Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

giovedì 31 dicembre 2015

RUSSIA INSIDER: LE ÉLITE USA TENTANO DI DISTRUGGERE L’EUROPA USANDO GLI IMMIGRATI - US Elites Are Trying to Destroy Europe with Immigrants

Se pensi che questo non è parte di un piano più grande, tu sei molto, molto ingenuo
Su Russia Insider viene proposta una chiave di lettura molto razionale alla crisi europea dei migranti. Questo fenomeno, originato come effetto collaterale dall’interventismo occidentale in Africa e Medio Oriente, sembra essere voluto quanto l’obiettivo primario. Il flusso di disperati che si dirige verso il Vecchio Continente finirà per frammentare società già in difficoltà in modo da renderle sempre più in balia del solito “salvatore”, terrorizzato di perdere la sua attuale posizione di dominatore mondiale: gli Stati Uniti.

Nota del Blog
E' cosa ben nota fin dagli inizi '900 con il nome "Piano Kalergi", imbastardimento delle popolazioni europee con asiatici e africani per poterli manovrare meglio, derivato dal nome del fondatore, il Conte Kalergi fondatore anche dell'antenata dell'Unione Europea, la Società Panaeuropea. Cercherò di fare un articolo in merito.
Di Robert Bridge
20 dicembre 2015

Dagli Stati Uniti all’Europa, le élite occidentali stanno permettendo ad un massiccio afflusso di stranieri di entrare nelle loro terre, trasformando radicalmente il volto delle società occidentali nel tentativo di dividere, conquistare ed espandere il loro dominio militare e finanziario a scapito di un pianeta ignaro.

Angela Merkel è stata anche nominata Time “Persona dell’anno” per aver guidato l’afflusso che minaccia di fare a pezzi l’Europa.

Tralasciando l’immagine creata dei media di un’Europa esageratamente disposta ad accogliere sciami di rifugiati nelle sue società conservatrici, la storia recente ci fornisce un quadro del tutto diverso. Già nel 2010, il cancelliere tedesco Angela Merkel, in risposta al crescente sentimento anti-immigrati, aveva suscitato scalpore in tutto il mondo quando aveva ammesso che gli sforzi per creare una società multiculturale in Germania erano “completamente falliti”.

Oggi, la Merkel sta canticchiando una melodia completamente diversa nel momento in cui un’ondata di rifugiati si abbatte sull’Europa da tutti gli angoli. Confidando nella memoria corta dell’elettorato, il leader tedesco ha steso un tappeto di benvenuto lungo il confine del suo paese, raccontando al mondo che la Germania è pronta ad accogliere più di 1 milione di nuovi arrivati – praticamente lo stesso giorno in cui 130 persone sono state uccise da un presunto attacco islamico fondamentalista a Parigi.

Parte del cambiamento nell’umore del pubblico riguardo la drammatica situazione dei profughi è venuto dalla tragica storia di Aylan Kurdis, il bambino siriano il cui corpo è stato trovato annegato lungo un litorale in Turchia dopo che la barca dove aveva viaggiato si era capovolta. Naturalmente, i super-consolidati media di proprietà delle multinazionali, che non si lasciano sfuggire nemmeno un momento tragico (e in particolare uno con un forte elemento visivo), hanno diffuso la storia su ogni prima pagina di giornale in tutta Europa. A dire il vero, si tratta degli stessi giornali occidentali che hanno ignorato le calamità causate ai bambini di tutto il Medio Oriente dagli attacchi della NATO a paesi sovrani come l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia e ora in Siria. Basta leggere il sottotitolo che accompagna il titolo in prima pagina del “Sun”: “Bombardare la Siria per Aylan”. Ecco come utilizzare la tragedia per propagandare l’obiettivo più brutto di tutti: la guerra.

Così, mentre il popolo europeo è costretto da una campagna mediatica incessante ad accogliere i rifugiati siriani pena essere etichettati neofascisti (una parola che pochi tedeschi possono tollerare in seguito allo straziante ricordo della Germania nazista, una memoria che i media non permetteranno mai che il popolo tedesco possa superare ), i profughi vengono magneticamente attratti verso l’Europa con la promessa di soldi facili e posti di lavoro disponibili. Nota: è stato dimostrato che la maggior parte dei nuovi arrivati ​​in Europa non vengono dalla Siria, ma piuttosto da altri luoghi devastati dalla guerra, come l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia.

I rifugiati in Germania ricevono fino a 345 euro al mese da parte del governo, mentre in Svezia l’indennità mensile è fino a 224 €. Rispetto ai luoghi e alle situazioni da cui i profughi sono in fuga, questa tentazione del denaro gratis è praticamente impossibile da ignorare.

Questo caos è stato pianificato?

Mentre in superficie può sembrare che la crisi dei rifugiati ha colto i leader occidentali di sorpresa, in realtà fa tutto parte del loro piano per la dominazione globale, delineatosi in un documento dell’ormai defunto gruppo di neoconservatori americani conosciuto come Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC).

Nel settembre 2000, il gruppo ha pubblicato un documento intitolato: ‘Ricostruire le difese dell’America – Strategia, Forze e Risorse per un Nuovo Secolo,’ in cui gente a cui il potere ha dato alla testa si rivela per quella che è, e ammette che il loro obiettivo è di far valere la potenza militare USA in tutto il mondo per rimanere la superpotenza suprema nel mondo.

Il PNAC individuò cinque nazioni ritenute “profondamente ostili all’America” ​​- Corea del Nord, Iraq, Iran, Libia e Siria (l’ex generale americano Wesley Clark ne ha aggiunti altri tre un po’ più tardi: il Libano, la Somalia e il Sudan). Non sorprende allora che due di questi cinque paesi abbiano già subito una occupazione/capitolazione guidata dagli Stati Uniti, mentre la Siria sta ancora riuscendo a sopravvivere, anche se solo grazie all’intervento militare della Russia.

Mosca sembra essere giunta alla conclusione corretta che lo Stato islamico è semplicemente un esercito delegato creato dagli Stati Uniti per distruggere le porte degli Stati sovrani.

A giudicare dal campo di applicazione di questi piani diabolici, è del tutto impossibile che gli Stati Uniti non potessero vedere bene in anticipo che un flusso di profughi disperati sarebbe presto fluito verso l’Unione Europea in cerca di sicurezza.

Ma ancora una volta, questo fa parte del piano generale che desiderano le élite degli Stati Uniti, altrimenti non starebbero spingendo così aggressivamente per i diritti degli immigrati clandestini oltre i diritti dei propri cittadini naturali nati.

Questo acquista senso se si considera il relitto assoluto che le élite occidentali hanno fatto dell’economia europea, con nazioni come la Grecia, l’Italia, il Portogallo e altri sull’orlo del fallimento totale, e sopravvissuti unicamente a causa di prestiti impossibili da restituire concessi dal FMI e dalla Banca Mondiale.

Vien voglia di pensare alla storia della vita colorata di Barack Hussein Obama – il primo presidente nero degli Stati Uniti di origine keniota, noto per avere opinioni forti sul modo in cui le minoranze sono state trattate nel presente e nel passato – e per usare queste opinioni come un motivo potente per il crollo dei confini nazionali in tutto il mondo, e ancor più scioccante negli Stati Uniti e nell’Unione Europea. In effetti, il magnate immobiliare Donald Trump ha praticamente chiuso la sua nomina per la candidatura presidenziale repubblicana con niente di più che la promessa di costruire un “gigantesco muro” che separi l’America e il Messico. Allora perché Obama non fa una promessa altrettanto semplice per spegnere la minaccia Trump una volta per tutte?

Anche se io credo che Obama sia predisposto sia per il suo colore della pelle sia per la sua storia di vita di mostrare solidarietà al dramma dei rifugiati e delle minoranze, ed è quindi meno incline a chiudere i confini americani, non credo che la corsa del presidente degli Stati Uniti possa spiegare tutto (anche se ha un modo meraviglioso di spaventare eventuali aspiranti critici per paura di essere di marca ‘razzista’). Il punto è che Obama sta recitando un copione che è stato scritto molti anni fa. Washington dipende troppo da troppi potenti, burattinai dietro le quinte per qualsiasi cosa accada per caso nel regno della politica degli Stati Uniti.

Secondo il sociologo tedesco Gunnar Heinsohn, entro la metà del 21 ° secolo milioni di migranti provenienti da Africa e Asia (950 milioni di loro vorrebbero già trasferirsi in UE) trascineranno l’Europa nel Medioevo. Allora non è esattamente questo quello che Barack Obama, un uomo con radici africane, voler raggiungere attraverso la sua politica estera?

Sbaglieremmo dando tutta la colpa ad Obama per la distruzione della civiltà europea, una volta orgogliosa (e ora appesa a un filo in pochi stati testardi, come la Russia, l’Ungheria e la Bielorussia). La colpa deve essere data al sistema diabolico che ogni leader americano è costretto ad accettare o a combattere una volta entrato nello Studio Ovale (John F. Kennedy è forse la prova migliore di ciò che accade a un leader degli Stati Uniti che cerca di essere un vero uomo e chiede un reale cambiamento).

Non possiamo più permetterci di farci illudere su ciò che sta realmente accadendo nel mondo di oggi. Gli Stati Uniti stanno distruggendo attivamente e intenzionalmente il vecchio tessuto della nazionalità – il collante che tiene insieme le culture e civiltà – in tutto il mondo, e non importa se lo stato è amico o nemico, cristiano o musulmano, ricco o povero.

Il piano finale è quello di distruggere qualsiasi omogeneità esistente e sostituirla con un sistema imperiale a guida USA che si basa sulla forza bruta per mantenere la “pace e l’ordine”.

Questo obiettivo è molto più facilmente raggiunto se le persone non hanno più assolutamente nulla in comune con i loro vicini. Il microcosmo di questo sistema demoniaco sta già funzionando a Main Street: negli USA, dove le forze di polizia locali ricevono in realtà armi di tipo militare da usare contro il popolo americano – mentre i confini nazionali rimangono aperti per assassini, stupratori e trafficanti di droga dal Sud America (!).

In Europa, lo stesso dramma sta avvenendo come un omicidio a sangue freddo in pieno giorno. Grazie alla politica estera sconsiderata dell’America, che è diventata assolutamente folle in seguito agli attentati terroristici dell’11 settembre, i paesi della NATO vengono trascinati impotenti in guerre nonostante l’indignazione pubblica e le proteste contro queste guerre illegali, che sono già accadute in Iraq, Afghanistan , Libia, e ora Siria – che hanno provocato – o presto provocheranno – il fallimento degli Stati colpiti.

Ma gli stati veramente falliti alla fine saranno le vecchie potenze coloniali europee, che si trovano in prima linea nello tsunami dei rifugiati provocato dagli Stati Uniti che ora si abbatte su tutto il continente, minacciando di inghiottire ogni città da Lisbona a Helsinki.

Questo sviluppo fa il gioco di Washington dato che il popolo europeo – sempre più terrorizzato dagli atti pre-pianificata di guerra, terrorismo e collasso finanziario – cercano un eroe che lo tragga in salvo. A quel punto, si dirigeranno felici e ciechi verso la schiavitù come agnelli sulla via della macellazione, credendo di essere liberi fino al momento della loro distruzione.

In altre parole, fino a quando sarà troppo tardi per invertire il loro destino e il vero volto del tiranno globale verrà rivelato.

If you think this isn't part of a bigger plan, 

you are very, very naive
A side effect of the American neocon strategy of up-ending the Middle East is to flood Europe, and in particular, Germany, the continent's dominant power, with non-Christian immigrants.

The author argues that this is deliberate, and that Merkel and Obama are neocon patsies, leading Europe to destruction, and that Russia is one of the few countries whose leadership understands what is happening, and is fighting back.

A few years ago, views like these would be considered on the fringe. Today they are going mainstream. Witness the popularity of Donald Trump.

Robert Bridge  Sun, Dec 20

From the United States to Europe, the Western elite are allowing a massive influx of foreigners to enter their lands, radically transforming the face of Western societies in a bid to divide, conquer and expand their military and financial rule across an unsuspecting planet.

Angela Merkel was even named Time’s “Person of the Year” for spearheading the influx which threatens to tear Europe apart.

Despite the media-generated characterization of Europe as only too willing to allow swarms of refugees into their conservative societies, recent history provides us with an altogether different picture. As early as 2010, German Chancellor Angela Merkel, in response to rising anti-immigrant sentiment, sent shockwaves around the world when she admitted that efforts to create a multicultural society in Germany have "utterly failed."

Today, Merkel is humming a completely different tune as a wave of refugees storms Europe from all corners. Trusting the public's short memory span, the German leader has put out the welcome mat along her country's lengthy border, telling the world Germany is ready to accept over 1 million new arrivals - and on practically the same day that 130 people were killed by alleged Islamic fundamentalists around Paris.

Part of the public's change of heart towards the plight of refugees came from the tragic story of Aylan Kurdis, the Syrian child whose body was found washed up along a shoreline in Turkey after the boat he had been traveling in capsized. Of course, the corporate-owned, super-consolidated media, never one to ignore a tragic moment (and especially one with graphic photographs) posted the story on every newspaper frontpage across Europe. Indeed, these were the same Western newspapers that ignored the depravations brought to children around the Middle East from NATO attacks on sovereign countries like Afghanistan, Iraq, Libya and now in Syria. One need only read the subtitle that accompanied The Sun's front page headline, which said: "Bomb Syria for Aylan." Talk about using tragedy to sell the ugliest agenda of them all: War.

So while the European people are being coerced by a relentless media campaign to accept Syrian refugees or be labeled neo-fascists (a word few Germans can tolerate following the harrowing memory of Nazi Germany, a memory the media will never let the German people live down), the refugees are being magnetically drawn to Europe by the promise of easy money and easy jobs. Note: it has been proven that most of the new arrivals to Europe are not from Syria, but rather from other war-torn places, like Afghanistan, Iraq and Libya.

Refugees in Germany receive up to 345 euro per month from the government, whereas in Sweden the monthly allowance is up to 224 euro. Compared to the places and situations where the refugees are escaping from, this temptation of free money is practically impossible to ignore.

Was this chaos planned?

While on the surface it may seem that the refugee crisis has taken Western leaders by surprise, in fact it is all part of their plan for global domination, which was outlined in a paper by the now-defunct group of US neoconservatives known as The Project for a New American Century (PNAC).

In September 2000, the group released a document entitled: 'Rebuilding America's Defenses - Strategy, Forces and Resources for a New Century,' in which the power-crazed individuals came out and admitted their goal of asserting US military power around the globe in order to remain the world's supreme superpower.

The PNAC identified five nations it deems as "deeply hostile to America" - North Korea, Iraq, Iran, Libya and Syria (former US General Wesley Clark added another three to that list a bit later: Lebanon, Somalia and Sudan). It should come as no surprise that two of these five countries have already suffered a US-led occupation/capitulation, while Syria is still managing to survive, albeit only due to the military intervention of Russia.

Moscow seems to have come to the correct conclusion that Islamic State is simply a proxy army created by the United States to smash down the doors of sovereign states.

Judging by the scope of these diabolical plans, it is altogether impossible that the United States could not see well in advance that a flood of desperate refugees would soon be streaming towards the European Union in search of safety.

But again, this is part of the overall plan that the US elite desire, otherwise they would not be so aggressively pushing for the rights of the illegal aliens over the rights of their natural born citizens.

This makes sense when we consider the absolute wreck that the Western elite have made of the European economy, with nations like Greece, Italy, Portugal and others on the brink of total insolvency, and only surviving due to impossible-to-return loans pushed on them by the IMF and World Bank.

There is the temptation to point to the colorful life story of Barack Hussein Obama - America's first black president of Kenyan descent who is known to hold strong opinions on the way minorities have been treated present and past - as a powerful reason for national borders collapsing around the world, and most shockingly in the United States and the European Union. Indeed, the real estate tycoon Donald Trump has practically sealed his nomination for the Republican presidential candidacy on nothing more than the promise to build a "gigantic wall" separating America and Mexico. So why doesn't Obama make an equally simple promise and shut down the Trump threat once and for all?

Although I do believe that Obama is predisposed by both his skin color and life history to show sympathy to the plight of refugees and minorities, and is thereby less inclined to shut down America's borders, I don't think the US president's race can explain everything (although it has a wonderful way of scaring off any would-be critics out of fear of being branded 'racist'). The simple fact is that Obama is reading from a script that was written many years ago. Washington is simply weighed down by too many powerful, behind-the-scenes puppet masters for anything to happen by chance in the realm of US politics.

According to a German sociologist Gunnar Heinsohn, by mid-21st century millions of migrants from Africa and Asia (950 million of them are already willing to relocate to the EU) will drag Europe back into the Dark Ages. So isn’t this exactly what Barack Obama, a man with African roots, should be willing to achieve through his foreign policy?

We would be amiss to singularly blame Obama for destroying the once proud European civilization (now hanging by a thread in a few stubborn holdouts, like Russia, Hungary and Belorussia). The blame must be placed on the very malevolent system that every American leader is forced to either accept or fight once in the Oval Office (John F. Kennedy is perhaps the best proof as to what will happen to any US leader who attempts to be his own man and demand real change.

We can no longer allow ourselves to be deluded as to what is really happening in the world today. The United States is actively and intentionally destroying the old fabric of nationality - the very glue that holds together cultures and civilizations - around the world, and it does not matter if the state is friend or foe, Christian or Muslim, rich or poor.

The ultimate plan is to smash any homogeneity that exists and replace it with a US-led imperial system that relies on brute force to maintain "peace and order."

This is much easier achieved if people no longer have anything remotely in common with their neighbors. The microcosm of this demonic system is already playing out on Main Street, USA, where local police forces are actually receiving military-grade weapons to use against the American people - while our national borders remain open to killers, rapists and drug traffickers from South America (!).

In Europe, the very same tragedy is playing out like a cold-blooded murder in broad daylight. Thanks to America's reckless foreign policy agenda, which went absolutely insane following the terrorist attacks of 9/11, NATO countries are being helplessly dragged into battles and regardless of the public outcry and protests against these illegal wars, which have already happened in Iraq, Afghanistan, Libya, and now Syria - all of which have resulted - or soon will result - in failed states.

But the real failed states will eventually be the old colonial powers of Europe, which sit on the front line of the refugee tsunami provoked by the US that is now crashing across the region, threatening to engulf every city from Lisbon to Helsinki.

This development only plays further into Washington's hands as the European people - increasingly terrified by pre-planned acts of war, terrorism and financial collapse - look to a savior to rescue them. At that point, they will walk happily and blindly into captivity like lambs on the way to slaughter, believing they are free until the moment of their destruction.

In other words, when it is too late to reverse their fate and the real face of the global tyrant is revealed.