Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

domenica 1 gennaio 2017

Erdogan ha detto che aveva le prove del sostegno degli Stati Uniti allo Stato islamico















Il presidente turco sostiene di avere le prove del sostegno dei gruppi terroristici degli Stati Uniti in Siria
27 dicembre 2016
Il presidente turco ha detto che gli Stati Uniti non hanno mantenuto le promesse per quanto riguarda la lotta contro lo Stato islamico. Ha affermato di avere prove del loro sostegno ai gruppi terroristici in Siria. 
 "Le forze della coalizione, purtroppo, non mantengono le loro promesse",
ha detto Erdogan in una conferenza stampa con il suo omologo della Guinea Alpha Conde visitando Ankara.

La Turchia si è impegnata in Siria dalla fine di agosto, dove è risaputo combatte l'EI (Daesh NdR) e le milizie curde che ritiene terroristi. Almeno 37 dei suoi soldati sono stati uccisi dall'inizio di questa operazione.


BREAKING: Erdogan accuses US-led coalition of supporting & other terrorist groups in Syria


L'esercito turco e i ribelli siriani che supporta, hanno cercato per diverse settimane per rimuovere l'EI dalla sua roccaforte di Al-Bab, circa 25 chilometri a sud del confine con la Turchia nella provincia di Aleppo, dove le forze di Ankara la scorsa settimana hanno subito perdite pesanti.

Il presidente Erdogan si lamentava che invece di sostenere la Turchia, l'Occidente preferisce venire in sostegno di EI e curdi del Democratic Union Party (PYD) e il suo braccio armato, le Unità protezione del popolo (YPG), sostenuto da Washington.
Gli occidentali 

"sostengono tutti i gruppi terroristici, la YPG, il PYD ma assai di più Daesh",
ha assicurato utilizzando l'acronimo arabo EI.
 
"E 'del tutto ovvio", ha detto, assicurando che la Turchia aveva prove in immagini.

Aveva già detto che l'Occidente ha sostenuto l'EI durante un viaggio in Pakistan nel mese di novembre, dicendo all'epoca  l'Occidente attualmente è a fianco di Daesh e le armi jihadiste sono costruite in Occidente.

Il presidente Erdogan ha comunque espresso fiducia martedì e ha garantito che la Turchia ha ora completamente circondato il gruppo terroristico Daech in Al-Bab.

"Sì, abbiamo martiri (...), ma non si può tornare indietro"
ha detto con fermezza.
Che le forze della oalizione mantengano le loro promesse o no,

"noi continueremo il nostro percorso con determinazione",
ha aggiunto.

Il presidente turco ha detto che la Turchia e la Russia stanno sostenendo un piano per portare al tavolo diverse parti del conflitto siriano, in una riunione ad Astana, Kazakhstan .

Ha affermato che i gruppi terroristici non sarebbero stati accettati, ma vorrebbe vedere i suoi partner sauditi e il Qatar.



Le format // aiderait à rétablir la paix en , mais un accord sera «difficile à atteindre»

Una dichiarazione "ridicola" per Washington

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Mark Toner ha commentato nel corso della giornata, a proposito del capo di Stato turco.
"Questa è una dichiarazione ridicola", ha detto durante una conferenza stampa a Washington. Il funzionario ha osservato che, secondo lui, era impossibile dubitare che la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti "conduce un lavoro che mira al 100% della sconfitta, la distruzione Daesh" in Siria e Iraq.

Egli ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno lavorando anche al di fuori del paese e in tutto il mondo per sradicare le reti terroristiche.



 Fonte francais.rt
Traduzione Arturo Navone per un mondo impossibile