Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

mercoledì 18 maggio 2016

Boris Johnson, ex sindaco di Londra: L'UE vuole un superstato, proprio come Hitler

Boris Johnson 

Dichiarazione shock dell’ex sindaco di Londra, Johnson: 
«LA UE ha gli stessi obiettivi di Hitler»
È una storia vecchia, avevano anche scritto un libro e sono dichiarazioni evidentemente a fini elettorali, ma contengono profonde verità con le vere finalità profondamente nascoste e certamente non positive. 
Purtroppo questo tipo di Europa nulla a che vedere con quella voluta da Hitler ma invece è sempre subordinata ai piani criminali e imperialisti del "Nuovo DisOrdine Mondiale" che non porteranno come non hanno portato fino ad ora buone nuove ai cittadini, come d'altra parte illustra benissimo Boris Johnson a saper leggere tra le righe, ma nemmeno troppo ...
Tengo a precisare che i popoli, i tedeschi in questo caso come gli americani negli altri, non sono mai "il problema", ma lo sono i politici ed i governi perchè appunto fanno gli interessi, di altri, dei banchieri di cui sono i burattini, i camerieri a dir si voglia ...
Altri pareri simili con paragoni diversi ma oltremodo cupi arrivarono da The New York Times: Dentro la crisi dell'UE, l'alternativa decentrare. - La UE sembra l’Unione Sovietica e cadrà come l’Impero RomanoL'EURSS - Io ho vissuto nel vostro futuro e non ha funzionato ... VladimirBukovsky, molto preoccupato e Istituzioni europee : Il politichese dell’Unione di Tomáš Břicháček  che parlano di comunismo che è poi la chiave per arrivare appunto al "Nuovo DisOrdine Mondiale", da dove la si vuol guardare la situazione resta grave ...
Arturo Navone
15 Maggio 2016

L'Unione europea sta perseguendo un obiettivo simile a Hitler nel tentativo di creare un potente superstato, dice Boris Johnson.
In un drammatico colloquio con il Telegraph, avverte che mentre i burocrati di Bruxelles stanno usando "metodi differenti" dal dittatore nazista, hanno in comune l'obiettivo di unificare l'Europa sotto un'unica "autorità".
Ma i fallimenti "disastrosi" dell'UE hanno alimentato le tensioni tra gli stati membri e ha permesso alla Germania di crescere in potere, "prendere in consegna" l'economia italiana e "distruggere" la Grecia, avverte.
Mr. Johnson invoca la sfida di Winston Churchill in tempo di guerra, esortando il popolo britannico a essere gli "eroi d'Europa" ancora una volta , impostare il paese libero e salvare l'Unione da se stessa votando a lasciare al referendum il prossimo mese.

L'ex sindaco di Londra, che è uno studioso classica appassionato, sostiene che negli ultimi 2000 anni di storia europea sono stati caratterizzati da ripetuti tentativi di unificare l'Europa sotto un unico governo al fine di recuperare la persa "età dell'oro" del continente sotto i Romani.

Napoleone, Hitler, varie persone ci hanno provato, ed è finita tragicamente.

L'UE è un tentativo di fare questo con metodi diversi.
Ma fondamentalmente quello che manca è l'eterno problema, non c’è una fedeltà di fondo alla idea di Europa. Non esiste un'unica autorità rispettata o compresa da tutti. E questo causa un enorme vuoto democratico“.
Il confronto potenzialmente infiammatorio del signor Johnson a Hitler giunge in un momento critico nella campagna referendaria, con i conservatori anziani su entrambi i lati sono pronti ad attaccare pubblicamente l'un l'altro con termini pesanti.

Boris Johnson
Mr Johnson avverte che i burocrati di Bruxelles vogliono unificare
'Europa sotto un'unica "autorità"
Nell'intervista, il deputato per Uxbridge e South Ruislip, che è uno dei preferiti ad essere il prossimo leader conservatore:
  • Speculazione infiammata al di sopra delle proprie ambizioni, fissando la propria "missione consevatrice" in modo di vincere le future elezioni generali. Egli avverte che i conservatori non si può semplicemente parlare di "aspirazione e di opportunità", dimenticando i poveri, in un rimprovero codificato a George Osborne;
  • Molta pressione su David Cameron sfidandolo a un dibattito televisivo faccia a faccia, dicendo che un tale scontro è fondamentale per il processo democratico;
  • Accusa il primo ministro di essere "avventato" e indebolendo la Nato sostenendo che l'UE è il garante della pace in Europa e che  il Brexit potrebbe portare alla guerra;
  • Insiste sul fatto che sono ancora "amici" con David Cameron, anche se i conservatori anziani sono "knocking seven bells out of each other" come i giocatori di rugby nel bel mezzo di una partita brutale.
Mr Johnson stava parlando come la battaglia referendaria sia entrata sue più intense ultime sei settimane. 

Con i sondaggi che suggeriscono che la forbice del risultato è piccola, i leader di tutti i principali partiti politici mettono da parte le loro differenze per aderire alla campagna 
Remain (Rimanere) a favore di continuare l'adesione all'UE.

In quello che Downing Street ha descritto come un momento "senza precedenti", i leader dei conservatori, laburisti, liberali, democratici e partiti verdi tutti hanno partecipato alcuni dei 1.000 eventi della campagna Remain tenuti in tutta la Gran Bretagna Sabato.

Un autobus per la battaglia dei laburisti è sceso in strada per fare una campagna per Remain, mentre il primo ministro ha presentato un nuovo manifesto nel suo collegio elettorale nell'Oxfordshire di Witney.

Mr. Cameron ha avvertito che il voto a lasciare l'UE nel sondaggio del 23 giugno avrebbe fornito un "successo immediato e duraturo" per l'economia che potrebbe ribaltare la Gran Bretagna in recessione.
"Sono assolutamente convinto che per la nostra sicurezza economica sarà meglio se restiamo in un'Unione europea riformata e sarà seriamente a rischio se dovessimo lasciare",
ha detto una piccola folla di sostenitori.
"Se votiamo ad uscire il 23 giugno voteremo per i prezzi più alti, voteremo per il minor numero di posti di lavoro, voteremo per la crescita più bassa, voteremo potenzialmente per una recessione. Questa è l'ultima cosa di cui la nostra economia ha bisogno".
La campagna Remain del Primo Ministro sarà a intensificare i suoi avvertimenti dei costi economici di un voto per il Brexit questa settimana con una serie di ulteriori interventi di alto profilo.

In un articolo per il sito Telegraph, Sajid Javid, il Segretario Affari, spiega perché come da critico per tutta la vita di Bruxelles si è convertito di aderire alla campagna rimangono.
"Io sono un euroscettico e fiero di esserlo", scrive il signor Javid. Ma anche Margaret Thatcher era a favore della Gran Bretagna a rimanere nel mercato unico europeo, e "una campagna entusiasmante" per crearlo, dice.Mr Javid argomenta: "Si dà ad ogni azienda in Gran Bretagna accesso a 500 milioni di clienti senza barriere, assenza di dazi e una legislazione locale di cui preoccuparsi."
Ieri, il signor Johnson ha viaggiato a Bristol, per il voto Leave (Lasciare) ha organizzato 300 eventi in tutto il Regno Unito. Nella sua intervista, egli suggerisce che i benefici economici dell'adesione all'UE sono stati esagerati, quando in realtà l'euro ha alimentato le tensioni tra gli stati membri.

Boris Johnson nella sua fattoria di famiglia nel parco nazionale di Exmoor nel Devon 
Boris Johnson nella sua fattoria di famiglia
nel parco nazionale di Exmoor nel Devon
"Gli italiani, che hanno usato per essere una grande potenza il motore manifatturiero, sono stati assolutamente distrutti con l'euro come è stato inteso dai tedeschi", afferma Johnson. L'euro è diventato un mezzo attraverso il quale la produttività tedesca superiore è in grado di ottenere un vantaggio assolutamente imbattibile su tutta la zona euro" E aggiunge: "Questa è una possibilità per il popolo britannico ad essere gli eroi d'Europa e di agire come una voce di moderazione e buon senso, e di ottenere di smettere qualcosa, a mio avviso fuori controllo".
Nel frattempo, la campagna Vote Leave ha pubblicato una ricerca che suggerisce che il mercato unico non era riuscito con la Gran Bretagna. Le statistiche ufficiali dell'Unione europea mostrano che negli ultimi dieci anni, il valore delle esportazioni britanniche di beni verso l'UE è diminuito del 18 per cento.

La campagna sostiene che si tratta di una performance peggiore di ogni Stato membro diverso dal Lussemburgo.

Al contrario, le esportazioni tedesche di beni durante lo stesso periodo sono aumentate del 78,9 per cento.

In un eco dal palco della campagna di Sir John Major, David Cameron si trovava su un pallet a pronunciare il suo discorso dopo aver reso noto il nuovo programma. Il poster ha mostrato una busta su una stuoia ed ha avvertito che lasciare l'Unione europea avrebbe un costo di "£ 4,300 per ogni famiglia".

David Cameron ha detto che il finanziamento europeo sarebbe stato tagliato per progetti di infrastrutture vitali "attraverso tutte le regioni del Regno Unito" dopo una votazione di Brexit.
_________________________________

Johnson è uno dei leader della campagna per il “no” alla Ue, mentre David Cameron è a capo dello schieramento per il “sì”. I due campi al momento sono al 50% ciascuno nei sondaggi. Un sondaggio pubblicato oggi indica però che Johnson è considerato più credibile di Cameron sul tema dell’Europa. Il 45% degli intervistati dice di fidarsi più Johnson che di Cameron, solo il 21% afferma di considerata il premier più credibile del suo rivale, secondo un sondaggio ComRes per il Sunday Mirror e l’Independent. (fonte Afp)
Ai cittadini britannici spetterà di decidere, per quanto è già noto che tutti i principali media del paese sono controllati dai gruppi finanziari che sono oltremodo interessati alla permanenza del Regno Unito nella UE ed a questo fine stanno conducendo una grande campagna di “pressione e di convincimento” sull’opinione pubblica britannica. Questo non potrà non influire sull’esito del voto.