Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

lunedì 18 aprile 2016

I due rapporti dell’intelligence russa sull’attuale aiuto turco allo Stato islamico


"Rapporto dell’intelligence russa sull’attuale aiuto turco allo Stato islamico"

18 FEBBRAIO 2016 

La Turchia sta reclutando combattenti stranieri da mandare ad ingrossare le fila dei terroristi in Siria, sta facilitando il movimento transfrontaliero verso quel paese, e le forniture di armi ai gruppi terroristici che operano sul suo territorio.

Per avere ben chiara la situazione bisogna ricordare che la Turchia è un alleato storico degli USA e facente parte della NATO, per completare l'edificante quadrettoera già stato catturato ufficiale intelligence turca in Siria, confessa implicazioni di Erdogan negli attentati in Belgio (NdR)

Secondo quanto riferito, i rappresentanti dello Stato Islamico dell’Iraq e il Levante (ISIL) hanno creato una vasta rete ad Antalya, con l’aiuto dei servizi segreti turchi per reclutare cittadini turchi dai paesi del ex Unione delle Repubbliche Socialiste sovietiche, al fine di coinvolgerli nel conflitto in Siria per poi trasferirli, eventualmente, in Russia.

Il gruppo di reclutatori è composto da: un cittadino del Kirghizistan di nome Abdullah; una persona dalla Repubblica di Adyguées, chiamato Azmet; una persona dalla Repubblica del Tatarstan, chiamato Elnar; un cittadino russo di nome Ilyas; un cittadino azero Adil Aliyev ha chiamato e qualcuno da Karachayevo-Cherkessia, noto come Nizam. E‘ diretto da un cittadino russo di nome Ruslan Rastyamovitch Khaïboullov (pseudonimi: Baris Abdul o “Professore”), nato il 1 ° aprile 1978 a Tatarstan. Quest’ultimo vive con la famiglia a Antalya ed è in possesso di un permesso di soggiorno permanente in Turchia.

Il reclutamento è a conoscenza dell’amministrazione penitenziaria. Se un detenuto accetta di convertirsi all’Islam e si impegna ad effettuare attività terroristiche, i reclutatori gli promettono di “fare un accordo” con le autorità turche delle forze dell’ordine e di fornirgli gratuitamente un avvocato, Tahir Tosolar (per i dettagli ndr). Sultan Kekhoursaev, un ceceno con cittadinanza turca, ha visitato per lo stesso scopo i centri di detenzione dove sono collocati gli stranieri.

Nel mese di settembre 2015, un gruppo di combattenti ISIL con più di un migliaio di uomini provenienti da paesi in Europa e in Asia centrale è stato guidato dal territorio turco in Siria attraverso il valico di frontiera di Alikaila (Gaziantep) .

I percorsi utilizzati per il movimento di combattenti passano molto vicino al confine turco-siriano, attraverso le città di Antakya, Reyhanlı, Topaz, Sanliurfa e Hatay.

Seal of the Turkish National Intelligence.png
MIT
Nel mese di marzo 2014, il capo della Organizzazione turca National Intelligence (MIT), H. Fidan, ha coordinato il movimento di una grande unità di ISIL guidata da un cittadino libico, Mahdi al-Kharati [1]. Il trasporto dei combattenti libici in Siria è stata fatta dal mare attraverso il valico di frontiera Barsai tra la Turchia e la Siria.

Dalla fine del mese di dicembre 2015, un ponte aereo è stato organizzato con l’aiuto dei servizi speciali turchi per consentire ai combattenti ISIL i combattenti di andare dalla Siria allo Yemen attraverso la Turchia usando aerei militari turchi. Un altro mezzo utilizzato per i combattenti è di viaggiare con trasporto via mare fino al porto yemenita di Aden.

Alcuni cittadini russi che coltivano i contatti con i responsabili dei servizi di sicurezza e della polizia in diverse città turche, tra cui Istanbul, sono coinvolti nelle attività di reclutamento attraverso le madrasse turche.

Sappiamo che la cura e la convalescenza in alcuni ospedali nelle regioni turche sono a disposizione per i combattenti feriti ISIL. Non meno di 700 combattenti erano nel centro di riabilitazione a Gaziantep, nel 2014.

Secondo le informazioni disponibili, a partire dal 2015, i servizi speciali turchi hanno contribuito a trasferire da Antalya alla cittadina di Eskişehir chiamata anche “villaggio tartaro”, sede dei combattenti e complici del gruppo terroristico di al-Front da Nosra di Tatar le reclute provenienti dalle repubbliche del Tatarstan, Bashkortostan e Mordovia. Alcuni di loro hanno la doppia nazionalità, quello della Russia e quello della Turchia.

Uno dei principali leader del paese è Timur Maounirovitch Bitchourine, un cittadino russo nato 15 Dicembre 1969, da Kazan complice che porta aiuto ai combattenti islamici in Siria da gennaio 2014.

Nel mese di dicembre 2014, i servizi speciali turchi hanno contribuito a installare clandestini campi profughi in Turchia, in particolare nella provincia di Hatay, al fine di organizzare corsi di formazione e di inviare le bande di estremisti in Siria. Nel gennaio 2015, il MIT turco (servisio segreto turco) è stato coinvolto in un’operazione tesa a fondere tre milizie terroristiche -Osman Gazi Omer Omer Bin Abdulaziz e Mukhtar- in un gruppo chiamato Brigata Sultan Abdoulhamid, il comando è stato dato a Omer Abdullah. I membri di questo gruppo hanno ricevuto una formazione in un campo in bayır-Bucak, in Turchia, sotto la direzione di maestri di unità di forze speciali d’intervento dello Stato Maggiore dell’esercito turco e membri del personale MIT. Le attività della Brigata Sultan Abdoulhamid sono coordinati con quei combattenti el-Nosra anteriori in provincia siriana a nord di Latakia.

Si è accertato che il 21 settembre 2015 nella città siriana di Tel Rifaat, ai rappresentanti dell’opposizione siriana di al-Nosra che avevano ricevuto addestramento militare in un campo situato in Turchia Kırşehir sono state consegnate armi .

Secondo le informazioni disponibili, le forniture di armi ai gruppi terroristici che operano in Siria continuano a utilizzare i servizi forniti da Insan Hak e dalle fondazioni Hürriyetleri ve IHH (HHI) [2], İmkander [3] e Öncü indennità Nesil Insani Yardim che si trovano a Derneği (Turchia).

Le consegne di armi , equipaggiamento militare e munizioni di diverso tipo vengono inviati da paesi stranieri al porto turco di Iskenderun. Attrezzature e forniture militari sono trasportati attraverso la provincia di Hatay (posto di frontiera di Oncupinar) a Aleppo e Idleb in Siria da veicoli appartenenti alle fondazioni IHH, e İmkander Öncü Nesil Turchia subiscono le seguenti iscrizioni: 33 317 SU , 06 DY 7807, 33 sU 540, sU 960 33 42 GL 074 e R 31 5487. Sul territorio siriano, armi e munizioni sono distribuiti alle bande e alle unità di al Nosra Fronte formate da turkmeni.

Il 15 settembre 2014, i rappresentanti della fondazione IHH hanno effettuato da spedizioni di armivia strada e farmaci per gruppi di ISIL dalla la città turca di Bursa in Siria attraverso il posto di frontiera di Ceylanpınar ( quartiere Reyhanlı). Il convoglio è stato scortato attraverso la Turchia da veicoli che trasportano membri del personale del MIT

Traduzione di Vietato Parlare
[1] Questo dovrebbe essere di Mahdi al-Harati – Nota di Réseau Voltaire
[2] Organizzazione umanitaria turca Fratelli Musulmani – Nota di Réseau Voltaire
[3] Questa fondazione sostiene i movimenti separatisti islamici nel Caucaso. Nel 2013, la Russia aveva chiesto al Comitato 1267/1989 per le sanzioni del Consiglio di sicurezza luogodi aggiungere İmkander sulla lista delle organizzazioni legati ad al-Qaeda. Il Regno Unito, la Francia e il Lussemburgo si sono opposti. – Nota Rete Voltaire

"Il secondo rapporto dell’intelligence russa sull’attuale aiuto turco allo Stato islamico"

11 apr 2016

L’invio di armi e munizioni dalla Turchia al territorio siriano occupato dallo Stato islamico

Il principale fornitore di armi ed equipaggiamenti militari dei combattenti dell'ISIL è la Turchia, che agisce attraverso organizzazioni non governative. Le attività in tale settore sono supervisionate dall’Organizzazione dell’Intelligence Nazionale (MIT) turca e i rifornimenti vengono trasportati principalmente su strada, anche mediante veicoli integrati nei convogli di aiuti umanitari.

La fondazione Besar (il cui presidente è D. Sanli) è attivamente coinvolta nelle operazioni incentrate su obiettivi precisi. Nel 2015 organizzò 50 convogli per le regioni turcomanne di Bayirbucak e Kiziltepe (260 km a nord di Damasco). Le donazioni da parte di individui ed entità sono "ufficialmente" le principali fonti di finanziamento. Infatti, i fondi versati sul conto di tale organizzazione provengono da una dotazione specifica del bilancio del MIT. La fondazione Besar ha aperto conti correnti in banche turche e straniere con l’aiuto del governo.

La fondazione Iyilikder (il cui presidente è I. Bahar) invia una notevole quantità di armi ed equipaggiamenti militari nel territorio siriano occupato dall'ISIL. Nel 2015 inviò circa 25 convogli. La gestione dell’organizzazione non governativa è finanziata da fondi nei Paesi europei e mediorientali. I fondi denominati nelle valute più importanti vengono trasferiti su conti domiciliati nelle banche Kuveyt Turk e Vakif.

La Fondazione per la difesa dei diritti umani e delle libertà fondamentali (IHH) (il cui presidente è B. Yildirim) è strettamente coinvolta nell’invio di materiale militare ai terroristi in Siria. È ufficialmente supportata dal governo turco e opera sotto la direzione dei servizi segreti turchi. Dal 2011 tale fondazione ha inviato 7500 veicoli con diversi carichi diretti nel territorio occupato dall'ISIL, ed è finanziata con fondi in Turchia e altri Stati, raccolti tramite le banche turche Ziraat e Vakif.

Inoltre, per affrontare i problemi nell’invio di armi ed equipaggiamenti militari nel territorio occupato dall'ISIL, gli agenti del MIT adottavano misure per controllare i depositi di armi e munizioni nelle città di confine di Bukulmez e Sansarin (530 km a sud-est di Ankara, nella provincia di Hatay). Le armi consegnate ai combattenti in genere attraversano il valico di frontiera di Cilvegoezu (530 km a sud-est di Ankara), con l’aiuto degli agenti dei servizi d'intelligence e della gendarmeria turca.


Ad esempio, tra il 2 e l’8 novembre 2015 molte armi furono inviate nella città di Atma (310 km a nord di Damasco) dal valico di frontiera di Cilvegoezu. I terroristi che si trovavano in questa zona venivano riforniti con munizioni per i sistemi missilistici anticarro TOW, lanciagranate RPG-7 e armi di piccolo calibro.

Nel novembre 2015, l’invio di materiale militare fu organizzato per i gruppi armati criminali presenti nella provincia di Lataqia. Gli islamisti ricevettero dai servizi d’intelligence turchi cannoni senza rinculo M-60 con munizioni, proiettili di mortaio da 82mm, munizioni da 23mm e 12,7mm, bombe a mano, attrezzature e apparecchiature per le comunicazioni.

Tra l’11 e il 21 gennaio 2016, gli agenti dei servizi segreti turchi rifornirono l’organizzazione terroristica Jabhat al-Sham con munizioni calibro 7,62mm e 12,7mm e munizioni per i lanciagranate RPG-7. Il carico fu trasportato in un campo di terroristi nella provincia di Lataqia attraverso il confine siriano-turco dalla regione di Kizilcat (540 km a sud-est di Ankara). Parte delle armi e delle munizioni ricevute fu successivamente rivenduta dai capi operativi ai rappresentanti dello SIIL (in cambio di prodotti petroliferi, alimentari e altri beni).

Il 25 gennaio 2016, la Fondazione turca per la difesa dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali finanziava l’invio di molto materiale e cibo (circa 55 tonnellate) per i terroristi dell'ISIL. La federazione delle società e fondazioni filantropiche dalla Turchia era la responsabile dell’organizzazione del convoglio. I "carichi umanitari" furono inviati nel distretto di Bayirbucak, dal valico di frontiera di Yayladagi (530 km a sud-est di Ankara, nella provincia di Hatay). In precedenza, nel luglio 2015, la Fondazione aiutò l’Associazione per i diritti umani e la solidarietà con i popoli oppressi ad organizzare l’invio di un carico di oltre 177 tonnellate di materiale militare nel nord della Siria.

Inoltre, il traffico di esplosivi e prodotti chimici industriali fu organizzato a beneficio dei gruppi terroristici che operano in Siria con movimenti generalmente compiuti in territorio turco e attraverso i valichi di frontiera presso Reyhanli ( Turchia), Azaz (Siria), Qamishli (Siria) e Jarabulus (Siria). I fiumi, in particolare l’Eufrate, sono spesso utilizzati per il trasporto di grandi carichi di componenti chimici utilizzati per la fabbricazione di esplosivi (nitroglicerina, nitrato di ammonio, polvere da sparo e tritolo).

In totale, l’invio ai terroristi attraverso la Turchia nel 2015 è quantificato in 2500 tonnellate di nitrato di ammonio (per un valore approssimativo di 788700 dollari USA), 456 tonnellate di nitrato di potassio (468700 dollari), 75 tonnellate di polvere di alluminio (496500 dollari), e si valuta 19400 dollari di nitrato di sodio, 102500 dollari di glicerina e 34 000 dollari di acido nitrico.

La maggior parte delle sostanze chimiche vengono acquistate nelle province del sud-est della Turchia (Mersin, Hatay, Kilis, Gaziantep e Sanliurfa) con l’assistenza di aziende locali. In particolare, l’azienda Tevhid Bilisim Merkezi (città di Sanliurfa, distretto di Alcak, centro commerciale Bagdat, ufficio 1) è una società intermediaria. I proprietari Ismail e Ahmet Bayaltun acquistano i prodotti delle società della "zona economica libera di Mersin" (città di Mersin) e successivamente spediscono la merce ai terroristi. Inoltre, la società Tsitrkimya (Istanbul, proprietario: Zaur Guliyev) effettua forniture dirette di polvere di alluminio all'ISIL.

Le aziende Trend Limited Sirket (città di Sanliurfa) e Maxam Anadolu (città di Malatya) sono specializzate nell’invio ai terroristi di fusibili di sicurezza e cordoncini detonanti (principale componente attivo: tetranitrato di pentaeritrite) oltre che di detonatori a percussione e detonatori elettrici.

Per consentirne il libero passaggio senza i controlli alle frontiere, con la complicità implicita delle autorità turche, le merci vengono inviate ad aziende amministrative presumibilmente registrate in Giordania e Iraq. I documenti di spedizione sono contrassegnati "Transito attraverso la Repubblica araba siriana" nella sezione sul metodo di consegna al destinatario. La registrazione dei prodotti e relativi documenti avviene nelle stazioni doganali delle città di Antalya, Gaziantep e Mersin (Turchia). Dopo il completamento delle formalità necessarie, le merci attraversano il confine senza difficoltà nei valichi di Cilvegoezu e Oencuep'nar (520 km a sud-est di Ankara, provincia di Kilis).

Traduzione Alessandro Lattanzio (Sito Aurora)
Fonti voltairenet voltairenet

Articoli correlati