Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

martedì 7 febbraio 2017

Lord Mervyn Allister King di Lothbury, ex Governatore della Banca d'Inghilterra, la zona Euro ? Una calamità dominata dai tedeschi

Mervyn King l'ex banchiere centrale inglese. L'euro costi politici e sociali enormi
Se la terza economia d’Europa si ritira dal mercato unico europeo, fortemente voluto da Margaret Thatcher, un motivo ci sarà.

Mervyn Allister King, Lord di Lothbury, 30 Marzo 1948 economista britannico e funzionario pubblico che ha guidato come 
Governatore la Banca d'Inghilterra nel 2003-2013, ora direttore della sua amata Aston Villa non è certo nuovo a queste affermazioni come vedremo in seguito.
Particolare quando certe notizie arrivano dalla City che è risaputo essere l'origine di tutte le devastazioni monetarie del pianeta, interessante punto di vista di un banchiere centrale, certo tutto non può dire, alle persone piace tenere la testa sul collo ...
25 gennaio 2017

Invitato da Kairos, il gruppo di gestione del risparmio, e intervistato dal suo presidente e amministratore delegato Paolo Basilico lui non si è mai unito alle diffuse previsioni di sventura finanziaria se la Brexit avesse prevalso nel referendum. In questo Mervyn King ha visto giusto e ora diventa impossibile liquidare a priori le conclusioni che lui stesso ne trae: non è certo che una separazione dall’Unione europea riduca le prospettive economiche della Gran Bretagna.
«Nel lungo periodo è improbabile che l’effetto sia importante, ha detto ieri King,. La nostra partecipazione alla Ue è meno significativa per il resto del mondo di quanto si pensi, non a caso le turbolenze di mercato dopo il referendum sono state minime e la sterlina è caduta esattamente al tasso di cambio in cui si trovava quando lasciai la Banca d’Inghilterra due anni e mezzo fa».
Piuttosto il banchiere centrale inglese, l’uomo che ha gestito da Londra la peggiore crisi finanziaria degli ultimi 80 anni, ha una visione molto politica di ciò che sta accadendo.
«Non siamo noi britannici a lasciare l’Unione europea, è l’Unione europea che sta lasciando noi — ha detto l’altra sera a Milano —. La Ue ormai è completamente diversa dalla comunità nella quale eravamo entrati quarant’anni fa».
Per King l’Unione oggi gira intorno all’euro e a Schengen, lo spazio di libera circolazione delle persone,
«e da ora in poi dovrà lavorare per far funzionare questi accordi mentre aumentano sia i flussi migratori che la divergenza economica fra i Paesi dell’unione monetaria».
Ma, ricorda King,
«il Regno Unito ha sempre detto che non voleva far parte di questi due progetti».
L’ex governatore non ha ricordato a Milano che un’uscita di Londra dall’Unione «dura» e «netta» (clean e hard, nel gergo della Brexit) implica la perdita dell’accesso al mercato interno e del «passaporto» europeo, il riconoscimento automatico delle operazioni finanziarie che è alla base del modello di sviluppo della City.
«Le tariffe dell’Organizzazione mondiale del commercio (applicabili dopo la Brexit, ndr) sono piuttosto basse comunque, la differenza sarà compensata dal tasso di cambio e le persone vorranno proseguire gli scambi»,

si è limitato a dire King.

Probabile che questo non risolva i problemi della piazza finanziaria di Londra, ma per l’ex governatore l’euro ne ha di più intrattabili.

«Fu prematuro voler creare la moneta unica alla fine degli anni ‘90 e non tra 50 0 80 anni, e ora sta producendo costi politici e sociali enormi — ha osservato —. Prima la disoccupazione nei vari Paesi era a livelli paragonabili. Ora c’è una grande divergenza, proprio mentre i Paesi più deboli devono deprimere la propria domanda interna per recuperare competitività internazionale. Non vedo via d’uscita facile: la comunità degli economisti tedeschi non accetterà mai il cambiamento necessario: trasferimenti permanenti dalla Germania verso i Paesi della periferia. Ma il tasso di cambio dell’euro di oggi è insostenibile: sottovalutato per la Germania, sopravvalutato per l’Italia».



In una intervista dell'11 marzo 2016 al Daily Mail, se possibile ci va giù più pesante:



L'ex governatore della Banca d'Inghilterra Mervyn King ha lanciato uno straordinario attacco alla zona euro e il dominio della Germania.


In un'intervista esclusiva con il Daily Mail, ha avvertito il "one-size-fits-all  currency" è stato condannato.



Ha detto ascesa della Germania al potere ha creato "enormi tensioni" in tutta Europa.



Lord King, che ha guidato la Banca attraverso la crisi finanziaria del 2008, ha rifiutato di prendere posizione nel dibattito referendario.



Ma ha detto che il lancio dell'euro era stato un vero e proprio disastro.

"Il tentativo di creare una unione monetaria è stata dannoso economicamente, ed è stato dannoso politicamente".
"Non ci sono buone vie per uscire da questo. E' solo una questione di una via meno cattiva'.

La prognosi infausta dall'ex banchiere centrale è stata utilizzata dagli euroscettici come prova che è "game over" per la zona euro. Ma Lord King ha salvato i suoi commenti più esplosivi per la più grande economia europea, affermando il dominio della Germania è stata una delle conseguenze più dannosa del progetto della moneta unica.



Per farlo funzionare, i paesi più potenti hanno dovuto sostenere le nazioni più povere, con i paesi tra cui Grecia, Portogallo e Irlanda che hanno ottenuto enormi salvataggi.



La Germania è stata il più grande creditore, ma i suoi leader diffidavano di una reazione da elettori stufi dei problemi bancari delle nazioni dissolute, Berlino ha insistito sulle riforme di austerità dure. Lord King, che si è dimesso da governatore nel 2013, dopo dieci anni, ha detto:
"Come conseguenza di un'unione monetaria, la Germania è diventata dominante economica, e quindi politica, il potere".
"Così le tensioni tra, per esempio, la Grecia e la Germania, sono maggiori rispetto a prima. La tensione tra Italia e Germania sono maggiori".
"Piuttosto che creare calore politico e buoni sentimenti, e la cooperazione, la moneta unica ha creato enormi tensioni".

Lord King ha parlato al Mail prima dell'attuale governatore Mark Carney ha dato resoconto della riunione del comitato del Tesoro di Martedì scorso sull'impatto della Brexit.



Mr Carney ha detto che lui e la Banca d'Inghilterra erano del tutto neutrali, ma il canadese ha chiamato il Brexit il "più grande rischio nazionale" per la Gran Bretagna.


Lord King ha detto al Mail:
"Non credo che il governatore o l'ex governatore della Banca d'Inghilterra dovrebbero aiutare e consigliare le persone su come devono votare".

Le cheerleaders Pro-Bruxelles hanno sostenuto che il commercio della Gran Bretagna con l'Europa sarà devastato se lascia l'Unione europea.



Ma questo è stato anche dato poca attenzione da Lord King. L'economista, ora direttore di Aston Villa Football Club, ha dichiarato:
"Siamo sempre stati una potenza commerciale mondiale e noi continueremo ad esserlo".

L'ultima notte gli euroscettici hanno descritto la valutazione caustica di Lord King della zona euro come un duro colpo per gli attivisti pro-Bruxelles.


Douglas Carswell, Ukip deputato e membro del gruppo di lobby voto Leave, ha dichiarato:
"Questo è un banchiere centrale che riconosce che abbiamo bisogno di una riforma di vasta portata, e ha l'umiltà di accettare che persone come lui si sono sbagliate in passato".
"Lord King riconosce che è game over per il grande progetto di euro".
King ha ancora alcune cose molto preoccupanti da dire sullo stato del mondo.  Possiamo pensare che la grande recessione è finita, ma avverte che sicuramente non lo è
La zona euro ? Si tratta di una calamità: In questa intervista brutalmente schietto, l'ex governatore della Banca d'Inghilterra Mervyn King rivela le sue profonde preoccupazioni circa la moneta unica e una troppo potente Germania
con Alex Brummer, City Editor per il Daily Mail 

Euro Balle

Il contrasto non potrebbe essere maggiore. Quando ho visitato Mervyn King per il pranzo al culmine della crisi finanziaria nel 2008, il governatore della Banca d'Inghilterra era piegato nella sua elegante sala da pranzo con il mal di schiena.



Era stanco e tirato e profondamente in discussione per la scala delle turbolenze sui mercati. E' stata, mi ha detto, la peggiore catastrofe economica per più di un secolo.



Quando l'ho incontrato nel cuore della città di questa settimana, era una persona diversa. Il suo pallore era scomparso, era in posizione verticale di nuovo e aveva un sorriso malizioso. Sfuggire ai confini della Banca e una vita che gli imponeva di frequentare infiniti incontri qui e all'estero ha chiaramente lui fatto un mondo di bene.

Eppure King ha ancora alcune cose molto preoccupanti da dire sullo stato del mondo. Possiamo pensare che la grande recessione è finita, ma avverte che sicuramente non lo è.

"Perché il recupero così lento?' si chiede retoricamente. "In un mondo di totale incertezza, le persone stanno lottando per farci fronte".

Uno dei grandi incertezze di fronte a tutti noi è il destino dell'Europa, afflitto com'è da terrificanti livelli di migrazione di massa, una zona euro che è ancora in profonda stasi finanziaria e il referendum UE della Gran Bretagna il 23 giugno Normalmente loquace, Lord King di Lothbury (un nome preso da una delle strade laterali che circondano la Banca) è irremovibile: l'intervista non sarà incentrata sul referendum. E' chiaro che sente il suo successore nel lavoro, Mark Carney, che dovrebbe mantenere il suo consiglio, troppo - anche se sta parlando prima che il canadese sia stato criticato questa settimana per l'avvertimento sui pericoli finanziari di "Brexit" a un Commons committee.
"Non credo che il governatore o l'ex governatore della Banca d'Inghilterra dovrebbe aiutare consigliare le persone su come devono votare al referendum" dice King.

Non può, però, nascondere il suo disprezzo per la zona euro e la miseria che ha portato nei paesi dell'Europa meridionale. Come il suo predecessore, il compianto Eddie George (che ha criticato l'idea di un "one-size-fits-all' currency" al momento del lancio dell'euro nel 1999), egli vede l'effetto della moneta unica come calamitoso.

"Il tentativo di creare una unione monetaria è stata dannosa economicamente ed è stato dannosa politicamente all'interno della zona euro' . "Non ci sono buone vie per uscire da questo. E' solo una questione di una via meno cattiva'.
 Per fare una sola opera di valuta, dice, i più potenti paesi della zona euro hanno dovuto trasferire fondi alle aree che stavano peggio e tali fondi sono venuti obblighi politici.
"Di conseguenza, la Germania è diventata il potere economico e politico dominante. Così le tensioni tra, per esempio, la Grecia e la Germania, sono maggiori rispetto a prima. Le tensioni tra Italia e Germania sono maggiori. Invece di creare calore politico e buoni sentimenti, e la cooperazione, la moneta unica ha creato enormi tensioni".

King ammette che far parte del blocco commerciale UE può essere stato utile nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, quando c'erano alte tariffe imposte sul commercio internazionale e poco coordinamento del commercio in tutto il mondo. Ma lui non sembra mettere in dubbio che la Gran Bretagna continuerà ad essere una potenza commerciale mondiale qualsiasi cosa accada nel referendum.

"Siamo sempre stati una potenza commerciale mondiale e noi continueremo ad essere una potenza commerciale mondiale",
dice, poi aggiunge che la flessibilità è la chiave per un futuro al di fuori dell'UE:
"E' un errore cercare di individuare l'bit del mondo dove si dovrebbe cercare di esportare. Un paio di anni fa, la gente diceva che avevamo bisogno di concentrarsi a esportare di più verso la Cina. Bene l'economia cinese non era in un grande stato come ora. La cosa più importante è avere libero scambio con il maggior numero di paesi possibili".

A differenza di altri alti funzionari e politici che hanno lasciato alte cariche, King ha finora evitato la vita commerciale e la ricchezza che vengono con il tipo di consulenza nella city che avrebbe potuto raccogliere.


Dalla Crisi dell'Euro al
Rilancio dell'Economia
Locale

Invece, si è stabilito in una vita semi-accademica, conferenze e lezioni sulla crisi finanziaria alla New York University, e contribuendo a fondare e sostenere, un ente di beneficenza incoraggiando e dando la possibilità di brillare ai bambini provenienti da ogni settore a giocare a cricket, un gioco che adora . Ha anche scritto un libro sul disastro, in cui egli è stato fortemente coinvolto nel tentativo di salvare la Gran Bretagna dal baratro.


Quando la crisi bancaria prima che emergesse nell'agosto del 2007, con la corsa su Northern Rock, che era andata cappello in mano alla Banca d'Inghilterra per un prestito per scongiurare l'insolvenza, King era riluttante ad aiutare la banca, sostenendo che a salvataggio rischiava essere un "azzardo morale", in cui le banche credono di poter comportarsi in modo irresponsabile perché saranno tirate fuori.



In poco tempo, però, è venuto alla luce che le banche del Regno Unito hanno dovuto essere ricapitalizzate attraverso l'iniezione di fondi massicce dai contribuenti, e ha inviato una carta per dirlo al Tesoro.



Il suo vero ruolo nella crisi, dice, dovrà attendere il verdetto degli storici. Ma, come il suo libro rende chiaro, ci sono lezioni da imparare da quello che è successo, in particolare che le banche, prima della crisi, sono stati tristemente sottocapitalizzate, con troppo debito. Egli dice che gli istituti finanziari britannici oggi hanno fatto qualche modifica e sono certamente in una posizione migliore di quanto non fossero.



Lo stesso non si può dire delle banche nella zona euro, tuttavia.
"Nell'area dell'euro erano profondamente riluttanti a possedere le perdite, perché avrebbe rivelato come fossero a corto di capitali,' dice. 'Tutto quello che hanno fatto è prolungare l'agonia. La gente è preoccupata non vi è più una cattiva notizia che viene fuori dal sistema bancario europeo".
In Gran Bretagna e negli Stati Uniti non c'era dubbio che avrebbero pagato per la ricapitalizzazione delle banche. Sono stati l'HM Treasury in Gran Bretagna, e il Tesoro americano e la Federal Reserve in America.
"Il problema della zona euro è che non c'è assolutamente alcun accordo su chi dovrebbe mettere il denaro necessario per ricapitalizzare le banche ed i problemi ereditati dal passato". dice.
"La gente in Germania non vuole pagare verso, banche spagnole, portoghesi e greche. Sono sicuro che la gente in Spagna non vogliono pagare per le banche tedesche".
Così, dice, invece di unione monetaria europea vincolante paesi dell'UE insieme finanziariamente e politicamente, si sta facendo le cose peggiori, perché ogni paese viene detto che devono pagare per le proprie banche:
'Questo crea problemi per i paesi che già hanno grandi deficit di bilancio e grandi quantità di debito.

Non credo che [gli europei] hanno trovato un modo per superarlo".
La Matrix Europea
Francesco Amodeo
Tutto quello che dice riafferma il motivo per cui non dovevano diventare parte dell'Euro. Esso mostra, anche, perché dobbiamo resistere in "un'unione sempre più stretta". In effetti i suoi commenti potrebbero fornire motivi per la campagna Leave.


Ma non aspettatevi King nel mondo della politica di nuovo. Egli apprezza la libertà ha trovato nel lasciare la Banca, dopo più di 23 anni lì, prima come amministratore non esecutivo, poi capo economista, vice governatore, e, infine, governatore 2003-2013.



Dopo che si è dimesso, lui e sua moglie Barbara sono andati in una gita di nove mesi, a New York, Australia e Nuova Zelanda.
"Sapevo che l'unica cosa che non volevo fare era di andare a un sacco di riunioni; Sono stato a più incontri nella mia vita di chiunque dovrebbe andarci".
La Terza Guerra
Mondiale?

Nessuno dovrebbe essere sorpreso dal fatto che King, che come uno scolaretto aspiri a giocare a cricket per la sua contea di casa, il Worcestershire, è stato preparato di nuovo allo sport. Egli non può ottenere abbastanza da quiesto. (Al culmine della crisi finanziaria, che ha attirato critiche in alcuni ambienti, quando è stato notato nel Palco Reale a Wimbledon.)



Ora è un regista della sua amata Aston Villa, anche se lui è depresso per la loro forma povera.



E', tuttavia, estremamente entusiasta della sua carità, nel cricket, che sta cercando di rinvigorire il cricket nelle scuole statali.

"Stiamo cercando di mostrare ai bambini come competere intensamente sul campo, e poi essere amici fuori di esso", dice. "Queste sono qualità che sono cruciali per qualsiasi lavoro"
 Egli critica la cultura ''all-must-have-prizes'" nelle scuole in cui la concorrenza non è vista di buon occhio.
"Questo è completamente pazzo", abbaia.

"Si tratta di un'esperienza disastrosa perché i bambini che sono portati a pensare che non ci sono perdenti avranno un duro colpo quando non otterranno un posto di lavoro. La cosa importante è imparare come vincere e come perdere".
King è come animato nel suo ruolo di far rivivere il cricket a scuola come non l'ho mai visto sulla finanza. E 'qualcosa di cui egli trasuda ottimismo ed è così lontano dalla realtà deprimente della zona euro in quanto è possibile raggiungere.


The End Of Alchemy by Mervyn King (Little, Brown £ 25) 



Fonte //corriere.it/esteri    byoblu    dailymail

Articoli correlati

La Bank of England in un documento ammette : il sistema monetario odierno è una "truffa”