Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

sabato 27 maggio 2017

Zbigniew Brzezinski condanna il “RISVEGLIO POLITICO GLOBALE” durante il discorso al CFR a Montreal nel 2010



Per l'ennesima volta pubblicamente i "Criminali Mondiali" discutonodel governo mondiale, delle iniquità globali, delle disuguaglianze, la mancanza di rispetto, dello sfruttamento”, di come farlo meglio e anche che l'umanità per la prima volta si sta risvegliando e ne è consapevole e giustamente ne sono molto preoccupati, Zbigniew Brzezinski ne ha coniato il termine: "global political awakening", il "risveglio politico globale" che in pratica è dovuto ai mezzi di condizionamento globale che gli si sono ritorti contro, media, istruzione, web, etc.
Ma non si sa bene come mai, o meglio lo sappiamo ma è incredibile, molte persone non ci credono e anzi collaborano ampiamente con questi "Criminali Mondiali" contro l'umanità e se stessi, questo non ci permette la reazione decisiva, i loro sistemi funzionano così bene che le persone si suicidano piuttosto che difendersi, complimenti. Consiglierei a tutti la lettura del libro 
L'arte della guerra
"L'arte della guerra", di Sun Tzu perchè in quella siamo, se non si sfruttano le debolezze altrui e se non lo si conosce bene è sconfitta sicura, nella conferenza vengono descritte anche le lotte interne tra le élite, che appunto vanno sfruttate.
Sono passati 7 anni, la geopolitica è ancora cambiata ma le dinamiche sono le medesime, loro hanno l'acqua alla gola e spingono, noi dormiamo, se volete trovarvi tutti vaccinati obbligatoriamente con la vostra parte di metalli pesanti contenuta e microchippati quindi comandati a distanza come automi, fate pure, tanto siamo nel'Era Tecnotronica
Zbigniew Brzezinski come si può notare dalla descrizione è uno dei peggiori e più pericolosi globalisti mondiali da decenni.



Paul Joseph Watson 
Prison Planet.com  19 maggio 2010

In un discorso al Council on Foreign Relations a Montreal, il 19 maggio 2010, il co-fondatore con David Rockefeller e  Henry A. Kissinger della Commissione Trilaterale e partecipante regolare del Bilderberg Club Zbigniew Brzezinski ha avvertito che un “risveglio politico globale”, in combinazione con lotte interne tra le élite, minaccia di far deragliare il movimento verso un unico governo mondiale.

Processo alla Globalizzazione
Brzezinski ha spiegato che la leadership politica globale era diventata “molto più diversificata a differenza di quanto era stata fino a poco tempo fa”, rilevando l'ascesa della Cina come potenza geopolitica, e che la leadership globale nel contesto del G20 è stata “priva di unità interna con molti dei suoi membri impegnati in antagonismi bilaterali “.

In altre parole, l'élite globale ha lotte intestine in sé e questo sta ostacolando gli sforzi per salvare l'ordine del giorno per il governo globale, che sembra non riuscire su quasi tutti i fronti.

Brzezinski ha poi spiegato un altro fattore significativo in quanto,
“Per la prima volta in tutta la storia umana l'umanità si è politicamente risvegliata, questa è una nuova realtà totale. Non è stato così per la maggior parte della storia umana”


CFR Meeting: Zbigniew Brzezinski Fears The Global Awakening

Zbigniew Brzezinski dà al ramo CFR a Montreal una presentazione in cui discute il governo mondiale e le sue paure del risveglio globale di massa che ha avuto luogo.

Brzezinski ha continuato
“Il mondo intero è diventato politicamente risvegliato”, aggiungendo che in tutto il mondo le persone erano consapevoli di quanto stava accadendo politicamente ed erano “consapevoli delle iniquità globali, delle disuguaglianze, la mancanza di rispetto, dello sfruttamento”.
“L'umanità è ora politicamente risvegliata e in agitazione” ha detto Brzezinski, aggiungendo che questo in combinazione con una élite fratturata lo rende un contesto molto più difficile per qualsiasi grande potenza, tra cui attualmente la potenza leader mondiale, gli Stati Uniti.”


Durante una successiva sessione di domande e risposte, è stato chiesto a Brzezinski se pensava che un'altra organizzazione dovrebbe sostituire le Nazioni Unite come de facto un “governo mondiale”, Brzezinski ha risposto: “Ci dovrebbe essere una tale organizzazione”, prima di sottolineare che le Nazioni Unite non erano nel suo ruolo attuale.

Come il testo alla fine del video chiarisce, l'ammissione di Brzezinski che l'umanità ha subito un risveglio politico non è uno sviluppo positivo agli occhi delle élite.

Nel suo libro del 1970 Between Two Ages: il ruolo dell'America nel'Era Tecnotronica, Brzezinski ha scritto quanto segue.
“L'era tecnetronica comporta la progressiva comparsa di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da un'élite, sfrenata per i valori tradizionali. Presto sarà possibile far valere una sorveglianza quasi continua su tutti i cittadini e mantenere up-to-date file completi che contengono anche le informazioni più personali del cittadino. Questi file saranno oggetto di recupero istantaneo da parte delle autorità”.
Prendi i Tuoi Soldi e... Scappa?
L' “Elite” a cui fa riferimento Brzezinski comprendeva molti di coloro che erano presenti per il suo discorso in occasione della riunione del CFR. Il risveglio politico globale che Brzezinski ha discusso rappresenta parte della resistenza a quella società dominata molto dall'élite, dai sistemi di controllo, di sottomissione e di sorveglianza che hanno imposto alla razza umana alla ricerca di una “società più controllata” e di un unico governo mondiale.

Si tratta, in sostanza, di questo massiccio "risveglio politico globale" che presenta la sfida più grave e più grande che ci sia mai stata ai poteri organizzati della globalizzazione e dell'economia politica globale: stati-nazione, multinazionali e banche, banche centrali, organizzazioni internazionali, militari, di intelligence, media e istituzioni accademiche.

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Il ministro degli Esteri brasiliano Celso Amorim ha firmato un accordo di
scambio nucleare con i suoi omologhi dell'Iran, Manouchehr Mottaki, e
della Turchia, Ahmet Davutoglu, nel corso della 32a riunione dei ministri
degli Esteri del G-15, tenutosi a Teheran il 17 maggio 2010.
Brzezinski avverte: "Risveglio Politico Globale"
e rottura delle élite
di Alfredo Jalife-Rahme
03 Giugno 2010

Contesto: Lo storico britannico- israeliano Simon Schama, molto vicino alla dinastia Rothschild, ha appena diagnosticato che il mondo si trova “sull’orlo di una nuova era di furore” (Bajo la Lupa, 23-05-2010).

Fatti: Pepe Escobar, analista di Asia Times (22-05-10), sminuzza le battute d'arresto di cui ha sofferto l’UE di fronte alla creativa soluzione diplomatica del BIT (Brasile, Iran, Turchia) per lo scambio dell’uranio persiano e fa scorrere il recente avvertimento professato da Zbigniew Brzezinski consigliere per la sicurezza nazionale di Carter e oggi intimo di Obama sul "risveglio politico globale" e la "rottura delle elite".

Massoneria e Sette Segrete Epiphanius
In una recente conferenza a Montreal sotto gli auspici del molto influente Council on Foreign Relations USA, il geostratega Brzezinski mostra le sue preoccupazioni su questo risveglio globale quando il modello della globalizzazione, di cui poco si sa sul suo vero fondatore negli anni '70, si scioglierà rapidamente e che anticipa come “de-globalizzazione”.

Nell’era di Internet è evidente il “risveglio politico globale”: dalla condanna universale della privatizzazione depredatrice, degli idrocarburi del Golfo del Messico fino all’indignazione mondiale per la pirateria della nave turca Marmora e la carneficine di attivisti pacifici in acque internazionali dallo Stato paria di Israele (ex cancelliere Tzipi Livni, dixit).
Quello su cui ancora non aveva avvertito Brzezinski è la “rottura delle elite”, e questa è la grande notizia quando l’affondamento del Titanic della sregolata globalizzazione finanziaria non ha salvezza, oltre ad essere privo di capitano e timone. Il mondo “occidentale” si ritrova senza testa o non sanno cosa fare quando si prospetta la sua decadenza?
Brzezinski da l’ultimo canto del cigno della globalizzazione?

Dopo aver dato contro Brzezinski, Paul Joseph Watson, feroce giornalista del sito Prison Planet.Com (19-05-2010), considera che le sue lamentele a Montreal costituiscono la diagnostica dell’ostacolo per la formazione del “governo mondiale”.

Adesso risulta che le “élite globali” si strappano come conseguenza della loro teratogenesi (creazione di mostri) quando non sanno nè possono controllare i loro Frankeistein finanziari, che a questo punto, non possono risolvere neanche, come anni fa, con la dichiarazione di una nuova guerra mondiale del sionismo finanziario globale, come ha lasciato intravvedere tra le righe la “nuova dottrina militare”, più diplomatica e meno bellica, del presidente Obama esposta a West Point.

A proposito, è importante segnalare le lamentele belliche di Israele sulla nuova dottrina di Obama che non favorisce più soltanto i suoi interessi unilaterali (Debka, 1-06.10).

Watson puntualizza i dubbi strategici di Zbigniew Brzezinski, che ha segnalato che la leadership politica globale è diventata “molto più diversificata, a differenza di quanto accaduto in forma relativamente recente", quando la Cina è emersa come potenza geopolitica, mentre la leadership globale del G-20 “è priva di unità interna con vari dei suoi membri in antagonismo bilaterale”.

Il G-20 è in realtà un blocco prevalentemente economico, aggllomera il defunto G-7 e il risplendente BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) al quale si sono aggiunti altri nuovi aggregati culturali per il controllo del loro voto.

Non si è concretizzato il “governo mondiale” della Commissione Trilaterale presieduta dal trio Brzezinski-Rockefeller-Kissinger, ma Z.Brzenziski non ha potuto neanche sedurre la Cina per inserirla artificialmente al G-2, che ovviamente avrebbe controllato dietro le quinte dalle stesse “élite” occidentali. Molto meno è stata una soluzione dell’inserimento anglosassone nel G-20 come è stato noto negli ultimi summit sterili avvenuti di recente, dove la coppia EU-Gran Bretagna pretende di assoggettare il Bric.

Senza contare la sorprendente rivolta del BIT, due dei loro membri del G-20, che riassume il rifiuto all’apartheid nucleare da parte del G-15 (nucleo del resuscitato Movimento dei non Allineati che oggi conta con 118 paesi) si è accelerato con la perdita del controllo unipolare statunitense (con il suo cagnolino britannico).

Come abbiamo commentato recentemente, durante il ciclo di tavoli d’analisi, molto frequentato, sull’economia mondiale del XXI secolo, dell’Istituto di Investigazioni Economiche della UNAM: tra il G-2 che non può imporre, e il disfunzionale G-20 di obiettivi trovati, gli USA sono rimasti da soli e senza comando.
Per Paul Joseph Watson, l’agenda unipolare del “governo mondiale sembra crollare su tutti i fronti” e mette in risalto una frase di Brzezinski che parla del sorgere di un fattore significativo:
“per la prima volta nella storia il genere umano è svegli politicamente, una nuova realtà, come non lo era stato prima",
ma è un bene! O no?

Adesso, secondo Brzezinski, la gente in tutto il mondo è cosciente delle “ingiustizie globali, disuguaglianze, sfruttamento e mancanza di rispetto” Sono diventati marxisti i globalisti unipolari? Si stabilirà finalmente il manto della “coscienza universale” che avvolge la biosfera, il meraviglioso concetto di (r)evoluzione del gesuita paleontologo Teilhard de Chardin?
Brzezinski avverte che il genere umano non è solo “sveglio” ma anche “agitato” e questa “combinazione, con un’elite divisa,
“rende più difficile il contesto per qualsiasi grande potenza, compresi gli USA, la principale del mondo”.
Durante la sessione di domande e di risposte, Brzezinski ha mostrato che ancora soffre della nostalgia concettuale verso il “governo mondiale”, un compito che, a suo avviso, le Nazioni Unite non soddisfano.

Watson ricorda le frasi indelebili di Brzezinski nel suo libro del 1970, "Tra due epoche: il ruolo dell'America nell’era tecnotronica", riportate precedentemente.

Clima e Globalizzazione.
Il Ritorno delle Malattie Infettive
Quaranta anni dopo l' orwelliano tecnotronico Zbigniew Brzezinski, non ha raggiunto, forse, la società occidentale tali obiettivi di intimo controllo della cittadinanza? Brzezinski è debole in semiotica: un “cittadino” (che raggiunge le altezze semantiche durante la rivoluzione francese) è un cittadino con obblighi e diritti, mentre nella neoschiavitù tecnetronica il cosiddetto “cittadino” cessa di esistere essendo privo dei diritti elementari ed essere trasformato antibiologicamente in un essere controllato e sfruttato dalla ludica produttività neoliberale.

L’emancipato “cittadino” è prima di tutto un essere biologico con il soffio della libertà: requisito doppiamente genetico e acquistato che non può soddisfare la società tecnetronica della Commissione Trilaterale la quale non ha capito che il “risveglio politico” è inerente alla natura umana.

Qual è l’obiettivo di una vita senza libertà?

Traduzione Arturo Navone per Un Mondo Impossibile …  e da Vanesa per Voci Dalla Strada

ContanteLibero.it

Articoli correlati