Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

venerdì 22 aprile 2016

Gli 007 israeliani si finsero uomini della Cia. Falsi passaporti Usa e tasche piene di dollari Così il Mossad reclutò oppositori iraniani

false Flag

ESCLUSIVO
False Flag


Una serie di memo della CIA descrivono come agenti del Mossad israeliano si sono fatti passare come spie americane per reclutare membri dell'organizzazione terroristica Jundallah per combattere la loro guerra segreta contro l'Iran.

di Arturo Navone
Questa vicenda è molto interessante perchè contiene parecchie informazioni e meccanismi, interessante sopratutto per coloro, e sono tanti, che sostengono che Israele sia l'ultima barriera contro l'Islam. Israele invece è la causa di tutto ciò, come da più parti sostenuto ed anche confessato, per il Mossad, per Israele sono cose di tutti i giorni, la Nuova Zelanda per esempio ha chiuso i rapporti diplomatici tempo fà con Israele per il furto di passaporti.
Bisogna saperle leggere le notizie, e contestualizzarle, non è una false flag ma sono ben due, Israele recluta degli arabi per fare la sua guerra segreta all'Iran, pare ovvio che tutti i morti e gli attentati descritti siano pilotati da loro, e si fa passare per l'America per coinvolgerla in una guerra segreta e non è la prima volta che recluta degli arabi che in fondo sono dei poracci, non sono mica tutti sceicchi, per fargli fare le peggio cose, inconsapevoli, non possono mica comprendere le intenzioni recondite, dovrebbero capire la psicopatologia del popolo ebraico che al 99% nemmeno noi occidentali "acculturati" capiamo e ci facciamo sottomettere, immaginiamoci un beduino del deserto.
Contestualizzarla, vicenda del 2006, 2007 uscita fuori nel 2012, amministrazione Bush prima che va su tutte le furie ma nulla fa, chissà perchè mi viene in mente magari per le precedenti alleanze, accordi legati all'11 settembre e Obama poi che probabilmente essendo cambiata la geopolitica ben si guarda dal farsi coinvolgere anzi e così viene tirata fuori la questione, come spiega il corriere nell'ultimo paragrafo e come dice un funzionario "Otterrebbero di coinvolgerci nella loro guerra segreta, se vogliamo di essere coinvolti o meno". Nulla succede mai per caso, con i servizi ancora meno e Israele è lo specialista incontrastato delle false flags.

13 Gennaio 2012

Mossad
Mossad
WASHINGTON. Sepolti negli archivi dei servizi segreti americani ci sono una serie di memo, scritti durante gli ultimi anni di amministrazione del presidente George W. Bush, che descrivono come gli agenti del Mossad israeliano hanno reclutato operatori appartenenti al gruppo terroristico Jundallah facendosi passare per agenti americani. Secondo i due funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti, gli israeliani, ben forniti di dollari americani e armati di passaporti degli Stati Uniti, fintisi come ufficiali della CIA in reclutamento di agenti Jundallah hanno attuato quello che viene comunemente indicato come un operazione "false flag".


Le note, come descritto dalle fonti, uno dei quali li ha letti e un altro che è intimamente familiare con il caso, hanno indagato e smascherato i rapporti tra il 2007 e il 2008, che accusavano la CIA, sotto la direzione della Casa Bianca, di sostenere di nascosto Jundallah, una organizzazione estremista sunnita con base in Pakistan. Jundallah, secondo il governo degli Stati Uniti ed i rapporti pubblicati, è responsabile dell'assassinio di funzionari del governo iraniano e l'uccisione di donne e bambini iraniani.

Ma mentre i memo mostrano che gli Stati Uniti avevano vietato anche il contatto accidentale con Jundallah, secondo i due ufficiali dei servizi segreti, lo stesso non vale per il Mossad israeliano. Le note anche dettagliano i rapporti della CIA secondo cui le attività di reclutamento di Israele si è verificato sotto il naso di agenti dei servizi segreti degli Stati Uniti, più in particolare a Londra, la capitale di uno degli alleati apparenti di Israele, dove gli ufficiali del Mossad mascherati come agenti della CIA si sono incontrati con i funzionari di Jundallah.

Jundollah
I funzionari non sapevano se il programma israeliano di reclutare e utilizzare Jundallah è ancora in corso. Tuttavia, essi sono stati storditi dalla sfacciataggine degli sforzi del Mossad.
"E 'incredibile che gli israeliani pensavano di poter farla franca",
ha detto l'ufficiale dei servizi segreti.
"Le loro attività di reclutamento erano quasi a cielo aperto. A quanto pare non interessava un accidente di quello che avremo pensato".
Le interviste con sei ufficiali dei servizi segreti attualmente in servizio o di recente in pensione nel corso degli ultimi 18 mesi hanno contribuito a riempire gli spazi vuoti dell'operazione falsa bandiera israeliana. Oltre ai due ufficiali dei servizi segreti degli Stati Uniti attualmente in servizio, l'esistenza delle operazioni false flag israeliano mi è stato confermato da quattro agenti dei servizi segreti in pensione che hanno prestato servizio nella CIA o hanno monitorato le operazioni di intelligence israeliane da posizioni di rilievo all'interno del governo degli Stati Uniti.

La CIA e la Casa Bianca sono stati entrambi invitati per un commento su questa storia. Per il momento che questa storia è andata in stampa, non avevano risposto. I servizi segreti israeliani - il Mossad - sono stati contattati anche, per iscritto e per telefono, ma non sono riusciti a rispondere. Come politica, Israele non conferma o nega il suo coinvolgimento in operazioni di intelligence.

Non si può negare che ci sia una campagna segreta, sanguinante, e in corso per fermare il programma nucleare iraniano, anche se nessuna prova è emersa che collega recenti atti di sabotaggio e uccisioni in Iran a Jundallah. Molti rapporti hanno citato Israele come l'architetto di questa campagna segreta, che ha rivendicato la sua ultima vittima l'11 gennaio, quando un motociclista a Teheran ha fatto scivolare un ordigno magnetico sotto la macchina di Mostafa Ahmadi-Roshan, un giovane scienziato nucleare iraniano. L'esplosione ha ucciso Roshan, facendo di lui il quarto scienziato assassinato negli ultimi due anni. Gli Stati Uniti negano categoricamente di essere dietro a questi omicidi.

Secondo un ufficiale della CIA in pensione, informazioni sul funzionamento falsa bandiera è stato riportato in alto nella catena di intelligence degli Stati Uniti di comando. Ha raggiunto il direttore della CIA delle operazioni Stephen Kappes, il suo vice Michael Sulick, e il capo del controspionaggio Center. Tutti e tre questi funzionari sono ora in pensione. Il controspionaggio Center, secondo il suo sito web , ha il compito di indagare "le minacce poste dai servizi segreti stranieri".

Il rapporto poi fatto la sua strada verso la Casa Bianca, secondo l'ufficiale attualmente in servizio dei servizi segreti degli Stati Uniti. L'ufficiale ha detto che Bush "è andato assolutamente su tutte le furie", (ballistic intraducibile NdR) quando è stato informato sul suo contenuto.

"Il rapporto ha suscitato le preoccupazioni della Casa Bianca che il programma di Israele stava mettendo gli americani a rischio",  mi ha detto l'ufficiale dei servizi segreti.
"Non c'è dubbio che gli Stati Uniti hanno cooperato con Israele nelle operazioni di raccolta di intelligence contro gli iraniani, ma questo era diverso. Non importa quello che qualcuno possa pensare, non siamo nel business di assassinare funzionari iraniani o uccidere civili iraniani".
Il rapporto di Israele con Jundallah ha continuato fino al giorno in cui ha lasciato l'incarico l'amministrazione Bush, questo stesso funzionario dell'intelligence ha osservato. L'attività di Israele ha compromesso il fragile rapporto dell'amministrazione con il Pakistan, che è stato messo sotto forte pressione da parte dell'Iran per reprimere Jundallah. Ha anche compromesso la rivendicazione USA che sostiene che non avrebbe mai combattuto il terrore con il terrore, e ha invitato ad attacchi naturali al personale degli Stati Uniti.
"E 'facile capire il motivo per cui Bush era così arrabbiato",
ha detto un ex ufficiale dei servizi segreti.
"Dopo tutto, è difficile impegnarsi con un governo straniero se sono convinti che stai uccidendo le persone. Una volta che si inizia a fare questo, essi sentono di poter fare lo stesso."

Un alto funzionario dell'amministrazione ha promesso di "prendere con i guanti" Israele, secondo un ufficiale dei servizi segreti degli Stati Uniti. Ma gli Stati Uniti non hanno fatto nulla, un risultato che l'ufficiale ha attribuito a "inerzia politica e burocratica".
"Alla fine", l'ufficiale ha osservato, "era solo più facile non fare niente piuttosto che, si sa, affondare la barca."
Anche così, almeno per un breve periodo di tempo, questo stesso funzionario ha osservato, l'operazione del Mossad ha suscitato un dibattito di divisione tra i team di sicurezza nazionale di Bush, contrapponendo coloro che si chiedevano "da che parte stanno questi ragazzi [di Israele]" nei confronti di chi ha sostenuto che "il nemico del mio nemico è mio amico".

Il dibattito sulla Jundallah è stato risolto solo dopo che Bush ha lasciato l'ufficio, quando, entro le prime settimane da presidente, Barack Obama ha ridimensionato drasticamente riportando indietro i comuni programmi di intelligence degli Stati Uniti e Israele nei confronti dell'Iran, secondo il servizio multiple e gli ufficiali in pensione.

La decisione è stata controversa all'interno della CIA, dove i funzionari sono stati costretti a chiudere "alcune operazioni di raccolta di informazioni chiave", ha confermato un funzionario della CIA da poco in pensione. Questa azione è stata seguita nel novembre 2010 dal Dipartimento di Stato con l'aggiunta di Jundallah alla sua lista di organizzazioni terroristiche straniere."Un assoluto non-sforzo" una decisione come un ex ufficiale della CIA ha chiamato.

Dall'ordine iniziale di Obama, i servizi segreti degli Stati Uniti hanno ricevuto l'autorizzazione a collaborare con Israele su una serie di operazioni di raccolta di intelligence classificate focalizzate sul programma nucleare iraniano, secondo un funzionario attualmente in servizio. Queste operazioni sono altamente di natura tecnica e non comportano azioni segrete destinate infrastrutture dell'Iran o di leadership politica o militare.

"Noi non facciamo bang and boom", ha detto un ufficiale dei servizi segreti da poco in pensione. "E noi non facciamo omicidi politici".

Israele propone regolarmente di condurre operazioni segrete di targeting (con obiettivi NdR) iraniani, ma sono altrettanto regolarmente chiusi, secondo i funzionari dell'intelligence in pensione e quello attuale. "Vengono nella stanza a diffondere i loro piani, e a noi basta scuotere la testa, ", ha detto una importante fonte di intelligence "e noi diciamo a loro 'Non andiamo lì La risposta è no'".

A differenza del Mujahedin-e Khalq, il gruppo terroristico controverso esiliato iraniano che cerca il rovesciamento del regime di Teheran ed è supportato da ex leader politici statunitensi, Jundallah è relativamente sconosciuto ma altrettanto violento. Nel maggio 2009, un attentatore suicida di Jundallah si è fatto esplodere all'interno di una moschea di Zahedan, la capitale del sud-est provincia del Sistan-Baluchistan iraniano al confine con il Pakistan, nel corso di una festa religiosa sciita. L'esplosione ha ucciso 25 iraniani e fatto decine di altri feriti.

L'attacco furioso di Teheran, che ha rintracciato gli autori in una cella che opera in Pakistan. Il governo iraniano ha notificato ai pakistani della minaccia Jundallah e li ha esortati a rompere le basi del movimento lungo il confine con l'Iran e Pakistan. I pakistani hanno reagito lentamente nelle zone di confine, alimentando i sospetti di Teheran che Jundallah sia stata protetta dai servizi segreti del Pakistan.

L'attacco 2009 è stato solo uno di una lunga serie di attacchi terroristici attribuiti all'organizzazione. Nell'agosto 2007, Jundallah ha rapito 21 camionisti iraniani. Nel dicembre 2008, ha catturato e giustiziato 16 guardie di frontiera iraniane, le uccisioni raccapriccianti sono state girate, in una eco forte della decapitazione di uomo d'affari americano Nick Berg in Iraq per mano di di al Qaeda Abu Musab al-Zarqawi. Nel luglio 2010, Jundallah ha condotto un attentato suicida doppio a Zahedan all'esterno di una moschea, uccidendo decine di persone, tra cui membri del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche.

Il Dipartimento di Stato nega aggressivamente che il governo degli Stati Uniti abbia avuto o ha alcun legame con Jundallah.
"Abbiamo più volte detto, e ribadito ancora una volta che gli Stati Uniti non hanno fornito supporto a Jundallah",
un portavoce ha scritto in una e-mail al Wall Street Journal, dopo la designazione di Jundallah come organizzazione terroristica.
"Gli Stati Uniti non sponsorizzano alcuna forma di terrorismo. Noi continueremo a lavorare con la comunità internazionale per limitare il sostegno alle organizzazioni terroristiche e prevenire la violenza contro civili innocenti. Abbiamo inoltre incoraggiato altri governi a intraprendere azioni analoghe contro Jundallah".
Una serie di piani di 2007 e 2008, tra cui un rapporto di ABC News ed un articolo New Yorker , hanno suggerito che gli Stati Uniti stavano offrendo sostegno segreto a Jundallah. La questione è ora tornata alla ribalta con la serie di omicidi degli scienziati nucleari iraniani e ha indignato servizio e agenti dei servizi segreti in pensione che temono che le operazioni israeliane mettano in pericolo vite americane.
"Questo certamente non è la prima volta che è successo, anche se è il caso peggiore di cui ho sentito parlare"
ex capo CENTCOM in pensione il generale Joe Hoar ha detto dell'operazione israeliana dopo essere stato informato di essa.
"Ma mentre le operazioni false flag non sono certo una novità, sono estremamente pericolose. Stai fondamentalmente utilizzando la tua amicizia con un alleato per i tuoi scopi. Israele sta giocando con il fuoco. Otterrebbero di coinvolgerci nella loro guerra segreta, se vogliamo di essere coinvolti o meno".
L'operazione israeliana ha lasciato un certo numero di ufficiali della CIA in pensione di recente farfuglianti per la frustrazione.
"Sta diventando piuttosto difficile per gli Stati Uniti a prendere le distanze da un attacco israeliano contro l'Iran con questo genere di cose in corso,"
uno di loro mi ha detto.

Il capo di Jundallah, Abdolmalek Rigi è stato catturato dall'Iran nel febbraio 2010. Anche se i rapporti iniziali hanno affermato che è stato catturato dagli iraniani dopo aver preso un volo da Dubai a Kyrgyzstan, un ufficiale dei servizi segreti in pensione con la conoscenza dell'incidente mi ha detto che Rigi è stato arrestato dai servizi segreti pakistani ufficiali in Pakistan. L'ufficiale ha detto che Rigi è stato consegnato agli iraniani dopo che il governo pakistano ha informato gli Stati Uniti che prevedevano di farlo. Gli Stati Uniti, questo ufficiale ha detto, non ha sollevato obiezioni alla decisione del Pakistan.

L'Iran, dal canto suo, ha sempre sostenuto che Rigi è stato strappato da sotto gli occhi della CIA, che lo aveva supportato. "Non ha importanza", ha detto l'ex ufficiale dei servizi segreti delle accuse dell'Iran. "Non importa quello che dicono. Loro sanno la verità".

Rigi è stato interrogato, processato e condannato dagli iraniani e impiccato il 20 giugno 2010. Prima della sua esecuzione, Rigi ha affermato in un'intervista con i media iraniani, che deve essere immaginato essere sotto costrizione, che non aveva dubbi sulla sponsorizzazione degli USA di Jundallah. Ha raccontato un presunto incontro con i "funzionari della NATO" in Marocco nel 2007, che ha sollevato i suoi sospetti.
"Quando abbiamo pensato a questo proposito siamo giunti alla conclusione che sono o americani che agiscno sotto copertura NATO o israeliani", ha detto.
Mentre molti dei dettagli del coinvolgimento di Israele con Jundallah sono ormai noti, molti altri rimangono ancora un mistero e rischiano di restare così. I memo della CIA dell'incidente sono stati "blue bordered,", nel senso che sono stati diffusi a livelli alti della comunità di intelligence più ampia degli Stati Uniti, nonché agli alti funzionari del Dipartimento di Stato.

Quello che è diventato cristallino, tuttavia, è il livello di rabbia tra gli alti funzionari di intelligence circa le azioni di Israele. "Questo è stato stupido e pericoloso", ha detto il funzionario di intelligence che per primo mi ha parlato l'operazione.
"Israele si suppone lavorare con noi, non contro di noi. Se vogliono spargere sangue, aiuterebbe molto se fosse il loro sangue e non il nostro. Sai, che si suppone di essere una risorsa strategica. Bene, indovinate un po '? Ci sono un sacco di gente ora, persone importanti, che semplicemente non credono che sia vero. "
________________________________

RAPPORTI TRA INTELLIGENCE - L’articolo di Foreign Policy - basato su fonti statunitensi - può essere interpretato come un segnale di Washington all’Iran all’indomani dell’uccisione dello scienziato nucleare. Guardate che non c’entriamo - è il messaggio - e anche se catturate qualcuno che sostiene di lavorare per noi non è detto che lo sia. Questo non significa che l’intelligence americana e quella israeliana non collaborino in chiave anti-Iran. I rapporti sono stretti, la consultazione è cresciuta. Ma gli Usa vogliono sempre essere padroni del proprio gioco. In altre parole temono che Israele possa forzare la mano. Quanto al Mossad è dovuto ricorrere al trucco della Cia perché era l'unico modo per ottenere la cooperazione di un gruppo musulmano sunnnita, tattica spesso impiegata per agganciare informatori in Medio Oriente. (dal Corriere)

Fonte  foreignpolicy  corriere
Traduzione Arturo Navone

Articoli correlati



Mossad, l'«Istituto» un mito costruito sui cadaveri