Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

venerdì 29 luglio 2016

USA, FBI, CIA, Droga e Terrorismo Internazionale, soggetti imprescindibilmente collegati ...

Il mondo è piccolo e prima o poi i conti tornano sempre, i problemi sono due, uno i colpevoli non si condanneranno mai da soli, due la massa idiota e ipnotizzata non ha a disposizione i neuroni necessari per far funzionare l'ammasso fangoso che si ritrova in mezzo alle orecchie.
Quì ritroviamo, in documenti desecretati, in sintesi quanto sostenuto da un suicida con "due" colpi in testa in Addiction Cia - Intervista a Gary Webb autore di "Dark Alleance"  e una vecchia conoscenza e la sua banda come spiegato in  Le radici storiche della guerra segreta USA-NATO contro la Siria. Gli Squadroni della Morte.
I meccanismi sempre i medesimi e ancora ci si fanno delle domande o meglio cerebrolesi e venduti se le fanno e gli ipnotizzati agiscono ... l'edificante storia prosegue ne I cinque cubani, l'ossessione di George Bush e il terrorismo internazionale


L’agente dell’FBI che sapeva

degli attentati all’Avana...


Intervista al The New York Times Luis Posada Carriles ha indicato che l’ufficiale Kiszynski era “un buon amico” e ha considerato che il suo caso non è stato investigato grazie ai buoni rapporti che mantenevano
J.Guy Allard
13/7/2005


Molto interessante un documento declassificato dell'FBI depositato il 9 giugno al National Security Archive della George Washington: al di là della confessione di Posada, abbondantemente condita con delle bugie, che riconosce comunque il suo rapporto con l'allora vicepresidente George Bush ... questo testo è un enigma nella persona di uno dei due interroganti del terrorista, l'agente speciale George Kiszynski.

Il nome di questo individuo, descritto dal FBI come "specialista in terrorismo", appare per la prima volta negli archivi stampa molti anni prima di questo incontro con Posada 1992 si è verificato presso l'Ambasciata degli Stati Uniti in Honduras e si riflette nel documento declassificato.

In un articolo intitolato “FBI agents, police stub toes in terrorism investigations “ (Agenti FBI, i piedi della polizia calpestano le indagini sul terrorismo) pubblicato dal Miami Herald il 15 dicembre del 1983, il giornalista Jim McGee rivela l'esistenza di gravi contraddizioni tra l'FBI e la polizia di Miami sul terrorismo cubano-americano e osserva che "pochi dei crimini più feroci e tragici attribuiti al terrorismo anti-Castro a Miami durante l'ultimo decennio hanno portato a condanne".

"I terroristi sembrano intoccabili", scrive il giornalista dicendo che la polizia di Miami si trova di fronte un "muro del silenzio" quando si avvicina a testimoni di azioni terroristiche dalla paura che regna nei circoli estremisti di Miami.

George Kiszynski e Luis Posada Carriles
Si "dimentica" LA relazione del CORU  con l'INTELLIGENCE

McGee spiega che un incidente ha raffreddato considerevolmente i rapporti tra il Dipartimento di Polizia di Miami e la polizia federale e compromesso il buon sviluppo della ricerca sul terrorismo.
"Nel 1979, alcuni dei rapporti di intelligence segreti del dipartimento, tra cui alcuni piani riguardanti un attacco intercettato all'aeroporto di Miami, cadde nelle mani dei sospetti terroristi",
dice il giornalista.
"L'episodio è iniziato dopo che un informatore della polizia di Miami ha riferito che i membri della coalizione terrorista CORU (Coordinamento delle Organizzazioni Rivoluzionarie Unite, diretto da Orlando Bosch e Luis Posada Carriles) si preparavano a far saltare in un aeromobile che esercita voli tra Cuba e Miami International Airport".
"nel tentativo di interrompere la trama, il detective Sergio Pignone e Ozzie Austin si incontrarono con l'agente dell'FBI George Kiszynski. Fonti della polizia dicono poi che ha dato le copie dell'FBI di un rapporto di intelligence sulla trama e le registrazioni dei sospetti".
Tuttavia, dice McGee, pochi giorni dopo,
"un informatore della polizia ha riferito che i sospetti del CORU avevano visto le copie del rapporto di intelligence".
un'indagine della polizia di sicurezza interna, ha detto George Kiszynski perché aveva
"accidentalmente lasciato la sua valigetta per diverse ore con i sospetti terroristi".
nel 1982, sempre secondo per l'articolo dell'Herald,
"gli agenti dell'FBI pasticciarono uno degli incarichi più importanti nel campo della ricerca su (il gruppo terroristico) Omega 7 durante lo svolgimento della sorveglianza elettronica del sospetto Pedro Remón. Remon notò due agenti dell'FBI che lo seguivano in un furgone e indovinò che avevano nella loro macchina attrezzatura da ascolto. Un individuo che era con Remón controllò l'auto e trovò un trasmettitore dell'FBI ed un segnale acustico".
Autore di numerosi reati estremamente gravi, Remón ha sempre beneficiato di una sentenza simbolica, dopo essersi dichiarato colpevole di aver rifiutato di collaborare con un Grand Jury.

Informatore di Oliver North ... E BUSH

Colonnello Oliver North
Il nome Kiszynski riappare più tardi, quando, nel corso delle indagini del Congresso sullo scandalo chiamato Iran-Contras, si scopre che Oliver North ha ricevuto il 24 Marzo 1986, un documento dal FBI che, per sua natura, non dovrebbe raggiungere nelle sue mani. 

Il rapporto spiega in dettaglio ogni elemento di una indagine che è stata condotta polizia di Miami circa i Contras e il traffico di droga.

A quel tempo, North era alla guida di queste operazioni criminali di Washington, sotto la guida Donald Gregg e George Bush. 

Questo rapporto segreto sul North e che avverte sulle indagini, è stato elaborato dalla polizia di Miami ... ed è stato comunicato a North da Kiszynski, ore dopo che ne è entrato in possesso.

Il documento ha rivelato che un sostenitore dei Contras
"ha fornito sostegno finanziario ai gruppi anti-Castro e alla guerriglia del Nicaragua. Il denaro proviene da operazioni di narcotici". 
Il documento della polizia di Miami ha anche sottolineato che un agente della CIA John Hull, che possiede un ranch con pista di atterraggio in Costa Rica era parte della rete

Il testo precisa
"Frank Castro è un Partner di un uomo di nome Francisco Chanes ... Chanes è un narcotrafficante ... Chanes ha fornito sostegno finanziario ai gruppi anti-Castro e alla guerriglia del Nicaragua, e il denaro proveniva da operazioni di narcotici". 
le informazioni fornite dal Kiszynski a North hanno permesso di interrompere immediatamente tutte le transazioni menzionate. 

Secondo un rapporto di intelligence della polizia di Miami del 26 settembre, 1984 Kiszynski era stato già informato sulle attività di traffico di droga dei Contras. Una relazione sul soggetto porta debitamente scritta la menzione "File fornito a George Kiszynski, FBI".

Kiszynski era colui che ha indagato su una ditta del Costa Rica, Frigorificos di Puntarenas, legata a Frank Castro, Francisco "Frank" Chanes de Armas, Felipe Vidal e Luis Rodriguez che ha fornito i fondi per i Contras, trafficava in cocaina e riciclava denaro ...

Per capire le ramificazioni e le implicazioni di tali informazioni, si deve notare che negli anni '90, Luis Posada Carriles ha mantenuto i rapporti con Antonio Tony García Pérez del PUND, un'organizzazione terroristica che ha effettuato operazioni di droga. Garcia e Posada sono stati poi collegati al narcotrafficante Carlos A. Morán e Frank Castro, così come i capi della Droga a Miami Augusto Guillermo "Willie" Falcon e Salvador "Sal" Magluta.

CON POSADA PRESSO L 'AMBASCIATA DI HONDURAS

E' il 7 febbraio, 1992 che accade questo interrogatorio di Posada di Kiszynski e un collega, Michael Foster, all'Ambasciata degli Stati Uniti a Tegucigalpa, in Honduras, e si riflette ora in questo documento presentato nella sua interezza il 9 giugno negli Archivi della Sicurezza Nazionale della George Washington University ...

In quel momento, dalle 09:00 alle 16:00, al numero locale 426 dell'ambasciata degli Stati Uniti, Kiszynski ha interrogato Posada su ogni aspetto della sua partecipazione alle operazioni clandestine e criminali condotte nel 1985 e 1986 nella base aerea salvadoregna di Ilopango, con la complicità di Félix Rodríguez Mendigutía.

Kiszynski ha poi liberato Luis Posada Carriles, il terrorista internazionale, anche se era ben schedato come terrorista ricercato dalla giustizia venezuelana. E questo era evidente, con il suo background, avrebbe ancora una volta tentato di minacciare la vita del leader della Rivoluzione cubana, Castro, come poi ha fatto a Puerto Rico e Panama.

Il documento declassificato e presentato a pochi giorni fa era stato segnalato precedentemente nel 1996 come parte di un'indagine poi pubblicata dall'americano Robert Parry, un giornalista dissidente della Associated Press, Newsweek e rete televisiva PBS.

Agli investigatori dell'FBI, Posada ha rivelato che Felix Rodriguez chiamava costantemente Donald Gregg, dell'ufficio del Vice Presidente Bush. Ha detto che era ben consapevole di questo fatto per la semplice ragione che pagava le bollette del telefono. 

George Bush padre ha sempre negato che il suo ufficio sia stato coinvolto in queste operazioni criminali. Ma dopo ha onorato Felix Rodriguez e lo ricevette alla Casa Bianca. 

La commissione del Senato guidata dal senatore John Kerry (il candidato sconfitto da Bush per la presidenza) ha studiato l'operazione scandalosa del traffico di droga e armi che coinvolge Oliver North, Donald Gregg, John Poindexter, Elliott Abrams, Otto Reich, Richard Armitage, John Negroponte, Mitch Daniels: molti di loro che sono legati alla attuale amministrazione di George W. Bush.

Quando, dopo l'arresto di Luis Posada Carriles a Panama a novembre 2000 l'FBI, per intermediazione dell'ambasciata degli Stati Uniti a Panama, consegnò alla giustizia di Panama un record della storia del terrorista, le forze di polizia dimenticarono l'esistenza di questo interrogatorio di Kiszynski.

Ci si chiede perché nel 1992, è stato nominato proprio George Kiszynski per assistere l'Ufficio Legale indipendente per indagare l'affare Iran/Contras e, necessariamente, doveva analizzare il ruolo svolto da Posada nel funzionamento delle armi e traffico di droga.

Egli conosceva gli attacchi dell'HAVANA

Nel 1997, l'ingegnere guatemalteco Antonio Jorge Alvarez (Tony), che ha gestito le attività della ditta WRB Enterprises in Guatemala era in contatto con Posada Carriles ed altri terroristi di origine cubana ed ha saputo che un attacco era in fase di preparazione contro il presidente cubano Fidel Castro nel vertice Iberoamericano che sarebbe tenuto a isla Margarita, in Venezuela.

Posada e quelle persone lavoravano nella sua fabbrica, hanno anche preparato la campagna di bombardamenti contro gli alberghi turistici all'interno dell'isola di Cuba.

Alvarez, che ora vive a Greenville, Carolina del Sud a sud, ha informato i servizi di intelligence del Guatemala e l'FBI.

Ha segnalato di aver visto Posada consegnare "un sacco di soldi" ai suoi complici per comprare detonatori e timer per la fabbricazione di ordigni esplosivi e aveva osservato il possesso di materiali esplosivi  al plastico. 

Secondo le dichiarazioni fatte al New York Times da Alvarez che sono state pubblicate Domenica 12 luglio 1998, l'FBI era "sorprendentemente indifferente". Il giornale ha confermato che un agente era in contatto a Miami con Alvarez, ma mai l'FBI e la Central Intelligence Agency (CIA) lo hanno interrogato circa le informazioni che affermava di avere.
"Ha detto (l'agente) che la mia vita era in pericolo, che era gente molto pericolosa e di lasciare al Guatemala. Mai più sentito nulla da loro", ha detto Alvarez al giornale. "Ho rischiato la mia attività e la mia vita, e loro non hanno fatto nulla".
Poco prima del vertice di Margarita, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha fermato a Porto Rico una barca con quattro uomini, e il leader del gruppo, Angelo Alfonso Aleman, di Union City, ha dichiarato spontaneamente e davanti a molti testimoni che avevano avuto la "missione" di uccidere Fidel sull'isola di Margarita.

Francisco “Pepe” Hernández
Lo yacht, la Esperanza, era di proprietà di José Antonio Llama, direttore della Fondazione nazionale cubano Americana, e una delle potenti armi, un fucile telescopico, calibro 50, marca Barret, era registrato nel nome del Presidente di questa organizzazione, Francisco "Pepe" Hernandez. 

Il New York Times ha scritto che se l'FBI aveva interrogato l'imprenditore Alvarez, aveva saputo che Posada aveva pianificato gli attentati dell'Avana.

In un'intervista al Times, Luis Posada Carriles ha identificato l'agente dell'FBI che ha chiamato Alvarez. Ha detto che era "Jorge Kiszinski", versione spagnola di George Kiszynski.

Posada ha detto che era “un amico molto caro” che lo conosceva da molto tempo ed ha considerato che non il suo caso non è stato investigato grazie a questi buoni rapporti. Posada sapeva perfino che Kiszynski pensava di andare in pensione in quell’epoca.

Héctor Pesquera
I sospettati dello yacht La Esperanza sono stati tutti assolti, grazie a un’altra indagine raffazzonata, opera di un collega di Kiszynski: l’agente speciale Héctor Pesquera.

Kiszynski ha "prestato" al CORU di Bosch e Posada , documenti segreti della Miami Police che descrivono le indagini sul terrorismo cubano-americano;
 ha informato Oliver North che gli stessi poliziotti stavano indagando sul traffico di droga gestito da Posada; ha "Interrogato" lo stesso Posada in Honduras per nessun motivo apparente; ha capito che l'operazione terroristica montata in Porto Rico e la campagna terroristica prevista per L'Avana e non prosegueva. Ci sono molte coincidenze. 

Kiszynski riappare il 26 marzo 2001 come testimone nel caso dei cinque cubani accusati di "spionaggio" per aver infiltrato questi stessi gruppi terroristici di Miami che intendeva a indagare. La difesa lo convocò dopo aver appreso dall'FBI, che ha indagato la presenza a Miami di due imbarcazioni sospette.

Con una molteplicità di interventi della procura, visibilmente ansiosa di proteggerlo al massimo, ha finito per dire che dopo aver ricevuto le informazioni da "una fonte molto affidabile" nel luglio 1998 ha investigato nel luglio del 1998 due imbarcazioni ancorate in una marina di Miami, “davanti al Joe’s Seafood". Una di queste imbarcazioni era una barca da pesca, il Flavio 1 di 30 piedi, il suo proprietario stava apparentemente preparando un'operazione terroristica a Cuba. L'imbarcazione ha cambiato il motore ed ha messo un serbatoio di grandi dimensioni.

Kiszynski aggiunto che nell'operazione condotta, esplosivi o armi sono stati cercati e non sono stati trovati. Poi è andato a interrogare il proprietario senza risultato. Il proprietario era un uomo di nome Enrique Bassas che ha ammesso di conoscere precedentemente.

Quello che non ha precisato lo Special Agent dell'FBI è che Bassas era uno degli individui che si sono riuniti con Luis Posada Carriles proprio nel luglio del 1998 tra il 19 e il 21, poche settimane prima dell’arresto dei Cinque, nell’albergo Holiday Inn di Città del Guatemala, per preparare un attentato contro il Presidente cubano che doveva partecipare al Vertice dei Capi di Stato dei Caraibi a Santo Domingo. 

Non ha nemmeno precisato che Bassas aveva conosciuto Posada nella provincia di Cienfuegos dove sono nati tutti e due, e fu imprigionato in Venezuela nel 1987 con l'accusa di complicità, mentre si investigava sull'attacco contro l'aereo dell'Aviazione cubana distrutto a mezz'aria ... Bassas era allora un membro dell'Esercito Segreto cubano del famigerato leader terrorista Sixto Reynaldo Aquit Manrique. 

Nel processo dei Cinque dopo l’interrogatorio di Kiszynski da parte della Difesa, la Procura si è snaturata nel ripetere che “fonti” segnalano “voci” che in molti casi non hanno base, riducendo la testimonianza del suo protetto a una presenza simbolica.

Perché questa forte preoccupazione? Perché è evidente che Kiszynski ha nel suo armadio parecchi cadaveri.

ERA ARRIVATO CON L’ERA DEI BUSH 

Stando a quello che racconta, Kiszynski entra nel FBI all’inizio 
dei ’70 e subito gli si assegna l’investigazione del terrorismo 
cubano-americano.

George Bush Senior
Quando George Bush padre, ex agente della CIA diviene capo dei servizi segreti nordamericani, Kiszynski è ben installato in questo settore “caldo” dove sono numerosi i soci del nuovo capo. Poi, il padre dell’attuale Presidente si è impossessato nella vicepresidenza e nella presidenza di un controllo tale mai visto fino a quel momento sulle azioni segrete attuate da Washington e da ogni agenzia vincolata al settore delle droghe.

Casualità. Kiszynski abbandona così il settore del terrorismo 
contro Cuba nel 1986 quando si distrugge Ilopango.

Poi se ne va come “addetto legale” all’Ambasciata di Roma, dal 1993 al 1997. Un’altra casualità. Ritorna e si incorpora al settore del terrore quando Posada prepara le operazioni di isola Margarita e L’Avana.

Per chi lavora Kiszynski? Chi si nasconde dietro le sue attività? 

A quali persone ha trasmesso le sue informazioni? Quali interessi rappresenta?

E inoltre, chi nella stampa “libera” degli USA avrà il coraggio 

di investigare sul terreno il caso di questo agente troppo “speciale”?

A El Paso, la Procura ha omesso di convocare il "buon amico" di Posada: George Kiszynski

Jean-Guy Allard 
10 gennaio 2011

Il funzionario FBI George Kiszynski che Luis Posada Carriles ha designato come "molto buon amico" nella sua intervista con il New York Times e conosce la maggior parte dei terroristi internazionali più che qualsiasi altro funzionario dell'apparato di intelligence e della "giustizia" Stati Uniti non sarà nel "processo" che si apre a El Paso per coprire la responsabilità della CIA nel terrorismo cubano-americana.
La storia conosciuta della complicità ufficiale di Kiszynski con la mafia cubano-americana inizia nel 1979, quando gli investigatori Sergio Pinion e Ozzie Austin hanno comunicato i piani dei terroristi legati al Coordinación de Organizaciones Revolucionaris (CORU) Orlando Bosch per distruggere un aereo nel volo tra Miami e L'Avana. I ricercatori della polizia di Miami hanno chiesto il suo sostegno collega per contrastare la cospirazione.

Immediatamente Kiszynski incontra i sospetti di cui sopra, con il pretesto di mettere in discussione, e lasciando l'incontro "dimentica" la sua valigetta.

Informati da un infiltrato del CORU, Pinion e Austin denunciano Kiszynskii ai loro superiori che svolgono un'indagine i cui risultati, sconosciuti, sono rapidamente accantonati.

Poco prima dello scandalo Iran-Contras, Kiszynski è stato anche colui che ha informato il colonnello Oliver North, direttore della trama al servizio del padre di George Bush, un rapporto top-secret FBI in cui si rivela nel dettaglio ogni elemento di una indagine che è stata condotta dalla polizia di Miami circa i Contras e il traffico di droga. Un traffico in cui è stato attivo l'agente della CIA Luis Posada Carriles.

Il 7 febbraio 1992, lo stesso Kiszynski, nominato dall'FBI per rispettare un ordine del Congresso per assistere gli uffici del consulente indipendente a indagare sull'Iran-Contra, interroga Luis Posada Carriles per diverse ore presso l'ambasciata degli Stati Uniti Honduras, dove è il terrorista.

La conversazione, amena, tra la polizia e il terrorista si sviluppa senza che ai primi venga l'idea di fermare il secondo. Posada potrà così continuare i suoi tentativi di assassinio, con la conferma di una simpatia del Nord alle sue attività. E lo sarà allora sia con il Venezuela che con la Repubblica Dominicana e Panama.

"Mai saputo più nulla di loro"

Ma ci sono altri aneddoti molto sorprendenti di tale agente di troppo speciale. Nel 1997, l'ingegnere guatemalteco Antonio "Tony" Jorge Alvarez gestisce la filiale della ditta WRB Enterprises in Guatemala dove lavora Posada Carriles.

Il terrorista sta poi gestendo la campagna di attacchi contro hotel a Cuba e complotta un attentato contro il presidente cubano Fidel Castro da intraprendere al vertice Iberoamericano a Margarita Island, Venezuela.

Alvarez, ora un residente a Greenville, South Carolina, ha informato l'FBI. Egli ha osservato che Posada e i suoi complici hanno acquistato detonatori, tra quelli che riappaiono nell'Havana, per la fabbricazione di ordigni esplosivi, e aveva osservato anche possesso di esplosivi al plastico .

Secondo le dichiarazioni che Alvarez ha rilasciato dopo al New York Times e sono stati pubblicati, l'FBI era "sorprendentemente indifferente". Il giornale ha confermato che un agente, George Kiszynski, era in contatto da Miami con Alvarez.
"Mi disse (l'agente) che la mia vita era in pericolo, che le persone erano molto pericolose e di abbandonare il Guatemala. Mai saputo più nulla di loro",
ha detto Alvarez al giornale.

E proprio il New York Times concluse che se l'FBI aveva intervistato l'imprenditore Alvarez, aveva saputo che Posada aveva pianificato gli attentati dell'Avana.

Nemmeno Alvarez è stato chiamato a El Paso.

Ma non è tutto.

Il medesimo Kiszynski riappare il 26 Marzo 2001 come testimone nel caso dei cinque cubani accusati di "spionaggio" per avere infiltrato gruppi terroristici a Miami.

In tribunale, Kiszynski il cui passato è poi stato ignorato, ha raccontato come ha indagato, nel luglio 1998, due navi alla fonda in un marina di Miami il cui proprietario stava preparando un'operazione terroristica contro Cuba.

Kiszynski ha detto, in una operazione condotta, sono stati cercati esplosivi o armi e non sono stati trovati. Poi andò a interrogare il proprietario, Enrique Bassas, che, ha ammesso, conosceva da prima.

Ciò che Kiszynski non dice è che Bassas è uno degli individui che si sono incontrati con Luis Posada Carriles, precisamente nel luglio 1998, tra i 19 e il 21, a poche settimane l'arresto dei Cinque, presso l'Hotel Holiday Inn, città del Guatemala, per preparare un altro piano per assassinare il presidente cubano, che doveva partecipare al Vertice dei capi di Stato dei Caraibi a Santo Domingo.

Nemmeno precisò che Bassas conosceva Posada nella provincia cubana di Cienfuegos, dove sono nati entrambi, da quando era membro del famigerato Esercito Segreto Cubano del conosciuto terrorista Sixto Reynaldo Aquit Manrique.

Hanno studiato gli attacchi dell'Avana

George Kiszynski è così legato a tutti i dossier dei terroristi internazionali, che ha anche indagato sugli attacchi che Posada ha confessato a l'Avana nel 1997, come confermato da un rapporto ufficiale della polizia federale degli Stati Uniti resi pubblici il 18 maggio scorso.

Il 15 giugno del 1998, come risultato diretto di una comunicazione al presidente Bill Clinton fatta il mese predeente dallo scrittore colombiano Gabriel Garcia Marquez, su richiesta del presidente cubano Fidel Castro è arrivata all'Avana una delegazione dell'FBI che si riunirà il 16 e 17 giugno 1998 con gli esperti cubani.

I tre funzionari statunitensi hanno poi ricevuto ampie informazioni sugli attentati a Cuba l'anno scorso che comprendeva, tra le altre cose, 64 pagine contenenti le prove di circa 31 atti terroristici e piani contro Cuba sviluppati tra il 1990 e il 1998 sotto la guida della Fundación Nacional Cubanoamericana (FNCA) di Miami.

Tra le prove così offerte, dei campioni di esplosivi utilizzati nella fabbricazione delle bombe disattivate prima di esplodere.

I funzionari dell'FBI si sono impegnati a informare la parte cubana dei risultati delle loro analisi dei materiali consegnati nel più breve tempo possibile. Non lo hanno mai fatto.

Il documento di tre pagine declassificato, è stato depositato come elemento di prova, davanti al tribunale di El Paso per procedere, in una data da stabilire, a giudicare Posada su varie accuse. Ma la Kiszynski, ora in pensione e vive a Miami, di per sé non è stato chiamato a condividere le sue profonde conoscenze dell'attività dell'accusato.

Datato del 13 Novembre 1998, le prime due pagine del rapporto declassificato del documento riportano come il 17 giugno precedente "un esame nel campo dei quattro detonatori elettrici si è tenuto a L'Avana, Cuba", e continua dando le "specifiche dei campioni esaminati" quattro detonatori marchio DuPont e di produzione americana.

La terza pagina, una lettera indirizzata espressamente al capo del FBI a Miami, si riferisce a tre campioni testati di esplosivi, aggiungendo che i risultati delle analisi sono i componenti collegati. Subito dopo l'ultimo paragrafo, il nome appare enigmaticamente Kiszynski, scritto a mano.

Questo indica chiaramente che l'agente dell'FBI George Kiszynski, costantemente collegato al terrorismo contro Cuba per decenni, ha partecipato in un modo o nell'altro sulla ricerca portata dal corpo di polizia americana sugli attacchi nel 1997 a Cuba.

La presenza della parola Kiszynski al termine dell'inventario dei campioni di esplosivi redatti dall'FBI dopo la visita dei suoi inviati a L'Avana è un'ulteriore prova della malafede nel maleodorante dossier del rapporto tra la polizia federale degli Stati Uniti e il terrorismo cubano-americano.

L'assenza di Kiszynski in tribunale a El Paso, diventato il teatro dal Dipartimento di Giustizia americano, è naturalmente spiegata.

In un'intervista al New York Times, Posada stesso ha detto al momento giusto:
"Come potete vedere, a me né la CIA né l'FBI mi infastidiscono".
Matthew J. Archambeault, allora avvocato di Posada Carriles, ha confessato con candore ammirevole il 31 agosto 2005 affrontando il giudice per l'immigrazione William Lee Abbott.

Ha detto poi che il suo cliente non ha voluto testimoniare
"per evitare di danneggiare i problemi di sicurezza sensibili degli Stati Uniti e di altri paesi."
Come significato di un vero e proprio ricatto al governo degli Stati Uniti, l'avvocato di Miami ha detto poi in una conferenza stampa che Posada
"conosce molto e se parla potrebbe essere dannoso per l'FBI, la CIA e il governo in generale".
In precedenza, l'allora Segretario di Stato per gli Affari dell'Emisfero Occidentale, Roger Noriega, aveva dato alla mafia terrorista di Miami la garanzia che il caso, già citato nel Consiglio di Sicurezza Nazionale, era in un modo o nell'altro, in buone mani quando ha detto che il caso di Luis Posada Carriles sarà analizzato in maniera "privata, seria e trasparente".

Il gioco era stato preparato.


Kiszynski può dormire sonni tranquilli. Non sembra comparire nella sceneggiatura di El Paso.

Fonti cubainformazione  carlosagaton  librinsula

Articoli correlati