Descrizione

La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi” - Honorè de Balzac -

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano !" - Isaac Newton -

Contra factum non valet argumentum”

Sconti fino all'80% con le migliori offerte su HotelsCombined, il principale sito comparatore di prezzi di hotel del mondo

mercoledì 16 maggio 2018

I Pirati di Silicon Valley (1999) - Steve Jobs, l'intervista perduta 1995 - Documentario Steve Wozniak cofondatore di Apple


«Non voglio che pensiate sia... solo un film, un processo di conversione di elettroni e impulsi magnetici in forme, figure e suoni; no! È ben altro! Siamo qui per cambiare l'universo, altrimenti perché saremmo qui? Stiamo creando una coscienza completamente nuova, come fanno gli artisti o i poeti. Così dovete vedere la cosa: noi stiamo riscrivendo la storia del pensiero umano»
- Steve Jobs - monologo per illustrare lo spot pubblicitario dell'Apple Macintosh
Logo NaturPlus

Dopo questo articolo Revolution OS ITA - Hackers, Programmatori e Ribelli si uniscono! - Revolution OS 2 - Documentari sul mondo del software Open Source ho pensato per par condicio di integrare con quest'altro, che può sempre essere interessante, bella l'intervista perduta a Steve Jobs, chiaramente i tre contributi si intrecciano, quasi a confermarsi uno con l'altro. Direi solo tre cose, il primo personal computer con vendita di massa, 44.000 pezzi, considerati i tempi, inizio progettazione 1962 e produzione 1965, ben 10 anni prima dell'Apple I fu costruito in Italia, in Piemonte, a Ivrea ed era l'Olivetti "Programma 101", costava due milioni di lire e stava su un tavolo, i suoi concorrenti occupavano una stanza e costavano 100.000 $, ne farò un articolo.

Di Bill Gates bisogna ricordare che qualche anno fa dichiarò
"siamo 6,8 miliardi se facciamo un buon lavoro con i vaccini e i servizi sanitari riusciremo a diminuire la popolazione mondiale del 10/15%",
con la fondazione "Bill & Melinda Gates", un criminale efferato, parla tranquillamente in pubblico di assassinare centinaia di milioni di persone.

Non sono un esperto di Steve Jobs ma mi dava l'impressione di una persona pulita, quindi quando letame non sei e invece sei costretto a metterci le mani dentro finisci per corroderti dall'interno e i tumori sono la peggior forma di corrosione. La Apple è ormai una delle peggiori multinazionali materialistiche conformate al sistema, con buona pace di tutti i fanatici, "conformisti", che gli corrono dietro, regalandogli miliardi, un iPhone esce a 25$ da un "Lagoai", campo di concentramento e di lavoro forzato cinese, e viene venduto a più 1.000 $/€. Mi pare peggio persino di Microsoft, un Windows lo prendi a calci e in un modo o nell'altro riesci sempre a farlo funzionare, fino a non troppi anni fa usavo ancora Windows 98, un Mac invece arriva un bel giorno che non lo puoi più usare e per essere chiari l'hardware è il medesimo.


I pirati di Silicon Valley (1999) guarda il film italiano

Il destino ha voluto che le vite di due giovani, Steve Jobs e Bill Gates, fossero strettamente legate nella corsa dell'evoluzione del personal computer e dell'informatica in generale. Uno diventerà fondatore della Apple e l'altro creerà la Microsoft. In mezzo, l'invenzione del Dos e del mouse, il ruolo di Xerox e IBM... In secondo piano, a commentare la loro ascesa e competizione, Steve Ballmer, presidente della Microsoft, e Steve Wozniak, cofondatore della Apple. Film per la Tv ispirato al libro di Paul Frieberger, che ridimensiona l'aura di genialità che avvolge i protagonisti, enfatizzandone semmai la scaltra preveggenza.


I pirati di Silicon Valley (Pirates of Silicon Valley) è un film per la televisione del 1999 diretto da Martyn Burke ed interpretato da Noah Wyle e Anthony Michael Hall.

Tratto dal libro "Com'era verde Silicon Valley" di Paul Freiberger e Michael Swaine, il film TV racconta, in forma di cronaca romanzata, di come i giovani Steve Jobs e Bill Gates, a metà degli anni settanta, arrivarono a realizzare il sogno del personal computer, in una corsa che culmina nel 1984 con l'introduzione sul mercato dell'Apple Macintosh, e del seguente trionfo dei sistema operativo della Microsoft di Gates su quello della Apple di Jobs.

Il vero Steve Wozniak (a destra)
 assieme all'attore Joey Slotnick
(a sinistra), colui che lo interpreta
ne I pirati di Silicon Valley.
Il film viene narrato con una struttura flashback alternativamente da Steve Wozniak, cofondatore della Apple con Jobs, e Steve Ballmer, dirigente della Microsoft, interpretati rispettivamente da Joey Slotnick e John DiMaggio. Ha un andamento rapido, concitato, sempre velato di ironia.

L'inizio del film si apre sul set cinematografico dello spot televisivo della Apple Inc., la cui regia fu affidata a Ridley Scott, ed è una sorta di ribellione contro il "Grande Fratello" (personificato nella IBM). Poi Steve Wozniak inizia a raccontare di quando costruiva le blue box (ovvero dei congegni per telefonare gratis) che vendeva con Steve Jobs, allora entrambi capelloni. Racconta di quella volta che telefonò alla Città del Vaticano chiedendo di parlare con il pontefice che allora stava dormendo.

Nonostante il parere contrario dell'amico, Woz, dopo essere stato perquisito dalla polizia, decise di smettere di costruirne e passare a ciò che di lì a poco avrebbe rivoluzionato il mondo : il Personal Computer. Poi comincia la narrazione della storia della Microsoft.

Bill Gates si trovava all'Università di Harvard e discuteva con i suoi amici (Steve Ballmer e Paul Allen) di pornografia giocando a poker. Ed è proprio con Allen che comincia a scrivere il Basic per l'appena uscito computer Altair. Poi Paul parte per Albuquerque per consegnare il programma, mentre Bill si ricorda improvvisamente che hanno dimenticato di scrivervi il loader. L'affare va comunque in porto e alla piccola azienda viene regalato il computer.

Un momento del film
 'I pirati della Silicon Valley'
Intanto Wozniak prosegue col suo progetto del PC, mentre Jobs si destreggia tra i suoi problemi personali. All'Homebrew Club, dove ogni appassionato mostrava le sue creazioni a basso budget, Jobs mostra la fantascientifica innovazione e riesce a venderne ben 50 dichiarando guerra al colosso IBM. Il giorno dopo, prima di cominciare la costruzione dei computer, Wozniak è costretto a proporre l'acquisto alla Hewlett-Packard con la quale aveva un contratto. Ma il loro dirigente rifiuta con la celebre e perentoria frase
«Ma che diavolo può farsene la gente comune dei computer?».
E qui comincia ufficialmente la storia della Apple Inc. e l'entrata di Steve Jobs tra gli uomini d'affari, simboleggiata dal cambio di look. Un Jobs rasato accoglie allora nel suo garage, dove si stavano costruendo i mini-computer, Mike Markkula, che era interessato ad investire 250.000 dollari. I fondatori intanto della Microsoft vanno alla MITS ad Albuquerque.


Steve Jobs, l'intervista perduta 1995

L'accordo con la produttrice dell'Altair 8800 era di 15 dollari a licenza per il Basic, ma Bill Gates riesce a convincere Ed Roberts a pagare il doppio. La società si stabilisce in un motel ed assume un paio di impiegati. Da lì al 1977 i due riescono ad acquistare un piccolo palazzo ed estendere i loro affari. I due Steve sono alla fiera del computer con poche macchine, ma intenzionati a venderne molte. La trasformazione di Jobs procede: si taglia i baffi e cambia stile nel vestire. La gente si accalca sullo stand della Apple, e quando arriva Bill Gates, questo viene totalmente ignorato da Jobs e rinuncia a proporre l'acquisto del Basic. La Apple ora è un'azienda in piena regola, con decine di impiegati e un enorme palazzo. Steve Jobs intanto viene a sapere che sta per avere un figlio da Arlene, ma rifiuta di crederci scaricando la sua rabbia sui dipendenti. Steve Ballmer intanto si unisce alla Microsoft mentre Bill Gates prepara un colloquio con la IBM, con cui riesce ad ottenere un contratto riguardante il non ancora sviluppato Disc Operating System (basato su DOS). Questo contratto prevedeva di cedere in licenza con ogni PC IBM il sistema operativo. Ottenuto l'accordo con il colosso dell'informatica, Paul Allen comprò dalla Seattle Computer Products il clone a 16 bit del CP/M, chiamato QDOS. E da qui cominciò il successo della Microsoft.

G2A logo
Alla Apple va tutto a gonfie vele. John Sculley entra nella società come amministratore delegato. Mentre Jobs è alle prese con la questione della paternità, Wozniak ha dubbi sul comportamento del socio. Jobs va a far visita ad Arlene e scopre di avere una bambina; insieme concordano sul nome Lisa.

Allora Steve chiede alla Apple di creare il computer Lisa, "rubando" le idee di base alla Xerox, dove la dirigenza non dava credito al progetto del sistema operativo grafico e del mouse (per esattezza, per poter accedere alle idee di base, a Xerox venne data la possibilità di acquistare 100.000 azioni Apple per un valore di un milione di dollari, con il patto di poter accedere al PARC e visionare i loro lavori). Anche Bill Gates decide di "rubare" le nuove idee emergenti, e si reca con i suoi tre soci alla Apple. Jobs, fiero, gli presenta alcuni programmatori e il Macintosh. Gates allora cerca di stringere accordi per vendere software e facendo leva sul desiderio di Steve di annientare l'IBM, riesce ad ottenere 3 prototipi di Mac. Steve Wozniak, appena uscito dall'ospedale per un incidente, non può fare a meno di notare la trasformazione subita dall'azienda per via di Jobs che ha messo la squadra Macintosh contro quella dell'Apple II, e torna al college, lasciando l'azienda. Alla Microsoft il progetto Windows procede in segreto, ma a rilento. Jobs viene a saperlo, e, su tutte le furie, chiede lumi a Bill. Gates pacatamente convince Steve che non è vero.

Alla presentazione del Macintosh viene trasmesso lo spot (di cui si è parlato all'inizio del film). Subito dopo a Steve Jobs vengono consegnati computer NEC venuti dal Giappone con software Microsoft. Il presidente della Apple allora accusa Bill Gates di aver rubato le idee, ma Gates ribatte facendo riferimento alla Xerox. Steve allora ribatte che il proprio sistema è migliore, e Gates risponde tranquillamente che "la cosa non ha importanza". Tra le ultime immagini c'è un brindisi a Steve Jobs promosso alla sua festa di compleanno da John Sculley. Poi viene raccontato ciò che è successo dopo: John Sculley licenziò Steve Jobs; Steve Wozniak insegna informatica ai bambini e finanzia un corpo di ballo; Lisa fa parte della nuova famiglia di Steve Jobs; Steve Jobs è tornato alla Apple nel 1997; la Microsoft possiede parte della Apple (al 1997); Bill Gates è l'uomo più ricco del mondo.


Documentario Steve Wozniak Fondatore Apple. Ita

Fonte   filmtv   wikipedia

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/unmondoimpossibile
Sei libero: di condividere, di copiare, distribuire e trasmettere quest'opera sotto le seguenticondizioni.     

Articoli correlati