Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

mercoledì 29 giugno 2016

Il progetto di un Superstato europeo sta per essere svelato: post-Brexit, le nazioni UE, "stanno per essere trasformate in una sola"

I capi politici europei vogliono sfruttare il Brexit, è emerso ieri, svelando il loro piano di lunga data di trasformare i paesi del continente in un SUPERSTATO GIGANTE.

Frank-Walter Steinmeier
Angela Merkel ha incontrato i capi europei oggi al vertice UE
Dopo aver perso anni per capire i meccanismi psicopatici che ci governano almeno mi rimane la soddisfazione di poter prevedere bene o male quello che capiterà e quello che è successo.
Come da giorni ripeto se avessero voluto manipolare i risultati del Brexit lo avrebbero fatto come tutte le altre volte, se non è stato fatto ci sono motivi ben precisi.

Come spiegato in Brexit: qualunque cosa accada sarà una bufala come al solito … potranno comunque sempre aggirarlo nel caso servisse, quello che poi i media italiani, come al solito, si sono dimenticati di dirci, censura totale, è che in Inghilterra era ben conosciuta questa realtà di un Superstato, ne avevamo trattato in ''C'è un piano segreto se vince il BREXIT in Inghilterra: L'ESERCITO EUROPEO'' ed in Boris Johnson, ex sindaco di Londra: L'UE vuole un superstato, proprio come Hitler, sempre di fonti inglesi, evidente che né il popolo né i politici anglosassoni dopo aver dominato il mondo per secoli non siano disponibili a cedere la loro sovranità e moneta, la sterlina, magari con altre condizioni, perversi sono i meccanismi globalisti.

Un ombrello britannico di fronte a Big Ben
Un ombrello britannico di fronte a Big Ben
La creazione di un Superstato purtroppo per noi persegue l'agenda mondialistica di annullamento delle identità nazionali, dopo aver eliminato le monarchie, dietro la figura di un sovrano ci si poteva riunire e difendersi, ed instaurato la truffa democratica dove riescono a veicolare i voti dove vogliono, dopo aver dato seguito al piano Kalergi per l'ibridazione dei popoli europei con i medesimi obiettivi, non resta altro che instaurare una dittatura, gestita da personaggi votati da nessuno, come per altro ci hanno già avvertito: L'EURSS - Io ho vissuto nel vostro futuro e non ha funzionato ... Vladimir Bukovsky e Stati Uniti, Regno Unito ed Unione europea, ora sono dittature - Lezione di Dittature Invisibili.

La direzione degli eventi è ben chiara da tempo non lamentatevi poi perchè gli avvertimenti sono stati molteplici e ripetuti, quanto poi che i politici siano dei burattini nelle mani di altri basta un esempio con i due articoli correlati: È Angela Merkel un Asset della CIA ?
Per non parlare poi di Ennesima TRUFFA, l'Unione Europea giuridicamente non esiste !!

Altri articoli in inglese, in Italia censura completa, che trattano il Superstato Europeo: Has Britain avoided a 'European superstate'? 
EU superstate laws strip Britain of Magna Carta rights JACOB REES-MOGGBritain will become part of EU SUPERSTATE if we don’t vote LeaveLisbon Treaty turned the EU into a superstate

La Banca centrale europea a Francoforte
La Banca centrale europea a Francoforte
28 giugno, 2016

I ministri degli esteri di Francia e Germania hanno dovuto rivelare il progetto di un percorso efficace per i singoli Stati membri in quello che viene descritto come un "ultimatum".

In base alle proposte radicali i paesi dell'UE perderanno il diritto di avere un proprio esercito, il diritto penale, il sistema di tassazione o la banca centrale, con tutti questi poteri trasferiti a Bruxelles.

Discutibilmente gli Stati membri, potrebbero anche perdere i  pochi controlli che hanno sui propri confini, compresa la procedura per l'ammissione e lo spostamento dei rifugiati.

I ministri degli esteri di Francia e Germania si dice che hanno elaborato un progetto per una 'superstato europeo' come leader Francois Hollande (a sinistra) e Angela Merkel (al centro) hanno incontrato il primo ministro italiano Matteo Renzi (a destra) questa sera per i colloqui di crisi dopo il Brexit votazione
I ministri degli esteri di Francia e Germania hanno elaborato un progetto per un 'superstato europeo' come i leader Francois Hollande (a sinistra) e Angela Merkel (al centro) hanno incontrato il primo ministro italiano Matteo Renzi (a destra) questa sera per i colloqui di crisi dopo la  votazionel Brexit
La trama ha scatenato la furia e il panico in Polonia, un tradizionale alleato della Gran Bretagna nella lotta contro il federalismo, dopo che questo è trapelato dal canale di notizie polacco TVP Info.
I politici polacchi dicono che i piani includono la perdita del controllo di una serie di settori strategici.

L'emittente pubblica riferisce che la proposta bomba sarà presentata a una riunione del gruppo Visegrad, composto dai paesi di Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia, dal ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier oggi più tardi.

Gli estratti del rapporto di nove pagine sono stati pubblicati oggi quando i leader di Germania, Francia e Italia si sono incontrati a Berlino per i colloqui di crisi post Brexit.

Nel preambolo al testo i due ministri scrivono:
"I nostri Paesi condividono un destino comune e un insieme comune di valori ?? che danno luogo a un'unione sempre più stretta tra i nostri cittadini. Dovremo quindi lottare per un'unione politica in Europa e invitare i prossimi Europei a partecipare a questa impresa".
Le rivelazioni arrivano pochi giorni dopo che la Gran Bretagna ha scosso l'istituzione di Bruxelles votando per lasciare l'Unione europea in una mossa che alcuni hanno predetto potrebbe portare alla disgregazione della UE.
Gli oppositori della UE avevano avvertito delle sue ambizioni per la creazione di un superstato.

Un certo numero di Stati membri sono profondamente infelici a causa del federalismo strisciante del progetto europeo con forti sentimenti anti-UE nella parte orientale dell'Europa, Scandinavia e Francia.

Il ministro degli esteri polacco Witold Waszczykowski ha fatto saltare il piano
Rispondendo al piano il ministro degli esteri polacco Witold Waszczykowski infuriato:
"Questa non è una buona soluzione, naturalmente, perché dal momento in cui l'Unione europea è stata inventata molto è cambiato.
"L'umore nelle società europee è diverso. Europa ed i nostri elettori non vogliono dare all'Unione corso nelle mani dei tecnocrati".
"Perciò, io voglio parlare di questo, se questa è davvero la ricetta giusta in questo momento, nel contesto del Brexit."
Ci sono profonde divisioni nel cuore della UE in questo momento su come procedere con il progetto alla luce del voto Brexit.

Alcune figure hanno messo in guardia contro il tentativo di imporre una maggiore integrazione politica, avvertendo che a farlo contro la volontà dei popoli europei non farà che alimentare ulteriormente sentimento euroscettico.

Poche settimane prima della votazione Brexit il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha avvertito che i cittadini europei non condividevano l'entusiasmo di alcuni dei loro capi per
"L'utopia dell'Europa senza interessi contrastanti e ambizioni, un'utopia dell'Europa imporre i propri valori sul mondo esterno, un'utopia di unità euro-asiatico".
Ha poi aggiunto:
"Sempre più forti sono quelli che mettono in discussione il principio stesso di un'Europa unita. Lo spettro di un break-up si aggira per l'Europa e una visione di una federazione non mi sembra essere la migliore risposta ad esso". 
La sua opinione è stata sostenuta dal leader dei paesi della zona euro, politico olandese Jerome Dijsselbloem, che ha aggiunto:
"Nella zona euro alcuni stanno spingendo per un completamento dell'unione monetaria con la creazione di una unione politica piena, un governo economico dell'area euro o anche un budget euro ... per me è ovvio.
Abbiamo bisogno di rafforzare ciò che abbiamo e finirlo, ma cerchiamo di non costruire più estensioni per la casa europea, mentre è così instabile".
Nel frattempo Lorenzo Condign, l'ex direttore generale del Tesoro d'Italia, ha detto che è quasi impossibile vedere l'Europa optare per una maggiore integrazione in un momento di sconvolgimento.
Egli ha detto:

"Sembra difficile immaginare che il resto della UE possa serrare i ranghi e muoversi nella direzione di una maggiore integrazione in fretta. Semplicemente, non c'è volontà politica.
In effetti, il rischio è esattamente il contrario e cioè che le forze centrifughe prevarranno e rendere l'integrazione ancora più difficile".
Ma altri vedono il voto Brexit come un'opportunità per portare avanti il ​​sogno a lungo accarezzato dall'elite europea di creare gli Stati Uniti d'Europa.

Il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Garcia-Margallo ha chiesto "più Europa", mentre il ministro delle Finanze d'Italia, Carlo Padoan, sta sostenendo un bilancio comune per gli stati della zona euro.

Ed Emmanuel Macron, ministro dell'econ
omia della Francia, vuole andare ancora oltre e impostare il tesoro comune della zona euro per sorvegliare il trasferimento permanente di fondi dal ricco Nord Europa a sostenere le economie del Mediterraneo.


Articoli correlati