Descrizione

In questo blog si vuole commentare ed analizzare l'attualità e la storia ma sopratutto scoprire ed evidenziare le ipocrisie, le falsità ed i soprusi di questo mondo appunto ormai impossibile da vivere.

“La storia ha due volti: quello ufficiale, mendace e quello segreto e imbarazzante, in cui però sono da ricercarsi le vere cause degli avvenimenti occorsi”. Honorè de Balzac

Contra factum non valet argumentum”

mercoledì 5 luglio 2017

La Bussola Politica, interessantissimo test per capire la propria collocazione politica, può dare risultati sorprendenti ... La mia Bussola Politica ...

A proposito della politica Compass 


Veramente notevole questo test inglese, aiuta a comprendere come nel mio caso, c'è la mia posizione politica al fondo, siano paradossali e false le gabbie politiche ideologiche dove ci hanno inserito manipolando con il gioco delle tre carte tutto il panorama per interessi ormai conosciuti, il "dividi et impera", se poi consideriamo da dove nasce il comunismo e con che fini per esempio nulla di cui stupirsi.
Ho tradotto alcune parti per far comprendere la filosofia utilizzata, alla fine il link per fare il test in inglese ma facilmente completabile con il traduttore in linea. Troppo interessante ... chissà quanti si stupiranno della loro posizione, io per primo, non tanto per la posizione, vuoi che non la conosca, ma per essermi trovato vicinissimo ad una persona incredibile, fortunatamente perchè una delle poche che compaiono ... ☺
Chi mi conosce sa che è così ma anche completamente al di fuori degli schemi imposti, mi trovo esattamente all'opposto mio malgrado alla terminologia corrente, schemi assolutamente fasulli con cui dobbiamo fare i conti quotidianamente, un motivo in più per riflettere ulteriormente sulla situazione attuale imposta a forza. 


Friedrich Hayek ritratto da uploader originale era DickClarkMises at en.wikipedia.  versione successiva (s) sono stati caricati da Beao at en.wikipedia.  - Trasferimenti da en.wikipedia;  trasferito a Commons da User: JohnDoe0007 utilizzando CommonsHelper .. Distribuito sotto licenza CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons -Joseph StalinThomas HobbesEmma GoldmanMao ZedongMargaret Thatcher  
Pyotr KropotkinAyn Rand

Nell'introduzione, abbiamo spiegato l'inadeguatezza della linea tradizionale sinistra-destra: Il nostro punto essenziale è che destra e sinistra, anche se tutt'altro che obsoleti, sono essenzialmente una misura di economia. Come i rappresentanti politici adottano sia con entusiasmo o con riluttanza l'ortodossia economica prevalente - il ceppo neoliberista del capitalismo, la divisione sinistra-destra tra partiti tradizionali diventa sempre più labile. Invece, le differenze di partito tendono ad essere più su problemi di identità. Nel restringimento del dibattito, la nostra scala sociale è più importante che mai.

Se ci rendiamo conto che questa è essenzialmente una linea economica va bene, per quanto vada. Siamo in grado di dimostrare, per esempio, Stalin, Mao Tse Tung e Pol Pot, con il loro impegno verso un'economia totalmente controllata, tutta a sinistra. I socialisti, come il Mahatma Gandhi e Robert Mugabe occuperebbero una posizione di sinistra meno estrema. Margaret Thatcher starebbe bene sulla destra, ma più a destra ancora sarebbe qualcuno come quella finale del libero mercato, il generale Pinochet.

Si occupa di economia, ma anche la dimensione sociale è importante in politica. Questo è quello che la mera scala destra-sinistra non affronta adeguatamente. Così abbiamo ne aggiunto una, che va da posizioni da estremo a estremo autoritario e libertaria.
piano cartesiano con l'asse sinistra-destra orizzontale e l'asse autoritario-libertaria verticale
Sia una dimensione economica e la dimensione sociale sono fattori importanti per una corretta analisi politica. Aggiungendo la dimensione sociale si può dimostrare che Stalin era un autoritario di sinistra (cioè lo stato è più importante del singolo) e che Gandhi, credendo nel valore supremo di ogni individuo, è un uomo di sinistra liberale. Mentre il primo ha imposto uno stato di collettivismo arbitrario è nell'estremo in alto a sinistra, all'estrema sinistra di fondo c'è il collettivismo volontario a livello regionale, senza nessuno stato coinvolto. Centinaia di tali comunità anarchiche esistevano in Spagna durante il periodo di guerra civile.

Si può anche mettere Pinochet, che è stato preparato per sanzionare di uccidere la massa per amore del libero mercato, in fondo a destra, così come in una posizione autoritaria hardcore. Sul lato non socialista è possibile distinguere una persona come Milton Friedman, che è anti-stato per motivi fiscali, piuttosto che sociali, da Hitler, che voleva fare lo Stato più forte, anche se lui ha spazzato via metà dell'umanità nel processo.
(Questa rimane una opinione di chi ha ideato il test, io non cambio mai i test altrui, ma quando ci vuole un commento lo inserisco, chi ha voluto la guerra ben lo sappiamo
Condurremo Hitler in guerra, sia che lo voglia o meno”. 
– Winston Churchill (1936 trasmissione radio)
“La Germania diventa troppo potente. Dobbiamo schiacciarla”.
– Winston Churchill (Novembre 1936 parlando al Generale US Robert E. Wood)
“Questa guerra è una guerra inglese e il suo scopo è la distruzione della Germania”.
– Winston Churchill (Trasmissione radiofonica dell’autunno 1939)

Giudei :

Emil Ludwig Cohen scrisse nel suo libro “The New World Alliance” (“La nuova Alleanza mondiale”, Strasburgo, 1938):
“Anche se Hitler volesse evitare all’ultimo momento una guerra che lo distruggerebbe, egli sarà, nonostante le sue speranze, obbligato a farla”.
Bernard Lechache scrisse su “The right to live” (“Diritto alla vita”, Dicembre 1938):
“E’ nostro compito organizzare il blocco morale e culturale della Germania e disperdere questa Nazione. Sta a noi iniziare una guerra senza quartiere”.
La rivista ebraica “Sentinel” di Chicago pubblicò nella sua edizione del’8 ottobre 1940:
“Quando i Nazional Socialisti ed i loro amici gridano o sussurrano che questa guerra è condotta dagli Ebrei, hanno perfettamente ragione”.
Quindi è cosa ovvia che chi ha spazzato via metà dell'umanità, i carnefici, sono i presunti "salvatori" e le presunte "vittime").

Il grafico rende anche evidente che, nonostante la percezione popolare, l'opposto del fascismo non è comunismo, ma l'anarchismo (cioè il socialismo liberale), e che l'opposto del comunismo (cioè un'economia prevista del tutto-stato) è il neo-liberismo (cioè l'estrema l'economia liberalizzata).
(Quì si può notare la mancanza del socialismo e conoscendo il dibattito tra studiosi per quanto riguarda la differenza con il comunismo in questo contesto fa riflettere NdR)
grafico con Stalin, Gandhi, Friedman, Thathcher, Hitler
La solita comprensione dell'anarchismo come ideologia di sinistra non tiene conto del "anarchismo" neoliberista sostenuto da artisti del calibro di Ayn Rand, Milton Friedman ed il Libertarian Party Americano, come i darwiniani sociali della destra economica con posizioni liberali sulla maggior parte delle questioni sociali. Spesso i loro impulsi libertari si fermano di fronte all'opposizione di forti posizioni di ordine pubblico, e sono più economiche nella sostanza (cioè tasse) in modo che non siano estremamente libertarie in quanto sono estremamente alla destra. D'altra parte, il collettivismo libertario classica di anarco-sindacalismo (socialismo libertario) appartiene nell'angolo in basso a sinistra.

Nella nostra home page abbiamo demolito il mito che l'autoritarismo è necessariamente "di destra", con gli esempi di Robert Mugabe, Pol Pot e di Stalin. Lo stesso Hitler, su scala economica, non era nell'estrema 
ala destra. Le sue politiche economiche sono sostanzialmente keynesiane, e alla sinistra di alcune parti del lavoro di oggi. Se si potesse avere Hitler e Stalin seduti insieme evitando l'economia, i due autoritari irriducibili avrebbero trovato un sacco di un terreno comune.

Una parola sui neo-conservatori e sui neo-liberali

I neo-conservatori USA, con il loro impegno a ingenti spese militari e l'affermazione globale dei valori nazionali, tendono ad essere più autoritari e di destra dura. Al contrario, i neo-liberali, che si oppongono a tale leadership morale e, più in particolare, per le esigenze che ne derivano sul contribuente, appartengono a una regione più a destra ma meno autoritaria. Paradossalmente, il "libero mercato", in stile gergo neo-con, consente anche la sovvenzione su larga scala del complesso militare-industriale, un notevole grado di welfare aziendale, e il protezionismo quando ritenuto nell'interesse nazionale. Questi sono viste dai neo-liberali come impedimenti alle forze di mercato assolute che essi difendono.

La mia bussola politica
Economica Sinistra / Destra: -5.88
Sociale Libertario / autoritario: -2,87


  grafico personalizzato

Questo documento certifica che Arturo
abita nella sinistra del quadrante libertario
La bussola politica
Fai il test (è del tutto anonimo e le risposte non sono registrate) - ma siate sicuri di controllare le nostre altre pagine, anche ! 

Fonte politicalcompass
Traduzione Arturo Navone


ContanteLibero.it

Articoli correlati