Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

lunedì 26 settembre 2016

30 ufficiali dei servizi segreti di Israele, Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Qatar e Regno Unito eliminati da un attacco missilistico russo su Aleppo



E non sono mica i primi, solo che al TG queste cose sono vietate dirle per cui gli idioti ipnotizzati continuano a credere all'uomo nero, al lupo cattivo, ai cattivissimi mussulmani, al criminale Hitler, alla favola dell'olocausto, ora obbligatoria per legge, una barzelletta, la storia ora la si studia per decreto nei tribunali, nemmeno il più preveggente Orwell se lo sarebbe immaginato, riscrivere i libri di storia a comando si ma obbligarla coercitivamente per legge vuol dire che stanno perdendo i colpi non san più cosa fare, ora Israele censura anche i social, non fossero degli argomenti tragici sarebbe da ridere, la Clinton schiatta dalle maledizioni planetarie, Obama straparla, non me ne vado da White House se viene Trump, Trump ne ha per tutti, Putin non sappiamo dove metterlo, puro avanspettacolo, Macario e Bramieri dei principianti ....
Questa vicenda non la commento nemmeno, lo fa da sola ...

TEHRAN (FNA) - 21 settembre 2016

Le navi da guerra russe di stanza al largo della Siria hanno colpito e distrutto un centro di operazioni militari, uccidendo venti/trenta ufficiali dei servizi segreti israeliani e occidentali
“Le navi da guerra russe hanno sparato 3 missili Kalibr sul centro di coordinamento operativo degli ufficiali stranieri nella regione di Dar al-Iza, ad ovest di Aleppo presso il jabal Saman, eliminando 30 ufficiali israeliani e occidentali“,
afferma l’agenzia Sputnik, Ministero della Difesa della Federazione Russa, citando fonti militari di Aleppo. Il centro operativo era situato nell’ovest della provincia di Aleppo, sul monte Saman, in vecchie cave. La regione si trova su una catena montuosa.

Diversi ufficiali di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Qatar e Regno Unito sono stati eliminati assieme ad ufficiali israeliani. Tali ufficiali, eliminati nel centro operativo di Aleppo, dirigevano gli attacchi dei terroristi su Aleppo e Idlib.

Ai primi di settembre, le unità dell’Esercito arabo siriano avevano lanciato un attacco preventivo sui terroristi del cosiddetto centro operativo di Aleppo, mentre si radunavano presso la strada di al-Qastal e le aziende agricole Malah, nelle zone settentrionali di Aleppo, sventando il tentativo di attaccare le vie di rifornimento della regione, secondo una fonte.

La fonte aveva anche detto che le unità di artiglieria dell’Esercito arabo siriano attaccavano i raduni dei terroristi presso Zahra Abdurabah, Qafr Hamra e Huraytyn, eliminando decine di terroristi. Inoltre, l’Aeronautica siriana attaccava le vie di rifornimento a nord di Aleppo, verso Hayan e Adnan, così come le vie di approvvigionamento ad ovest e a nord di Aleppo, distruggendo convogli dei terroristi presso al-Aratab, Urum Qubra e Mara al-Artiq, sventando il piano dei terroristi e costringendoli a fuggire verso i confini turchi.

Fonti informate dei media avevano reso noto in precedenza che l’Esercito arabo siriano continuava ad avanzare a sud di Aleppo, liberando diverse aree strategiche nella città di Qan Tuman.
“Numerosi grandi depositi di Qan Tuman sono ora sotto il controllo dell’Esercito arabo siriano“,
riferivano i media arabi citando una fonte anonima informata. La fonte osservava che l’Aeronautica e le unità di artiglieria dell’Esercito arabo siriani avevano anche bombardato i centri di raduno e le fortificazioni dei terroristi di Qan Tuman.


Notizia confermata dal sito Palaestina Felix, che precisa:
Le forze navali russe dislocate nel Mediterraneo o nel Mar Caspio ricorrono ai vettori ad alta precisione “Kalibr” solo quando hanno a disposizione coordinate sicure per obiettivi ad alto valore come centri di comando o di comunicazione delle organizzazioni takfire”.
Lancio di razzi russi "Kalibr"
“Cercare soluzioni diplomatiche con gli USA non ha più senso”


Evidentemente, ai russi era nota da tempo la posizione degli ufficiali stranieri colpiti. Fino ad oggi hanno lasciato correre. Li hanno colpiti ora. Dopo il massacro dei soldati siriani dai caccia Usa (e danesi, australiani, inglesi), e dopo il discorso carico di minaccia di Obama contro Putin. Cosa significa ciò? Non solo che Putin non è intimidito dalle minacce; ma che
“ha finito per accettare l’idea che la politica che ha seguito fino ad oggi, di cercare una soluzione diplomatica a qualunque prezzo con gli Usa, non ha senso con l’attuale dirigenza americana – per riconoscere che non c’è ormai più niente da fare coi loro interlocutori americani d’oggi”,
conclude Dedefensa. Che aggiunge un commento apparso su Sputnik, che esprimerebbe il pensiero degli altri gradi militari russi:
“Secondo la logica di Washington, un accordo sulla Siria con la Russia non è concepibile se non secondo le volontà di Wshington,e che Assad dia le dimissioni. Andrei Tikhonov, del centro di Analisi Politica di Mosca: “e’ per questo che è molto improbabile che l’attacco Usa contro le truppe siriane sia stato un incidente. Mosca non può accettare questo. Deve abbandonare le illusioni e continuare la lotta contro il terrorismo senza occuparsi della ‘comunità internazionale’”.
E forse non a caso, è stato diffuso questo video in cui si chiede a Putin se teme di morire in un attentato. La risposta:
“Se si vive di paura, non ha senso vivere”.
Il 19 settembre è apparsa su Facebook la falsa notizia della morte di Vladimir Vladimirovic: falsa per ora.

Putin on the fear of being assassinated

Fonti   farsnews  SitoAurora   maurizioblondet
Traduzione di Alessandro Lattanzio

Articoli correlati