Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

giovedì 24 dicembre 2015

Memorie di un ex disinformatore del web

internet-Shill

Questo è un articolo estremamente interessante poiché ricostruisce uno spaccato di come funziona la disinformazione diffusa su internet attraverso i forum e i siti che maggiormente fanno tendenza nella formazione della pubblica opinione.

Chi frequenta questo genere di canali informativi conosce bene il fenomeno di quei personaggi che con un nickname postano ripetutamente commenti in questa o quella direzione, magari attizzando la polemica per destabilizzare delle discussioni inizialmente costruttive oppure pubblicizzano insistentemente, ma in modo ambiguo e serpeggiante, una posizione politica specifica.

Ecco, queste persone vengono pagate. Vengono reclutate tra i disperati senza lavoro, istruiti brevemente e via, a fare gli “influencer” invisibili.

Questa è la breve storia di uno di loro. Perché chi è dubbioso in merito si renda conto di quanto il fenomeno sia reale, sposti enormi energie ed interessi nel delicato processo di formazione dell’opinione pubblica su temi sensibili e quanto spregevole sia l’esistenza stessa del fenomeno.
Jervé

Nota del redattore CLN: il tipo di strategia di propaganda descritto nell'articolo qui sotto si verifica in una vasta gamma di argomenti ed è impiegato da vari gruppi aziendali, politici e di governo a promuovere una serie di ordini del giorno. Si chiama astroturfing, ed è molto più comune di quanto la maggior parte possa immaginare. Questo post non tratta di Israele, e non è di parte. E 'semplicemente l'illustrazione dei meccanismi di come linea dibattito può essere manipolato. Poiché si tratta di un post anonimo, non abbiamo modo di verificare le informazioni contenute in questo documento, e si è presentato solo per la vostra considerazione.

Il nostro intento in questo distacco non è quello di diffondere la paranoia o incitare caccia alle streghe shill, ma solo per incoraggiare i lettori a visualizzare ciò che leggono e si confrontano on-line con un occhio più esigente.

Questa presunta confessione è presentata testualmente dal thread originale per preservare la sua integrità. Come tale, è possibile notare alcuni errori tipografici minori.






Ero un Internet Shill a pagamento: come i Gruppi Ombra manipolano il dibattito e l'opinione pubblica in Internet

Con Ex-Shill, Above Top Secret    
 Scrivo qui per uscire allo scoperto come Shill a pagamento. Per un po ‘di più di sei mesi, sono stato pagato per diffondere disinformazione e discutere punti politici su Internet. Questo sito, ATS, non era che uno di quelli che mi sono stati assegnati su cui pubblicare, anche se altre persone nella stessa organizzazione sono stati pagati per essere presenti nello stesso sito, e presumo che siano ancora in circolazione in mezzo a voi. Ma ne parleremo più avanti.

Ho lasciato questo lavoro nella seconda parte del 2011, perché mi sono disgustato di me stesso. Ho capito che non riuscivo a guardarmi più allo specchio. Se questa confessione innesca una sorta di vendetta contro di me, così sia. Fa parte dell’essere un vero uomo in questo mondo avere valori reali per i quali battersi, non importa quali siano le conseguenze.

La mia storia inizia nei primi mesi del 2011. Sono stato senza lavoro per quasi un anno dopo aver perso il mio ultimo lavoro nel campo del supporto tecnico. Sempre più disperato e depresso, ho colto al volo l’occasione quando un ex collega di lavoro mi ha chiamato ha detto che aveva un vantaggio possibile per me. “E ‘un lavoro insolito, e che richiede segretezza. Ma la paga è buona. E so che sei un buon scrittore, quindi è qualcosa di adatti a te. “(La scrittura è sempre stato un hobby per me).

Mi ha dato solo un numero di telefono e un indirizzo, in una delle parti più squallide di San Francisco, dove vivo. Incuriosito, ho chiesto l’URL della società e altre informazioni.Lui ridendo disse: “Non hanno un sito web. Neanche un nome. Vedrai. Basta dire loro che fai riferimento a me. “Sì, sembrava sospetto, ma a lungo termine la disoccupazione ti porta alla disperazione, e la disperazione ha un modo particolare di mostrarti le cose quando si tratta di mettere il cibo in tavola.

Il giorno dopo sono arrivato all’indirizzo – al terzo piano di un edificio fatiscente. L’aspetto del luogo non ispirava fiducia. Dopo aver camminato per un lungo, lurido corridoio coperto di linoleum, illuminato da un fioca lampada sfarfallante, sono arrivato all’ingresso dello stesso ufficio: una porta di metallo crudamente malconcia con un cartello che diceva “United Amalgamated Industries, Inc.”

Seppi poi che questa “azienda” cambiava il suo nome quasi mensilmente, utilizzando sempre nomi generici come quello che non mi ha dato nessuna forte impressione di ciò che l’azienda realmente fa. Non troppo fiducioso, sono andato dentro. L’interno era altrettanto squallido. C’erano pochi tavoli lunghi con sedie pieghevoli, in cui circa una dozzina di persone lavoravano su vecchi computer. Non c’erano decorazioni o ornamenti di qualsiasi tipo: neppure quelli standard per uffici o felci di plastica. Una discarica. Beh, i mendicanti non hanno scelta.

Il direttore, un uomo calvo sulla cinquantina, si alzò dall’unica scrivania singola nella stanza e si fece avanti con un sorriso facile.“Tu devi essere Chris. Yvette [il mio ex-collega di lavoro] mi ha detto che saresti venuto. “[Non sono i nostri veri nomi]. “Benvenuto.Lascia che ti dica un po ‘di quello che facciamo. “Nessuna intervista, niente. Seppi poi che prendevano gente basandosi unicamente sulle segnalazioni, e che le persone che fanno i riferimenti, come la mia ex-collega Yvette, sono stati addestrati a scegliere i candidati in base a diversi fattori tra cui la capacità di tenere la bocca chiusa, capacità di scrittura di base, e disperazione per il lavoro.

Ci sedemmo alla scrivania e cominciò chiedendomi alcune domande su di me e la mia formazione, comprese le mie idee politiche (che erano praticamente inesistenti). Poi cominciò a spiegare il lavoro. “Lavoriamo a influenzare le opinioni della gente qui,” è come l’ha descritto. I clienti della società la pagano per postare sui forum Internet e chartrooms popolari, così come nei forum di gioco e social network come Facebook e MySpace. Chi erano questi clienti? “Oh, diverse persone”, ha detto vagamente. “A volte imprese private, altre volte gruppi politici.”

Soddisfatto che le mie idee politiche non erano forti, mi ha detto che sarei stato assegnato al lavoro politico. “Le persone migliori per questo tipo di lavoro sono persone come te, senza idee chiare”, ha detto con una risata. “Può sembrare un controsenso, ma in realtà abbiamo scoperto che è così.” Beh, OK. Fine. Fino a quando si tratta di uno stipendio fisso, mi piace credere quello che vogliono farmi credere, come ha detto il ragazzo in Ghostbusters.

Dopo aver discusso del pagamento (che era molto meglio di quanto sperassi) e pochi altri dettagli, si fermò poi sulla necessità di assoluta privacy e segretezza. “Non si può dire a nessuno quello che facciamo qui. Non a tua moglie, né al tuo cane. “(Io non ho né l’una né l’altro.)” Ti daremo una storia di copertura e anche un numero di telefono e un sito web falso. Dovrai dire alla gente che sei un consulente. Dal momento che il tuo background è in supporto tecnico, quello sarà il tuo lavoro di copertura. Questo sara’ un problema per te? “Gli ho assicurato di no. “Bene, bene.Vogliamo iniziare? “

“In questo momento?” Ho chiesto, un po ‘alla sprovvista.

“Non c’è tempo da perdere!”, Ha detto con una risata.

Il resto della giornata è stata ripresa con la formazione. Un altro membro del personale, una nonsense donna sulla trentina, doveva essere il mio allenatore, e la formazione sarebbe durato solo due giorni. “Sembri un ragazzo brillante, si otterrà il blocco di esso abbastanza veloce, credo,” ha detto. E infatti, il lavoro è stato più facile di quanto avessi immaginato. Il mio compito era semplice: mi sarebbe stato assegnato a quattro diversi siti web, con l’obiettivo di entrare in alcune discussioni e la promozione di una certa visione.Seppi poi che alcuni membri del personale sono stati assegnati a bacheche internet (come me), mentre altri lavoravano su Facebook o chat. Sembra che questi tre tipi di supporti hanno ciascuna diversa strategia scellino, e ogni shill concentra su uno dei tre in particolare.

Il mio compito? “Sostenere Israele e contare i manifesti anti-israeliani e antisemiti .” Per me va bene. Non avevo nessun parere in un modo o nell’altro su Israele, e chi ama antisemiti e nazisti? Non io, comunque. Ma io non so molto sull’argomento. “Va bene,” disse.“lo imparerai andando avanti. Per la maggior parte, in un primo momento, si farà ciò che chiamiamo “meme-pattuglia”. Questo è abbastanza facile. Più avanti se si è promettenti, ci si allena per gli argomenti più complessi, in cui è necessaria una più approfondita conoscenza. “

Mi porse due raccoglitori con fogli racchiusi in plastica. Il primo era etichettato semplicemente “Israele” sul coperchio, e aveva due sezioni. La prima sezione con informazioni di base sul tema di fondo. Avrei dovuto leggere e memorizzare alcune di queste, col passare del tempo. Aveva collegamenti Internet per ulteriori letture, saggi e punti di discussione, e brani tratti da alcuni libri di storia. La seconda, e più grande sezione si chiamava “Strat” ​​(abbreviazione di “strategia”), con lunghe liste di “coppie di dialogo.” Queste erano le risposte specifiche a specifici messaggi.
Se un commentatore aveva scritto qualcosa di simile a “X”, avremmo dovuto rispondere con qualcosa di simile a “Y” “Bisogna mescolare un po’, però,” ha detto il mio allenatore.“Altrimenti diventa troppo evidente. Devi imparare a utilizzare un vocabolario thesaurus. “Questa sezione contiene anche una serie di suggerimenti per re-indirizzare conversazioni che sono andate troppo lontano da quello che stavamo cercando. Queste strategie, incluse varie forme di attacchi personali, di cui si lamentano i moderatori dei forum, con tendenza dei personaggi dei nostri avversari, usando immagini e icone in modo efficace, e anche trascinando il tono della conversazione verso il basso con allusioni sessuali, link a materiale pornografico, o altre cose del genere. “A volte dobbiamo combattere sporco”, ci dissero poi al training. “I nostri avversari non esitano a farlo, quindi non possiamo neanche noi esitare.”
La seconda sezione era più piccola, e conteneva informazioni specifiche per i siti web che si attribuirebbe a. I siti per cui avremmo lavorato erano: Godlike Productions, Outpost Lunatic, CNN News, Yahoo News, e una manciata di piccoli siti che ruotavano a seconda delle necessità. Come si è detto, NON sono stato assegnato al lavoro ATS (anche se altri nel mio gruppo erano), che fa parte della ragione per cui sto postando questo qui, piuttosto che altrove. Ho voluto pubblicare questo su Godlike Productions in un primo momento, ma mi hanno vietato persino di visualizzare quel sito per qualche motivo (forse mi sono addosso?). Ma se qualcuno collegato con questo sito può far arrivare il messaggio a loro, penso che dovrebbero sapere, perché quello era il sito per il quale ho trascorso un buon 70% del mio tempo lavorando.

Le informazioni site-specifich nella seconda sezione comprendevano una breve storia di ogni sito, compresi recenti focolai di guerra, così come informazioni su cosa evitare in ogni sito in modo da non venire bannato. Aveva anche informazioni molto dettagliate sui moderatori e dei commentatori più popolari in ogni sito: posizione (se conosciuto), tipo di personalità, i temi di interesse, scenario, e anche alcune note su come “premere i pulsanti psicologici” dei diversi commentatori. Anche se non ha funzionato per ATS, io ho visto che avevano un sacco di informazioni sui cosiddetti “commentatori” WATS qui (quelle con i bordi d’oro intorno ai loro bordi). “Un punto sui commentatori è popolare”, il mio allenatore mi ha detto. “Questi sono quelli influenti. Ciascuno di questi vale 50 a 100 di nomi meno noti“.

Ogni commentatore popolare è stato classificato come “ostile”, “amichevole” o “indifferente” per il mio obiettivo. Avremmo dovuto coltivare l’amicizia con i commentatori amichevoli così come i mods (in pratica, fingersi fan e blandirli), e c’erano anche le note sulle strategie di gestione di specifici commentatori ostili. Le informazioni erano piuttosto dettagliate, ma non perfette in ogni caso. “Se è possibile convertire uno dei commentatori ostili dal lato nemico alla nostra parte, si ottiene un bel bonus. Ma questo non accade troppo spesso, purtroppo. Quindi, per lo più sarete li ad attaccare e cercare di provocarli”.

In un primo momento, come ho detto, il mio lavoro è stato “meme-pattuglia”. Questo è stato piuttosto semplice e ripetitivo, ma coinvolto contrastare memi e l’introduzione di nuovi memi, e non richiedono molto approfondita conoscenza della materia. Per lo più solo ripetitivo in base alle coppie di dialogo nella sezione “Strat” ​​del legante prima. Buona parte del mio lavoro è stato disturbo e thread spamming a chi non seguiva la nostra strada, o fare accuse di razzismo e antisemitismo. A volte ho dovuto mentire in modo semplice e rivendicare a un commentatore di aver detto qualcosa o fatto qualcosa “in un altro thread”, cose che in realtà non aveva detto né fatto, e mi sono sentito male per questo … ma alla fine mi sono sentito male circa la possibilità di perdere il primo lavoro ottenuto da quando ho perso il lavoro “vero”.

Aggiornamento 2013/01/12: CLN ha ricevuto una notifica di rimozione che ci chiede di rimuovere questo articolo sulla base del fatto che "E'calunnioso e assolutamente falso" da parte di qualcuno che dichiara di essere un agente legale della casa madre di Above Top Secret. Attualmente stiamo studiando e pubblicheremo aggiornamenti di stato non appena saranno disponibili. Il thread originale ora sembra essere svanita dall'Alto sito di Top Secret.

Aggiorniamo 2013/01/17: Abbiamo chiesto chiarimenti in merito alla richiesta di rimozione e non abbiamo ricevuto una risposta. Forniremo aggiornamenti su eventuali nuovi sviluppi.

Aggiornamento 2013/04/03: Agente legale Above Top Secret mai risposto alla nostra richiesta di chiarimento della loro richiesta di rimozione. Il thread originale è stato ora spostato alla categoria "Hoax" del sito, come sostiene l'autore ATS ha ammesso che era una bufala in uno scambio privato. Per quanto a nostra conoscenza, questo scambio privato e i dettagli di ciò non sono stati pubblicati pubblicamente a sostegno di questa affermazione. Indipendentemente da ciò, crediamo che operazioni segrete di manipolare opinione on-line e il dibattito esistono (e in effetti sono stati pubblicamente riconosciuti in molti dei collegamenti di supporto sottostanti). Se questo caso specifico è vero o no, rimane un dialogo ancora degno di considerazione prezioso e provocatorio.

Fonti  iconicon.it   consciouslifenews.com





La fabbrica degli imbecilli. Il Dupe. Il condizionamento delle masse ..






Update 1/12/2013: CLN has received a takedown notice asking us to remove this article on the basis that “It is libelous and utterly false” from someone claiming to be a legal agent of Above Top Secret’s parent company. We are currently investigating and will post status updates as they become available. The original thread now appears to have vanished from Above Top Secret’s website.

Update 1/17/2013: We have requested clarification regarding the takedown request and have not received a response. We will provide updates on any new developments.

Update 4/3/2012: Above Top Secret’s legal agent never responded to our request for clarification of their takedown request. The original thread has now been moved to the “Hoax” category of the website, as ATS claims the author admitted it was a hoax in a private exchange. To the best of our knowledge, this private exchange or the details thereof have not been posted publicly to substantiate this claim. Regardless, we believe that covert operations to manipulate online opinion and debate do exist (and indeed have been publicly acknowledged in many of the supporting links below). Whether this specific case is true or not, it remains a valuable and provocative dialogue still worthy of consideration.
____________________

CLN Editor’s Note: The type of propaganda strategy described in the article below occurs across a wide range of topics and is employed by various corporate, political, and governmental groups to promote a variety of agendas. It is called astroturfing, and it is far more common than most would imagine.

This post is not about Israel, and it is not partisan. It is simply an illustration of the mechanics of how online debate can be manipulated. As this is an anonymous post, we have no way of verifying the information contained herein, and it is presented only for your consideration.

Our intent in posting this is not to spread paranoia or incite shill witch hunts, but merely to encourage readers to view what they read and engage with online with a more discerning eye.

This alleged confession is presented verbatim from its original thread to preserve its integrity. As such, you may notice some minor typographical errors.


I Was a Paid Internet Shill

By Ex-Shill, Above Top Secret

I am writing here to come out of the closet as a paid shill. For a little over six months, I was paid to spread disinformation and argue political points on the Internet. This site, ATS, was NOT one that I was assigned to post on, although other people in the same organization were paid to be here, and I assume they still walk among you. But more on this later.

I quit this job in the latter part of 2011, because I became disgusted with it, and with myself. I realized I couldn’t look myself in the mirror anymore. If this confession triggers some kind of retribution against me, so be it. Part of being a real man in this world is having real values that you stand up for, no matter what the consequences.

My story begins in early 2011. I had been out of work for almost a year after losing my last job in tech support. Increasingly desperate and despondent, I jumped at the chance when a former co-worker called me up and said she had a possible lead for me. “It is an unusual job, and one that requires secrecy. But the pay is good. And I know you are a good writer, so its something you are suited for.” (Writing has always been a hobby for me).

She gave me only a phone-number and an address, in one of the seedier parts of San Francisco, where I live. intrigued, I asked her for the company’s URL and some more info. She laughed. “They don’t have a website. Or even a name. You’ll see. Just tell them I referred you.” Yes, it sounded suspicious, but long-term joblessness breeds desperation, and desperation has a funny way of overlooking the suspicious when it comes to putting food on the table.

The next day, I arrived at the address – the third floor in a crumbling building. The appearance of the place did not inspire confidence. After walking down a long, filthy linoleum-covered corridor lit by dimly-flickering halogen, I came to the entrance of the office itself: a crudely battered metal door with a sign that said “United Amalgamated Industries, Inc.”

I later learned that this “company” changed its name almost monthly, always using bland names like that which gave no strong impression of what the company actually does. Not too hopeful, I went inside. The interior was equally shabby. There were a few long tables with folding chairs, at which about a dozen people were tapping away on old, beat-up computers. There were no decorations or ornaments of any type: not even the standard-issue office fica trees or plastic ferns. What a dump. Well, beggars can’t be choosers.

The manager, a balding man in his late forties, rose from the only stand-alone desk in the room and came forward with an easy smile. “You must be Chris. Yvette [my ex-co-worker] told me you’d be coming.” [Not our real names]. “Welcome. Let me tell you a little about what we do.” No interview, nothing. I later learned they took people based solely on referral, and that the people making the referrals, like my ex-colleague Yvette, were trained to pick out candidates based on several factors including ability to keep one’s mouth shut, basic writing skills, and desperation for work.

We sat down at his desk and he began by asking me a few questions about myself and my background, including my political views (which were basically non-existent). Then he began to explain the job. “We work on influencing people’s opinions here,” is how he described it. The company’s clients paid them to post on Internet message boards and popular chartrooms, as well as in gaming forums and social networks like Facebook and MySpace. Who were these clients? “Oh, various people,” he said vaguely. “Sometimes private companies, sometimes political groups.”

Satisfied that my political views were not strong, he said I would be assigned to political work. “The best people for this type of job are people like you, without strong views,” he said with a laugh. “It might seem counterintuitive, but actually we’ve found that to be the case.” Well, OK. Fine. As long as it comes with a steady paycheck, I’d believe whatever they wanted me to believe, as the guy in Ghostbusterssaid.

After discussing pay (which was much better than I’d hoped) and a few other details, he then went over the need for absolute privacy and secrecy. “You can’t tell anyone what we do here. Not your wife, not your dog.” (I have neither, as it happens.) “We’ll give you a cover story and even a phone number and a fake website you can use. You will have to tell people you are a consultant. Since your background is in tech support, that will be your cover job. Is this going to be a problem for you?” I assured him it would not. “Well, OK. Shall we get started?”

“Right now?” I asked, a bit taken aback.

“No time like the present!” he said with a hearty laugh.

The rest of the day was taken up with training. Another staff member, a no-nonsense woman in her thirties, was to be my trainer, and training would only last two days. “You seem like a bright guy, you’ll get the hang of it pretty fast, I think,” she said. And indeed, the job was easier than I’d imagined. My task was simple: I would be assigned to four different websites, with the goal of entering certain discussions and promoting a certain view. I learned later that some of the personnel were assigned to internet message boards (like me), while others worked on Facebook or chatrooms. It seems these three types of media each have different strategy for shilling, and each shill concentrates on one of the three in particular.

My task? “To support Israel and counter anti-Israeli, anti-Semitic posters.” Fine with me. I had no opinions one way or another about Israel, and who likes anti-Semites and Nazis? Not me, anyway. But I didn’t know too much about the topic. “That’s OK,” she said. “You’ll pick it up as you go along. For the most part, at first, you will be doing what we call “meme-patrol.” This is pretty easy. Later if you show promise, we’ll train you for more complex arguments, where more in-depth knowledge is necessary.”

She handed me two binders with sheets enclosed in limp plastic. The first was labeled simply “Israel” in magic-marker on the cover, and it had two sections .The first section contained basic background info on the topic. I would have to read and memorize some of this, as time went on. It had internet links for further reading, essays and talking points, and excerpts from some history books. The second, and larger, section was called “Strat” (short for “strategy”) with long lists of “dialogue pairs.” These were specific responses to specific postings.

If a poster wrote something close to “X,” we were supposed to respond with something close to “Y.” “You have to mix it up a bit, though,” said my trainer. “Otherwise it gets too obvious. Learn to use a thesaurus.” This section also contained a number of hints for de-railing conversations that went too far away from what we were attempting. These strategies included various forms of personal attacks, complaining to the forum moderators, smearing the characters of our opponents, using images and icons effectively, and even dragging the tone of the conversation down with sexual innuendo, links to pornography, or other such things. “Sometimes we have to fight dirty,” or trainer told us. “Our opponents don’t hesitate to, so we can’t either.”

The second binder was smaller, and it contained information specific to the web sites I would be assigned to. The sites I would work were: Godlike Productions, Lunatic Outpost, CNN news, Yahoo News, and a handful of smaller sites that rotated depending on need. As stated, I was NOT assigned to work ATS (although others in my group were), which is part of the reason I am posting this here, rather than elsewhere. I wanted to post this on Godlike Productions at first, but they have banned me from even viewing that site for some reason (perhaps they are onto me?). But if somebody connected with this site can get the message to them, I think they should know about it, because that was the site I spent a good 70% of my time working on.

The site-specific info in the second binder included a brief history each site, including recent flame-wars, as well as info on what to avoid on each site so as not to get banned. It also had quite detailed info on the moderators and the most popular regged posters on each site: location (if known), personality type, topics of interest, background sketch, and even some notes on how to “push the psychological buttons” of different posters. Although I didn’t work for ATS, I did see they had a lot of info on your so-called “WATS” posters here (the ones with gold borders around their edges). “Focus on the popular posters,” my trainer told me. “These are the influential ones. Each of these is worth 50 to 100 of the lesser known names.”

Each popular poster was classified as “hostile,” “friendly,” or “indifferent” to my goal. We were supposed to cultivate friendship with the friendly posters as well as the mods (basically, by brownnosing and sucking up), and there were even notes on strategies for dealing with specific hostile posters. The info was pretty detailed, but not perfect in every case. “If you can convert one of the hostile posters from the enemy side to our side, you get a nice bonus. But this doesn’t happen too often, sadly. So mostly you’ll be attacking them and trying to smear them.”

At first, like I said, my job was “meme-patrol.” This was pretty simple and repetitive; it involved countering memes and introducing new memes, and didn’t demand much in-depth knowledge of the subject. Mostly just repetitive posting based on the dialogue pairs in the “Strat” section of the first binder. A lot of my job was de-railing and spamming threads that didn’t go our way, or making accusations of racism and anti-Semitism. Sometimes I had to simply lie and claim a poster said something or did something “in another thread” they really hadn’t said or done I felt bad about this…but in the end I felt worse about the possibility of losing the first job I’d been able to get since losing my “real” job.

The funny thing was, although I started the job with no strong opinions or political views, after a few weeks of this I became very emotionally wedded to the pro-Israel ideas I was pushing. There must be some psychological factor at work…a good salesman learns to honestly love the products he’s selling, I guess. It wasn’t long before my responses became fiery and passionate, and I began to learn more about the topic on my own. “This is a good sign,” my trainer told me. “It means you are ready for the next step: complex debate.”

The “complex debate” part of the job involved a fair amount of additional training, including memorizing more specific information about the specific posters (friendly and hostile) I’d be sparring with. Here, too, there were scripts and suggested lines of argument, but we were given more freedom. There were a lot of details to this more advanced stage of the job – everything from how to select the right avatar to how to use “demotivationals” (humorous images with black borders that one finds floating around the web). Even the proper use of images of cats was discussed. Sometimes we used faked or photo-shopped images or doctored news reports (something else that bothered me).

I was also given the job of tying to find new recruits, people “like me” who had the personality type, ability to keep a secret, basic writing/thinking skills, and desperation necessary to sign on a shill. I was less successful at this part of the job, though, and I couldn’t find another in the time I was there.

After a while of doing this, I started to feel bad. Not because of the views I was pushing (as I said, I was first apolitical, then pro-Israel), but because of the dishonesty involved. If my arguments were so correct, I wondered, why did we have to do this in the first place? Shouldn’t truth propagate itself naturally, rather than through, well…propaganda? And who was behind this whole operation, anyway? Who was signing my paychecks? The stress of lying to my parents and friends about being a “consultant” was also getting to me. Finally, I said enough was enough. I quit in September 2011. Since then I’ve been working a series of unglamorous temp office jobs for lower pay. But at least I’m not making my living lying and heckling people who come online to express their views and exercise freedom of speech.

A few days ago I happened to be in the same neighborhood and on a whim thought I’d check out the old office. It turns out the operation is gone, having moved on. This, too, I understood, is part of their strategy: Don’t stay in the same place for too long, don’t keep the same name too long, move on after half a year or so. Keeping a low profile, finding new employees through word of mouth: All this is part of the shill way of life. But it is a deceptive way of life, and no matter how noble the goals (I remain pro-Israel, by the way), these sleazy means cannot be justified by the end.

This is my confession. I haven’t made up my mind yet about whether I want to talk more about this, so if I don’t respond to this thread, don’t be angry. But I think you should know: Shills exist. They are real. They walk among you, and they pay special attention to your popular gold-bordered WATS posters. You should be aware of this. What you choose to do with this awareness is up to you.

Yours, ExShill

Conscious Life News does not implicitly agree with or endorse the views of the individuals expressed in this article, but we do believe that they have something valuable to add to the conversation.

As with all things, apply your own discernment. Fact check and verify where you feel it is appropriate. And most importantly, take the information that resonates with you, and leave the rest behind.