: EFE
PopAds.net - The Best Popunder Adnetwork
Eva Golinger è vincitrice del Premio Internazionale per il giornalismo in Messico (2009), chiamata "La Novia de Venezuela"  (fidanzata NdR) dal presidente Hugo Chávez, è un avvocato e scrittore di New York, vive a Caracas, in Venezuela dal 2005 e autrice di best-seller, "Crociata Usa contro il Venezuela. Decifrato il codice Chavez", Zambon Editore (19 luglio 2006), "Bush vs. Chávez: Washington's War on Venezuela" (2007, Monthly Review Press)

Dal 2003, Eva sta indagando, analizzando e scrivendo sull'intervento degli Stati Uniti in Venezuela usando il Freedom of Information Act (FOIA) per ottenere informazioni sugli sforzi del governo USA per indebolire i movimenti progressisti in America Latina.

Mike Whitney vive nello stato di Washington. Contribuisce a Hopeless: Barack Obama e Politics of Illusion (AK Press).
Senza speranza è disponibile anche in una versione Kindle . Può essere raggiunto a fergiewhitney@msn.com.
La fonte originale di questo articolo è CounterPunch
Copyright © Eva Golinger e Mike Whitney , CounterPunch , 2016

Fonte   Global Research   Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora e Arturo Navone per Un Mondo Impossibile
ContanteLibero.it
Articoli correlati





JFK: “Colpo di Stato in America” - Mathias Broeckers L'assassinio di JFK ha segnato la fine della Repubblica Americana.

Venezuela Ennesima Rivoluzione "Colorata", la mano della CIA - Documento USA trapelato. La lista dei politici e artisti venezuelani pagati per attaccare il governo sulle reti sociali



La rivincita dei complottisti: più razionali, sani, equilibrati e meno fanatici dei convenzionalisti. Ora c’è la prova scientifica.